2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeEsplorazione SpazialeCome cambierà la comunicazione per gli equipaggi in missione nello spazio profondo

Come cambierà la comunicazione per gli equipaggi in missione nello spazio profondo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

I futuri coloni planetari sperimenteranno l’isolamento come nessun altro gruppo nella storia umana, motivo per cui gli scienziati stanno cercando di capire come comunichiamo nelle situazioni più estreme.

In un articolo pubblicato su Frontiers, i ricercatori russi hanno osservato volontari in isolamento che tentavano di replicare la vita nello spazio profondo per vedere come avrebbe avuto un impatto sul loro umore e sui loro stili di comunicazione. Nonostante alcune differenze iniziali, l’eventuale coesione della squadra offre speranza per i futuri coloni della Luna e di Marte.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Elton John ha cantato che Marte “non è il tipo di posto dove crescere i tuoi figli“, ma un giorno le agenzie spaziali di tutto il mondo sperano di dimostrargli che si sbaglia vedendo il primo umano stabilire la prima colonia sul Pianeta Rosso, e altrove nel sistema solare.

Tuttavia, coloro che intraprendono il viaggio non dovranno solo sopravvivere su un pianeta gelido senza un’atmosfera respirabile, ma vivranno in isolamento a differenza di qualsiasi altro esploratore nella storia umana.

Nella sua massima vicinanza, Marte è ancora a quasi 55 milioni di km dalla Terra, il che rende inevitabili ritardi nelle comunicazioni e problemi di approvvigionamento tra i due mondi. Ciò richiede ai membri degli equipaggi di affrontare efficacemente le condizioni di stress da soli, con limitate risorse autonome disponibili.

Con poche possibilità di condurre una prova nello spazio, gli scienziati hanno fatto ricorso a più esperimenti terrestri per vedere come gli astronauti affrontano tali sfide. Un precedente esperimento di isolamento chiamato Mars-500 ha rivelato un distacco psicologico dal controllo della missione tra coloro che vi hanno preso parte, suscitando il timore che potesse portare alla resistenza dei futuri equipaggi nello spazio profondo a qualsiasi comando.

Nel 2017 e nel 2019, sono stati condotti altri due esperimenti di isolamento denominati SIRIUS (Ricerca scientifica internazionale nella stazione terrestre unica) per periodi di 17 giorni e quattro mesi, rispettivamente, in una struttura a Mosca, in Russia, utilizzando equipaggi internazionali di genere misto. Queste missioni hanno studiato gli effetti dell’isolamento e del confinamento sulla psicologia umana, la fisiologia e le dinamiche di squadra per aiutare a prepararsi per l’esplorazione dello spazio di lunga durata oltre la Terra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ora, i ricercatori hanno pubblicato un articolo su Frontiers in Physiology che rivela come la comunicazione degli equipaggi con il mondo esterno in questi esperimenti non solo è diminuita nel tempo, ma inizialmente ha causato attrito e alla fine ha portato alla coesione.

Gli equipaggi in tali missioni tendono a ridurre la comunicazione con il controllo della missione durante l’isolamento, condividendo sempre di meno le esigenze ed i problemi“, ha affermato il dott. Dmitry Shved, dell’Accademia russa delle scienze (RAS) e del Moscow Aviation Institute, nonché un autore dello studio.

Le rare esplosioni di contatti sono state osservate durante importanti eventi di missione (es. simulazione di atterraggio). Inoltre, c’è stata una convergenza degli stili di comunicazione di tutti i membri dell’equipaggio SIRIUS e un aumento della coesione dell’equipaggio nel corso della loro missione. Questo è successo anche se la composizione dell’equipaggio era diversa per genere e anche per background culturale, con differenze individuali pronunciate”.

Tra i diversi modi in cui è stato misurato il comportamento degli equipaggi c’era il monitoraggio delle espressioni facciali e delle caratteristiche acustiche del parlato (intensità, frequenza e variabilità del discorso) dalle registrazioni video.

Durante SIRIUS-19, i ricercatori hanno registrato 320 conversazioni audio con osservatori esterni della durata di 11 ore solo nei primi 10 giorni. Tuttavia, negli ultimi 10 giorni, le conversazioni sono scese a sole 34 per un totale di 77 minuti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

A 11 giorni dall’inizio dell’esperimento, è stato aggiunto un ritardo di comunicazione artificiale simile a quello che sarebbe sperimentato da coloro che vivono sulla Luna, su Marte e oltre. Nel corso di quattro mesi, il numero di videomessaggi inviati al controllo missione è diminuito da 200 nella prima settimana di isolamento a 115-120. Anche la durata di questi video è diminuita in modo significativo.

In queste condizioni, i ricercatori hanno anche notato differenze nella comunicazione tra uomini e donne partecipanti. Nelle donne, c’erano più manifestazioni di emozioni di gioia e tristezza, mentre negli uomini era più probabile che mostrassero rabbia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Va generalmente notato che, mentre le parti maschile e femminile dell’equipaggio SIRIUS-19 hanno mostrato differenze significative nello stile e nel contenuto della loro comunicazione con il centro di controllo nel primo mese di isolamento, poi, nel corso dell’esperimento , queste differenze sono state appianate“, hanno scritto gli autori.

Secondo Shved: “I nostri risultati mostrano che in condizioni autonome, gli equipaggi subiscono ‘autonomizzazione’ psicologica, diventando meno dipendenti dal controllo della missione”.

Inoltre, gli equipaggi in tali condizioni tendono ad aumentare la loro coesione quando i membri diventano più vicini e più simili tra loro, nonostante le loro differenze personali, culturali e di altro tipo. Quindi, questi fenomeni sembrano promettenti per la futura esplorazione del sistema solare o per qualsiasi squadra che vive e lavora in isolamento sulla Terra”.

Guardando al futuro, Shved e i suoi colleghi ricercatori mirano ad analizzare più dati dall’ultimo esperimento di isolamento, SIRIUS-21, iniziato il 4 novembre di quest’anno. Questo, ha detto, aiuterà a superare la limitazione di una piccola dimensione del campione che viene fornita con esperimenti così unici.

Le nostre scoperte pongono serie domande che dovrebbero essere prese in considerazione [prima di inviare equipaggi sulla luna, su Marte e su altri pianeti]“, ha detto Shved.

La parte promettente è che gli equipaggi sembrano diventare più autonomi e indipendenti dalla Terra. La crescente coesione dell’equipaggio dovrebbe anche aiutarli ad affrontare vari problemi durante la loro missione”.

Articoli più letti