Come si decomporrebbero gli umani su Marte?

Marte ha dominato i titoli recenti mentre la nuova generazione di esploratori robotici mira a scoprire i suoi segreti. Ma un giorno, i robot non saranno gli unici abitanti del Pianeta Rosso. Gli esploratori umani  saranno i prossimi.

E se stiamo inviando un piccolo equipaggio in un viaggio di andata e ritorno o facendo la spola con i coloni con un biglietto di sola andata, un giorno, in qualche modo, qualcuno morirà su Marte. E a causa della logistica e dei costi potenzialmente proibitivi per il trasporto del corpo a casa, potrebbe essere necessario rimanere lì.

Allora, cosa accadrebbe a un cadavere su Marte?

Come funziona la decomposizione

Gli esseri umani si sono evoluti sulla Terra e il nostro pianeta natale è l’ambiente perfetto per noi, vivi o morti. Sulla Terra, i resti umani alla fine si decompongono mentre l’ambiente ricicla la biomassa del corpo, il materiale organico che ci costituisce. “Alcuni organismi fondamentalmente si sono evoluti per sfruttare la biomassa di organismi morti. È proprio la loro cosa, la loro nicchia”, afferma Nicholas Passalacqua, direttore del programma di antropologia forense presso la Western Carolina University di Cullowhee, nella Carolina del Nord.

Ecco cosa succede (fondamentalmente) quando una persona muore e si decompone, secondo Melissa Connor, professoressa di antropologia forense presso la Colorado Mesa University di Grand Junction, in Colorado. All’inizio, il corpo si raffredda (algor mortis) e il sangue inizia a raccogliersi per gravità (livor mortis). Il rigor mortis, o irrigidimento temporaneo dei muscoli, inizia. Quindi, le cellule iniziano a disgregarsi mentre gli enzimi del corpo le distruggono, un processo chiamato autolisi. Quindi si verifica la putrefazione, poiché i batteri che ci aiutano a digerire il nostro cibo continuano a viaggiare.

Sono l’autolisi e la putrefazione che causano cose come scolorimento e altri cambiamenti della pelle, oltre al gonfiore. Anche gli spazzini (come insetti, uccelli o altri animali) e in seguito i funghi si trasferiscono, prendendosi cura del resto della pulizia.

Sulla Terra, il principale fattore che influenza la decomposizione è la temperatura, dice Passalacqua“La temperatura è davvero un fattore importante per le cose che metabolizzano – che mangiano – i tessuti umani”, afferma. “Quindi, quando pensi agli insetti come un tipo primario di spazzini dei tessuti molli umani, l’attività degli insetti dipende davvero dalla temperatura”.

La temperatura è un fattore anche per un altro motivo. “La sublimazione si verifica in ambienti gelidi: l’acqua congelata fuoriesce in gas senza passare attraverso la forma liquida”, afferma Connor, allo stesso modo in cui i vestiti bagnati possono ancora asciugare appesi all’esterno in inverno. Quindi, negli ambienti gelidi della Terra in cui l’acqua sublima e il freddo interrompe processi come l’autolisi, “la sublimazione disidrata i resti e crea mummie”, afferma.

L’ambiente marziano

Sebbene Marte potesse sembrare più simile alla Terra in passato, oggi è un pianeta freddo e secco con un’atmosfera estremamente sottile composta per il 95 percento di anidride carbonica e solo per lo 0,16 percento di ossigeno.

La temperatura media di Marte si aggira intorno ai -81 gradi Fahrenheit (-63 gradi Celsius), ma può variare notevolmente in base alla località e alla stagione. Ad esempio, nell’ottobre 2020, Mars InSight ha  riportato massime fino a 24 F (–4 C) durante la parte più calda del giorno e minime di –140 F (–96 C) durante la notte.

E, naturalmente, non c’è acqua liquida e nessun organismo vivente conosciuto oggi sulla superficie del Pianeta Rosso.

Mummie su Marte

Tutto questo è il motivo per cui Connor e Passalacqua sono d’accordo: un corpo su Marte, se lasciato fuori o addirittura sepolto nel terreno marziano sciolto, probabilmente si asciugherebbe e mummifica.

Le prime fasi – algor mortis, livor mortis e rigor mortis – avrebbero ancora luogo, dice Connor. Ma potrebbe non esserci quasi nessun altro segno evidente di decomposizione, aggiunge. L’autolisi e la putrefazione continuerebbero fino al congelamento del corpo, con un avvertimento significativo: la maggior parte dei batteri nel nostro corpo sono aerobici, il che significa che hanno bisogno di ossigeno per funzionare. Su Marte, solo i batteri anaerobici che non richiedono ossigeno potrebbero proliferare fino al congelamento, il che significa che la putrefazione sarebbe severamente limitata.

Dopo il congelamento, il corpo si secca, lasciando dietro di sé una mummia naturale ben conservata, che potrebbe rendere gelosi gli antichi egizi. “I tessuti essiccati sarebbero probabilmente molto stabili per un periodo indefinito”, afferma Connor.

“Se si pensa a quei corpi di torbiera del periodo medievale, suppongo che sarebbe più o meno così”, dice Passalacqua. Quei corpi – anche straordinariamente ben conservati – sono mummificati in parte perché le torbiere sono ambienti poveri di ossigeno, che limitano ancora una volta la degradazione del corpo e impediscono alla maggior parte degli organismi di entrare e finire il lavoro.

“Se pensi a un corpo che passa da qualcosa che sembra una persona a qualcosa che assomiglia a uno scheletro, non credo che lo otterrai davvero nell’ambiente marziano. I corpi potrebbero seccarsi e mummificarsi, ma non credo che molto altro cambierebbe”, dice Passalacqua.

Polvere alla polvere?

Le mummie marziane eccezionalmente conservate potrebbero sembrare un’idea interessante. E l’opzione più semplice e diretta è, infatti, seppellire il defunto. Tuttavia, se gli insediamenti umani su Marte decollassero davvero, i cimiteri potrebbero richiedere un po’ di pianificazione e previdenza urbanistica, poiché i corpi in essi contenuti non si decomporrebbero, impedendo il riutilizzo delle trame.

La cremazione, sebbene sia un’opzione popolare ed efficiente in termini di spazio per lo smaltimento dei corpi sulla Terra, probabilmente non è il metodo migliore su Marte. Questo perché la cremazione richiede di mantenere una camera superiore a circa 1.000 F (538 C) per diverse ore, il che a sua volta richiede un immenso apporto di energia. In un ambiente in cui tale carburante potrebbe essere limitato, questa è una soluzione costosa. “È un’enorme quantità di energia che viene sprecata solo per bruciare un corpo e non usarla per nient’altro”, ipotizza Passalacqua.

Ma sia la sepoltura che la cremazione hanno un notevole svantaggio: la perdita di biomassa potenzialmente preziosa. Ricorda che sulla Terra, la decomposizione è l’ultimo programma di riciclaggio, restituendo quella biomassa all’ambiente. “L’ambiente in cui ci troviamo sulla Terra, vuole sempre sfruttare la biomassa il più possibile. Ma l’ambiente di Marte non sarà affatto in grado di sfruttare quelle risorse, saranno solo risorse perse per tutti”, osserva Passalacqua.

In un luogo in cui portare le proprie risorse comporta elevati costi monetari e fisici, è davvero l’ideale?

Forse la scelta migliore potrebbe essere quella di riciclare quella biomassa, come accadrebbe sulla Terra. Vale la pena notare, ovviamente, che processi come l’imbalsamazione arrestano in gran parte la decomposizione, quindi tutte le discussioni sulla decomposizione sulla Terra si riferiscono a resti non imbalsamati. In tal caso, potrebbe essere meglio seppellire un corpo non all’esterno nel suolo marziano, ma invece è in una serra di decomposizione simile alla Terra a temperatura e umidità controllata con organismi come insetti e funghi per trasformare alla fine quel corpo in fertilizzante o terreno utilizzabile. Naturalmente, quegli organismi avrebbero bisogno di fonti di cibo alternative quando non ci sono corpi da consumare, aggiunge Passalacqua.

Tuttavia, c’è uno scenario che potrebbe cambiare tutto questo: con i nostri batteri aerobici incapaci di funzionare, affamati di ossigeno nell’atmosfera di Marte, i nostri batteri anaerobici potrebbero adattarsi all’ambiente marziano, forse rendendo possibile la decomposizione dei corpi. “L’evoluzione è in corso e può avvenire rapidamente”, afferma Connor, notando, ad esempio, la rapida comparsa di varianti di COVID-19 durante la pandemia. “E quindi non sarei sorpreso se qualcosa che abbiamo portato dalla Terra si evolvesse rapidamente per sfruttare una nuova fonte di cibo, in particolare se ci fosse un cimitero di coloni”.

Oggi, gli unici resti su Marte sono quelli di missioni robotiche defunte, che punteggiano scarsamente il paesaggio mentre si raccolgono strato dopo strato di polvere rosso ruggine. Ma quando arrivano gli umani, c’è chiaramente molto che dovremo pianificare, incluso cosa fare con i nostri morti.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Perseidi: potrai ammirarle nelle notti dell’11 e del 12 agosto 2024

Il miglior spettacolo di meteore dell'estate si verificherà durante...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Data center e l’IA: ufficiale impatto negativo in 2 ambiti

Negli ultimi anni, i data center e l'IA (Intelligenza...

Civiltà Maya: straordinario ritrovamento di 3 piramidi

Nel cuore delle foreste tropicali del Messico, un team...

Titano: i suoi mari di idrocarburi indicano processi geologici e metereologici in atto

I ricercatori della Cornell University hanno utilizzato i dati...

Articoli correlati

Popular Categories