Congelare il cibo senza rischi per la salute: le regole fondamentali

Per risparmiare e mantenere intatti i nutrienti, per evitare di comprare alimenti surgelati, per avere sempre delle scorte a disposizione. I motivi per congelare il cibo, insomma, sono davvero tanti.

Prima di procedere si raccomanda l’igiene ed eventuali danneggiamenti alle fibre degli alimenti: quando si rompono, infatti, perdono le sostanze nutrienti e assumono una consistenza gommosa, molto sgradevole.

Congelare gli alimenti in modo ottimale: le regole

Evita di congelare frutti molto acquosi (come ad esempio melone e anguria), insalata, uova, formaggi molli, yogurt: con il gelo  perderebbero completamente consistenza, quindi, una volta fuori dal congelatore diventerebbero una poltiglia molliccia. Per tutti gli altri invece, non ci sono problemi particolari.

Il cibo va congelato nel più breve tempo possibile. Più velocemente si congela, migliore è la sua qualità una volta estratto dal frigorifero.

Gli alimenti non vanno mai accatastati nei cassetti: i contenitori vanno disposti in un unico strato, avendo cura di lasciare spazio per far circolare l’aria intorno. In questo modo il procedimento viene velocizzato. Al contrario, quando si congela lentamente, sul cibo si formano grandi cristalli di ghiaccio che possono renderlo molle. Questo passaggio è tra i più importanti, non dimenticarlo!

Tempi di conservazione – Gran parte dei piatti cucinati si conserva per 2 o 3 mesi nel congelatore, ad esempio un Indesit OS 1A 100. Per assicurarti che la temperatura dell’unità si mantenga a 0° o inferiore, puoi anche utilizzare un termometro.

Una scorta intelligente nel congelatore

Quando prepari i tuoi piatti, se riesci aumenta le dosi. Farle doppie (o anche triple) e congelare altre porzioni da utilizzare un altro giorno, è un modo intelligente per ridurre il lavoro in cucina durante la settimana. Però devi farlo bene, altrimenti tanta fatica potrebbe essere inutile.

Questa guida ti mostra le giuste regole per congelare un’infinità di piatti: stufati, zuppe di verdure e legumi, sformati, ortaggi di ogni tipo, carni, pesce, pollame e altro.

Seguendole, potrai portare sul tavolo pasti gustosi e nutrienti ogni sera, anche quando fai tardi al lavoro o succede l’imprevisto: non è un ottimo modo per risparmiare, oltre che soldi, tempo e fatica?

La guida con i passaggi fondamentali

  • Nelle ore precedenti ricordati di aumentare la potenza del congelatore.
  • Il gelo si mantiene meglio a pieno carico, piuttosto che a congelatore mezzo vuoto
  • Soprattutto per quanto riguarda le verdure, i risultati migliori si ottengono quando sono fresche di giornata.
  • Non esagerare nelle quantità, congela poco per volta e chiudi velocemente lo sportello.
  • Sistema gli alimenti su un vassoio in un unico strato, quindi mettili in sacchetti o contenitori con coperchio a tenuta ermetica. Su ognuno scrivi sempre il contenuto, data di congelazione, nome del piatto, il peso (se lo hai misurato) con un pennarello indelebile.
  • I cibi congelati non devono essere messi a contatto con quelli da congelare
  • Questa è una regola che dovremmo conoscere tutti, ma non si sa mai: qualche inesperto potrebbe trascurarla! Mai ricongelare un cibo già scongelato, potrebbe essere già iniziato il processo di degradazione. Puoi invece farlo tranquillamente con una preparazione a base di alimenti surgelati.
  • I cibi devono essere scongelati su un vassoio, all’interno del frigo. Mai a temperatura ambiente. Oltre a non essere igienico, infatti, si rovina la consistenza.
  • Infine, è necessario far raffreddare completamente i piatti appena cucinati, prima di metterli nel congelatore. Se sono ancora caldi può aumentare la temperatura degli altri alimenti, provocando il loro scongelamento e successivo ricongelamento parziale, il che può alterare sia la consistenza che il gusto di alcuni.

Seguendo questi semplicissimi accorgimenti potrai consumare in tutta sicurezza i cibi che tu stesso, con pazienza e fatica, avrai messo nel congelatore. E sarà comodissimo, nelle sere in cui non hai voglia di cucinare!

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Medioevo: la vita quotidiana delle persone

Il Medioevo è associato a battaglie epiche, storie leggendarie,...

Progetto ITER: svolta nell’energia da fusione

Il progetto di energia da fusione ITER ha segnato...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Articoli correlati

Popular Categories