Come trasformare in profitto i rifiuti di plastica

Sono maturate diverse tecnologie che consentono alle persone di riciclare la plastica di scarto direttamente stampandola in 3D in prodotti di valore, a una frazione del loro costo normale

5030

La maggior parte delle persone sono più incentivate a riciclare la plastica se possono fare soldi in questo modo. Nei luoghi in cui vengono offerti contanti per lattine e bottiglie, il riciclaggio di metallo e vetro ha avuto un grande successo. Purtroppo, gli incentivi per il riciclaggio della plastica sono stati più deboli e in molte nazioni non viene offerto nessun incentivo per il riciclo. A partire dal 2015, solo il 9% dei rifiuti di plastica viene riciclato. Il resto inquina le discariche o l’ambiente.

Ma ora sono maturate diverse tecnologie che consentono alle persone di riciclare la plastica di scarto direttamente stampandola in 3D in prodotti di valore, a una frazione del loro costo normale. Le persone utilizzano la propria plastica riciclata per realizzare decorazioni e regali, prodotti per la casa e il giardino, accessori e scarpe, giocattoli e giochi, articoli sportivi e gadget da milioni di modelli gratuiti. Questo approccio è chiamato riciclaggio distribuito e produzione additiva, o in breve DRAM.


Come funziona la DRAM

Il metodo DRAM inizia con i rifiuti di plastica, dagli imballaggi usati ai prodotti rotti.

Un grafico che mostra i vari percorsi che i rifiuti di plastica possono seguire per diventare prodotti riciclati di plastica personalizzati.
Un grafico che mostra i vari percorsi che i rifiuti di plastica possono seguire per diventare prodotti riciclati di plastica personalizzati. Dalla spazzatura al tesoro: il diagramma di flusso DRAM. Joshua M. Pearce , CC BY

Il primo passo è ordinare e lavare la plastica con acqua e sapone o addirittura metterla in lavastoviglie. Successivamente, la plastica deve essere macinata in particelle. Per piccole quantità, un distruggidocumenti a taglio incrociato / CD funziona bene. Per quantità maggiori, sono disponibili online piani open source per un granulatore di plastica per rifiuti industriali.

Il passo successivo consiste nel convertire le particelle in un filamento per stampante 3D utilizzando un recyclebot, un dispositivo che trasforma la plastica macinata nei filamenti simili a spaghetti utilizzati dalla maggior parte delle stampanti 3D a basso costo.

Il filamento realizzato con un recyclebot stampabile in 3D è incredibilmente economico, costa un centesimo 500 grammi circa rispetto ad un filamento commerciale, che costa circa 8,50 euro ogni 500 grammi.

C’è un secondo approccio che è possibile utilizzare: si può saltare la fase di creazione del filamento e utilizzare la fabbricazione di particelle fuse per stampare direttamente in 3D la plastica di scarto granulata in prodotti. Questo approccio è più adatto a prodotti di grandi dimensioni su stampanti più grandi, come la stampante GigabotX commerciale open source, ma può essere utilizzato anche su stampanti desktop.

I rifiuti di plastica granulati possono anche essere stampati direttamente con una stampante a siringa, sebbene questo sia un procedimento più macchinoso perché il volume di stampa è limitato dalla necessità di ricaricare la siringa.

È stato dimostrato che la maggior parte delle stampanti 3D funzionano non solo con le due plastiche di stampa 3D più popolari, ABS e PLA, ma anche con un lungo elenco di materie plastiche che probabilmente usi ogni giorno, comprese le bottiglie d’acqua in PET. È ora possibile convertire qualsiasi rifiuto di plastica con un simbolo di riciclaggio in prodotti di valore.

Inoltre, un’iniziativa di “ecoprinting” in Australia ha dimostrato che la DRAM può funzionare in comunità isolate senza riciclo e senza alimentazione utilizzando sistemi a energia solare. Ciò rende la DRAM applicabile ovunque vivano gli esseri umani, i rifiuti di plastica sono abbondanti e il sole splende, il che accade praticamente ovunque.

Verso un’economia circolare

La ricerca ha dimostrato che questo approccio al riciclaggio e alla produzione non è solo migliore per l’ambiente, ma è anche altamente redditizio per i singoli utenti che possono realizzare i propri prodotti, nonché per le piccole e medie imprese. Realizzare i tuoi prodotti da progetti open source ti fa semplicemente risparmiare denaro.

La DRAM consente di realizzare prodotti personalizzati a un prezzo inferiore all’imposta sulle vendite sui prodotti di consumo convenzionali. Esistono già milioni di modelli gratuiti stampabili in 3D: di tutto, dagli ausili per l’apprendimento per i bambini ai prodotti per la casa agli ausili adattivi per chi soffre di artrite. I prosumer stanno già stampando in 3D questi prodotti, risparmiando collettivamente milioni di dollari.

Uno studio ha rilevato che gli utenti di MyMiniFactory hanno risparmiato oltre $ 4 milioni in un solo mese nel 2017 solo realizzando i giocattoli stessi, invece di acquistarli. I consumatori possono investire in una stampante 3D desktop spendendo poco più di 200 euro e ottenere un ritorno sull’investimento di oltre il 100% realizzando i propri prodotti. Il ritorno sull’investimento aumenta se si utilizza plastica riciclata. Ad esempio, l’utilizzo di un recyclebot sulla plastica dei computer di scarto consente di stampare 300 paraluce per fotocamere allo stesso prezzo di uno singolo su Amazon.

Gli individui possono anche trarre profitto stampando oggetti 3D per altri. Migliaia di persone offrono i loro servizi in mercati come Makexyz , 3D Hubs , Ponoko o Print a Thing.

Piccole aziende o fab lab possono acquistare stampanti industriali come GigabotX e ottenere rendimenti elevati stampando attrezzature sportive di grandi dimensioni come racchette da neve, tavole da skateboard e pagaie per kayak dai rifiuti locali.

Le grandi aziende che producono prodotti in plastica riciclano già i propri rifiuti. Ora, con la DRAM, anche le famiglie possono farlo. Se molte persone iniziano a riciclare la propria plastica, ciò aiuterà a prevenire l’impatto negativo che la plastica sta avendo sull’ambiente. In questo modo la DRAM può fornire un percorso verso un’economia circolare, ma non sarà in grado di risolvere il problema della plastica fino a quando non diventerà un’abitudine di massa.

Il filamento della stampante 3D è ora elencato in Amazon Basics insieme ad altri “oggetti di uso quotidiano“, il che indica che le stampanti 3D a base di plastica stanno diventando di uso comune anche se la maggior parte delle famiglie non ha ancora una stampante 3D domestica, per non parlare di reyclebot o GigabotX.

Affinché la DRAM diventi un percorso praticabile verso l’economia circolare, strumenti più grandi potrebbero essere ospitati in imprese a livello di quartiere come negozi locali, makerspace, laboratori di fabbricazione o persino scuole. La Francia sta già studiando la creazione di piccole imprese che raccolgono i rifiuti di plastica nelle scuole per realizzare filamenti 3D.