Come parleremo con gli alieni?

Se mai avremo contatti con una civiltà extraterrestre, saremo in grado di comunicare con loro? Useranno una lingua che potremmo comprendere?

0
1181

A dicembre del 2020, l’ex direttore della CIA John Brennan ha detto che è “presuntuoso e arrogante” credere che non ci siano altre forme di vita oltre a quelle sulla Terra, riferendosi ai recenti video rilasciati dal Pentagono degli avvistamenti di UFO della US Navy. 

Penso che alcuni dei fenomeni che vediamo continuano a essere inspiegabili e potrebbero, in effetti, essere un tipo di fenomeno che è il risultato di qualcosa che non comprendiamo ancora e che potrebbe coinvolgere un certo tipo di attività che alcuni potrebbero dire costituiscono una forma di vita diversa“, ha detto nel podcast “Conversazioni con Tyler“.

Il che solleva la domanda profonda: se mai avremo contatti con una civiltà extraterrestre, saremo in grado di comunicare con loro? Useranno una lingua che potremmo comprendere?

La grande domanda

Secondo il linguista Noam Chomsky, “la lingua marziana potrebbe non essere così diversa dalla lingua umana, dopotutto“. E, “se un marziano visitasse la Terra, penserebbe che parliamo tutti dialetti della stessa lingua, perché tutte le lingue terrestri condividono una struttura sottostante comune“, in pratica esiste una sorta di “grammatica universale“. 

Altri credono anche che poiché le leggi dell’universo sono presumibilmente le stesse ovunque, il linguaggio utilizzato dalle civiltà aliene potrebbe essere fondamentalmente simile. Stephen Krashen, d’altra parte, ha scritto “È possibile che il linguaggio alieno sarà completamente diverso dalle lingue umane“.



Tuttavia, se una sonda aliena atterrasse sulla Terra e parlasse una lingua che viola la grammatica universale, semplicemente non saremmo in grado di imparare quella lingua nel modo in cui impariamo una lingua umana come l’inglese o il cinese, spiega Chomsky.

I fautori della ricerca dell’intelligenza extraterrestre (SETI) stimano che incontreremo un’intelligenza aliena entro i prossimi decenni. Anche se si tiene una stima più prudente – diciamo che la possibilità di incontrare intelligenza aliena nei prossimi 50 anni è del 5% – la posta in gioco per la nostra specie è alta. 

Sapere che non siamo soli nell’universo sarebbe una consapevolezza profonda e il contatto con una civiltà aliena potrebbe produrre sorprendenti innovazioni tecnologiche e intuizioni culturali.

Quindi, dovremmo chiederci: come potrebbero pensare gli alieni? E, forse ancora più importante, come comunicheranno?.

Civiltà postbiologiche

Le civiltà più sofisticate saranno postbiologiche, forme di intelligenza artificiale (AI)“, afferma la filosofa Susan Schneider dell’Istituto di studi avanzati. Inoltre, le civiltà aliene tenderanno ad essere forme di superintelligenza: intelligenza in grado di superare la migliore intelligenza a livello umano in ogni campo: abilità sociali, saggezza generale, creatività scientifica.

Oltre a incontrare una specie di IA, possiamo aspettarci di imparare una lingua aliena? 

Il primo ostacolo sarebbe il suo mezzo. Gli esseri umani comunicano in una gamma di frequenze del suono di 85-255 Hz e nella gamma di frequenze della luce di 430-770 THz. È improbabile che questo sia vero per gli alieni, che si saranno evoluti in modo diverso. 

Tuttavia, il problema è in gran parte tecnico. I canti ultrasonici delle balene che sarebbero altrimenti impercettibili agli umani, ad esempio, mostrano che è relativamente facile mappare gli stimoli “alieni” in forme che gli umani possono percepire.

Gli alieni senzienti potrebbero non aver bisogno di una lingua. È del tutto possibile, infatti, che una civiltà aliena possa svilupparsi solo con una comunicazione non linguistica o con una proto-lingua.

insomma, dovremmo far tesoro della lezione del film “Arrival“.

2