giovedì, Ottobre 5, 2023
migliori casino non aams
HomeScienzaEsplorazione SpazialeConfermata presenza di zolfo al polo sud della Luna

Confermata presenza di zolfo al polo sud della Luna

Il rover lunare indiano ha confermato la presenza di zolfo e rilevato diversi altri elementi sulla superficie vicino al polo sud della Luna una settimana dopo lo storico allunaggio del paese

Il rover lunare indiano Vikram ha confermato, nel corso delle sue ricerche, la presenza di zolfo, così come di altri elementi, vicino al polo sud della Luna: in quel momento il rover era alla ricerca di segni ghiaccio d’acqua.

A quasi una settimana dall’allunaggio, ecco le prime fondamentali scoperte da parte del rover che, ci si augura, non saranno le uniche. A riportare la notizia è stata l’agenzia spaziale indiana martedì scorso.

Ma le news non finiscono qui! L’organizzazione indiana per la ricerca spaziale, o ISRO, in un post sul suo sito web ha affermato che lo spettroscopio del rover ha inoltre scoperto la presenza di elementi quali ferro, calcio, alluminio, cromo, titanio, manganese, ossigeno e silicio sulla superficie lunare.

Gli esperimenti e il percorso del rover Chandrayaan-3

Il rover lunare era sceso da una rampa dal lander della navicella spaziale indiana dopo l’atterraggio di mercoledì scorso vicino al polo sud della Luna. Si prevede che il Rover Vikram, portato sulla Luna dalla navicella Chandrayaan-3 condurrà esperimenti per 14 giorni, ha affermato l’ISRO.

Il rover “conferma inequivocabilmente la presenza di zolfo”, ha detto l’ISRO. Sta anche cercando segni di acqua ghiacciata che potrebbe aiutare le future missioni degli astronauti, come potenziale fonte di acqua potabile o per produrre carburante per missili. Il rover studierà anche l’atmosfera lunare e l’attività sismica, ha detto il presidente dell’ISRO, S. Somnath.


Lunedì, il percorso del rover è stato riprogrammato quando si è avvicinato a un cratere largo 4 metri. “Ora si sta dirigendo in sicurezza su un nuovo percorso”, ha affermato l’ISRO. L’imbarcazione si muove a una velocità lenta di circa 10 centimetri (4 pollici) al secondo per ridurre al minimo gli urti e i danni al veicolo causati dal terreno accidentato della Luna. Dopo il fallito tentativo di sbarco sulla Luna nel 2019, la scorsa settimana l’India si è unita a Stati Uniti, Unione Sovietica e Cina come quarto paese a raggiungere questo traguardo.

L’India si conferma potenza tecnologica

Come fa notare ABCnews, il successo della missione mette in luce la crescente posizione dell’India come potenza tecnologica e spaziale e si adatta perfettamente all’immagine che il primo ministro Narendra Modi sta cercando di proiettare: un paese in ascesa che afferma il suo posto tra le élite globali. La missione è iniziata più di un mese fa con un costo stimato di 75 milioni di dollari.

Il successo dell’India è arrivato pochi giorni dopo che la sonda Luna-25 della Russia, che puntava alla stessa regione lunare, è entrata in un’orbita incontrollata e si è schiantata. Sarebbe stato il primo atterraggio lunare russo riuscito dopo un intervallo di 47 anni. Il capo della società spaziale russa Roscosmos, controllata dallo stato, ha attribuito il fallimento alla mancanza di competenze dovute alla lunga interruzione della ricerca lunare che seguì l’ultima missione sovietica sulla Luna nel 1976.

Attiva dagli anni ’60, l’India ha lanciato satelliti per sé e per altri paesi e nel 2014 ne ha messo con successo uno in orbita attorno a Marte. L’India sta pianificando la sua prima missione sulla Stazione Spaziale Internazionale il prossimo anno, in collaborazione con gli Stati Uniti.

Cosa sappiamo sul polo sud della Luna

Il polo sud della Luna è una regione interessante per la sua topografia unica e per le caratteristiche che la distinguono dalle altre parti del nostro satellite naturale. Il polo sud lunare è caratterizzato dal cratere Shackleton, un cratere profondo e permanente nell’oscurità. Questo lo rende un luogo intrigante per studi scientifici, poiché potrebbe contenere ghiaccio e altri materiali preziosi che si sono accumulati nel corso di miliardi di anni. Vi è poi la depressione Aitken, un bacino di impatto che si è formato miliardi di anni fa a seguito di un grande impatto. La sua dimensione e profondità la rendono un’area di grande interesse per gli scienziati che vogliono studiare la storia dell’evoluzione della Luna e l’impatto degli eventi catastrofici passati.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular