Pasta con melanzane fritte, pesce spada e datterini

Pasta con melanzane fritte, pesce spada e datterini. Una ricetta gustosa, facile e veloce nella preparazione che, in caso di ospiti, vi farà fare di certo un figurone!

0
948

Deliziosi, i primi piatti a base di pesce e verdure. Infinite le possibilità di accostamenti, ad esempio come gamberetti e zucchine nel risotto o con gli spaghetti; oppure, come in questo caso, un tipo gustoso di pasta corta con melanzane fritte e pesce spada. Una ricetta facile e veloce nella preparazione che, in caso di ospiti, vi farà fare di certo un figurone!

Pasta con melanzane e pesce spada: Ingredienti per 4 persone

  • 1 melanzana media freschissima e ben soda
  • 300 g di pesce spada tagliato in un’unica fetta
  • 1/2 kg di pomodorini datterini
  • sale
  • un peperoncino piccante (facoltativo)
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio extravergine d’oliva.
  • 400 g di pasta
  • parmigiano grattugiato q/b

Pasta con melanzane fritte e pesce spada: preparazione

In una larga padella (che possa poi contenere comodamente anche la pasta insieme al condimento) fai imbiondire leggermente uno spicchio d’aglio mondato e schiacciato nell’olio extravergine, quindi eliminalo e fai saltare brevemente la melanzana lavata, asciugata e tagliata a tocchetti.

Appena prendono colore scolali, spolverizzali con un pizzico di sale e tienili da parte su carta assorbente da cucina. Nello stesso olio fai rosolare brevemente il pesce spada, pulito e tagliato a dadini grossolani, poi tieni da parte anche questi.

Sempre nella stessa padella (in questo modo i sapori restano più “concentrati”) aggiungi ancora un filo d’olio, soffriggi l’altro spicchio d’aglio insieme al peperoncino piccante (se gradito). Eliminalo appena prende colore e poi fai cuocere a fiamma vivace i pomodori datterini, lavati e tagliati a metà, per 10 minuti (aggiungendo un mestolino d’acqua calda se troppo asciutti). Aggiusta di sale e poi spegni il fuoco.

Pasta con melanzane fritte e pesce spada, facile e veloce!

Nel frattempo metti la pentola sul fuoco con l’acqua per la pasta. A inizio bollore sala, butta la pasta e falla cuocere piuttosto al dente, quindi scolala e versala nella padella col sughetto di pomodori datterini.



Saltale brevemente insieme ai dadini di pesce spada e le melanzane fritte, cospargendo il tutto con una generosa manciata di parmigiano (qualcuno inorridirà pensando, “ma come, il formaggio insieme al pesce?”). Ebbene, si, in questo caso ci sta benissimo e aiuta a mantecare la pietanza!

Se hai poco tempo a disposizione, in una versione più veloce potresti soffriggere tutto insieme, pesce spada e melanzane, ma il risultato (anche se buono comunque) sarebbe molliccio e non troppo invitante. Cuocere a parte i due ingredienti principali della ricetta, invece, permette di mantenere la consistenza e un aspetto più goloso.

Il vino adatto

I vini da accompagnare a questo piatto a base di pescespada sono giovani, bianchi e freschi: dal Greco di Tufo campano, alla Vernaccia di San Gimignano toscana, dal Verdicchio di Matelica della cantina Monacesca (Matelica – Macerata), al Trento DOC brut della cantina Abate Nero.

2