Coronacollina acula: il più antico animale scheletrico

È stato scoperto il più antico animale scheletrico, una creatura a forma di ditale (Coronacollina acula), che viveva sul fondo del mare più di mezzo miliardo di anni fa, dicono i ricercatori.

Queste scoperte fanno luce sull’evoluzione dei primi anni di vita sulla Terra e possono aiutare gli scienziati a riconoscere la vita altrove nell’universo.

Centinaia di fossili dell’animale, chiamato Coronacollina acula, sono stati scoperti in antichi letti di arenaria nell’Australia Meridionale, suggerendo che l’area fosse un tempo un fondale marino poco profondo.

La coronacollina acula è un esempio di uno dei primi animali sulla Terra”, ha detto la ricercatrice Erica Clites, paleontologa della Glen Canyon National Recreation Area dell’Arizona che ha studiato Coronacollina acula mentre era all’Università della California, Riverside.

Coronacollina acula
Coronacollina acula

Le caratteristiche di Coronacollina acula

L’animale misurava fino a 0,6 pollici (1,5 centimetri) di altezza e quasi 0,9 pollici (2,2 cm) di larghezza; che si irradiavano dalla parte superiore del suo corpo c’erano almeno quattro “spicole” aghiformi, ciascuna lunga fino a 14,5 pollici (37 cm), che gli scienziati sospettano fosse usata come scheletro per sostenere il corpo un po’ come i pali di una tenda. Coronacollina acula probabilmente non era in grado di muoversi, e quindi si nutriva come una spugna, filtrando il cibo dall’acqua, dicono i ricercatori.

La creatura ha tra 550 milioni e 560 milioni di anni. Questo lo colloca nel misterioso periodo Ediacarano, quando la vita divenne abbastanza grande da poter essere vista ad occhio nudo. Gli animali dell’Ediacarano sono quasi universalmente bizzarri e difficili da collegare ai gruppi di animali moderni.

“Fino al periodo Cambriano, gli animali erano ritenuti morbidi e non avevano ancora parti dure. La coronacollina acula ha parti dure”, ha affermato Clites. “La coronacollina acula fornisce la prima prova conclusiva di un organismo macroscopico multielemento che possiede strutture di supporto scheletrico all’interno del Ediacarano”.

Il destino degli animali di Ediacar è stato oggetto di dibattito, con molti che hanno suggerito che si trattasse essenzialmente di esperimenti falliti che praticamente si estinsero tutti poco prima dell’esplosiva diversificazione della vita nel periodo Cambriano, quando tutti i principali gruppi di animali si materializzarono rapidamente. Tuttavia, coronacollina acula è costruito nello stesso modo delle spugne del Cambriano, suggerendo che potrebbe essere un anello mancante tra l’Ediacarano e il Cambriano e suggerendo che non tutti gli animali di Ediacar sono scomparsi senza lasciare traccia.

“La coronacollina acula non solo si confronta in buona forma con qualcosa di identificabile – una spugna – ma si confronta soprattutto con la prima spugna del Cambriano Choia” , ha dichiarato Clites. “Più paralleli tra l’Ediacarano e il Cambriano potrebbero essere identificati dai ricercatori in futuro”.

Questi risultati potrebbero anche aiutare un giorno gli scienziati a identificare segni di vita su mondi alieni, ha detto Clites.

“Comprendere la forma che assumono i primi animali sulla Terra potrebbe aiutare gli scienziati a individuare strutture su altri pianeti che altrimenti potrebbero passare inosservate”, spiega Clites. “L’aspetto coronacollina acula ricorda linee e cavità nella roccia, ma sappiamo che queste trame rappresentano un organismo con più elementi. Comprendere le forme in sequenza dei primi animali della terra offre un’immagine di ricerca che può essere utilizzata durante l’esplorazione della stanza”.

Clites e i colleghi Mary Droser e James Gehling hanno dettagliato le loro scoperte online sulla rivista Geology.

 

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

L’elusivo effetto Unruh

Un nuovo approccio potrebbe consentire di rilevare l'elusivo effetto Unruh in poche ore, anziché in miliardi di anni

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Neutrini: nuovi metodi per calcolare il cambiamento di sapore

Un team di ricercatori sta sviluppando un nuovo metodo...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Pulsar: ne sono state scoperte 10 in Terzan 5

Nel cuore della nostra galassia, la Via Lattea, un...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Articoli correlati

Popular Categories