15.7 C
Rome
sabato, Dicembre 10, 2022
HomeAttualitàCome arrivano le armi in Ucraina

Come arrivano le armi in Ucraina

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Da novembre 2021, gli Stati Uniti hanno fornito svariate spedizioni di aiuti militari all’Ucraina, inviando armi ed equipaggiamento dai propri stock detenuti nelle basi in tutta Europa. Gli Stati Uniti hanno fornito di tutto, dai fucili e giubbotti antiproiettile ai missili Stinger in grado di abbattere elicotteri o jet da combattimento, oltre ai Javelins, sistemi d’arma anti-corazza usati per distruggere i carri armati.

Una volta che gli Stati Uniti approvano una richiesta di aiuto militare, come fanno le armi a passare dai siti di stoccaggio statunitensi in Europa nelle mani dei soldati ucraini? Quali passi sono coinvolti nella logistica del trasferimento di armi e attrezzature dall’Europa in una zona di combattimento attiva?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Catene di approvvigionamento

Per capire come le merci militari passano dallo stoccaggio ai soldati, considera una catena di fornitura di e-commerce generica come quella di Amazon o Walmart.

In primo luogo, un fornitore vende e consegna materie prime a un produttore. Il segmento di trasporto di tale transazione è noto come il “primo miglio”. Successivamente, un produttore trasforma le materie prime in prodotti finiti. Questi prodotti vengono quindi venduti all’ingrosso a clienti al dettaglio come Amazon o Walmart e quindi trasportati a un centro di distribuzione di e-commerce su un segmento denominato “miglio intermedio”.

Quando il consumatore effettua un ordine per la consegna online, questo verrà spedito da un centro di distribuzione situato nella stessa area geografica. Questa è l’ultima tappa della catena di approvvigionamento, nota come “l’ultimo miglio”.

Un’importante metrica di prestazione è il tempo che intercorre tra la ricezione dell’ordine e l’evasione. Ciò è particolarmente essenziale per un rivenditore come Amazon o Walmart poiché distribuisce lungo l’ultimo miglio perché influisce sulla qualità percepita del servizio di consegna da parte del consumatore e, di conseguenza, sull’eventuale acquisto.

Due soldati stanno scaricando scatole di armi da un aereo su un camion con pianale.
Soldati ucraini caricano un camion con scatole di missili Stinger di fabbricazione statunitense. Sergei Supinsky/AFP tramite Getty Images

In altre parole, la velocità di consegna è una metrica essenziale che può creare o distruggere l’esperienza del consumatore.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Allo stesso modo, la velocità di consegna è una metrica di prestazione essenziale per l’intera catena di approvvigionamento militare dalle basi statunitensi all’Ucraina, non solo nell’ultimo miglio.

Gli ucraini stanno combattendo una guerra contro una forza d’invasione più ampia e sono necessari aiuti militari il prima possibile. Ciò che differenzia la catena di approvvigionamento militare dalle catene di approvvigionamento commerciali è la necessità di consegne rapide massimizzando al contempo la sicurezza. Le armi e le attrezzature devono essere spostate rapidamente, impedendo al tempo stesso ai servizi segreti russi di identificare o prevedere potenziali rotte. Senza sicurezza operativa, il rischio di un attacco russo che interrompe il movimento di quei rifornimenti o impedisce loro di raggiungere gli ucraini che combattono in prima linea è elevato.

Il primo miglio

Il materiale di cui l’Ucraina ha bisogno è immagazzinato nelle basi statunitensi in tutta Europa. Una volta che le armi e l’equipaggiamento saranno stati estratti da queste scorte, saranno trasportati in aereo, camion o treno attraverso il “primo miglio”. La lunghezza del primo miglio in questo caso potrebbe essere fino a 600 o 700 chilometri verso una o più località in un territorio della NATO al confine con l’Ucraina occidentale o sudoccidentale, comprese Polonia, Slovacchia, Ungheria e Romania.

I movimenti lungo il primo miglio all’interno del territorio della NATO dovranno essere nascosti per massimizzare la sicurezza e impedire alla Russia di prevedere la destinazione del materiale.

In gergo militare, la prima destinazione è conosciuta come “area di sosta”. Per mantenere la sicurezza del materiale, l’area di sosta sarà probabilmente un deposito di armamenti o di ordigni situato in una base NATO prima di trasportarlo in Ucraina. Un’importante decisione strategica per i leader USA, NATO e ucraini che stanno pianificando la missione è se utilizzare una singola area di sosta o più aree di sosta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’utilizzo di un’unica area di sosta in un paese NATO o di più aree di sosta all’interno di uno o in più paesi NATO dipende da diversi fattori. Dove il materiale è necessario in Ucraina è uno di questi fattori. La condizione di strade e ponti è un’altra, così come l’attività nemica, l’origine del materiale e, naturalmente, la sicurezza operativa.

L’utilizzo di una singola area di sosta è relativamente semplice da pianificare ed eseguire, ma può creare molti rischi in quanto la Russia deve trovare e attaccare solo un’area oltre il confine all’interno dell’Ucraina per interrompere la missione di rifornimento. D’altra parte, l’utilizzo di più aree di sosta è più complesso da pianificare ed eseguire, ma riduce il rischio di un’interruzione dei rifornimenti poiché i russi avrebbero molte posizioni su cui concentrarsi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il miglio di mezzo

Una volta presa la decisione sull’area di sosta, vengono sviluppati piani per coordinare il trasferimento di materiale all’esercito ucraino. A quel punto, l’Ucraina sarà responsabile del trasporto del materiale dal paese della NATO lungo il miglio intermedio fino alla prossima serie di aree di sosta all’interno dell’Ucraina. L’importanza della sicurezza operativa cresce drasticamente in questo segmento e complica il trasporto.

Un soldato vestito con un'uniforme invernale bianca siede davanti a un carro armato che ha un lanciamissili.
In questa foto del 10 febbraio 2022, i soldati ucraini conducono esercitazioni a fuoco vivo nella regione di Kharkiv. Sergey Bobok/AFP tramite Getty Images

Il rifiuto della NATO di stabilire una no-fly zone consente alla Russia di mantenere la superiorità aerea sull’Ucraina. Ciò impedisce all’Ucraina di trasportare i rifornimenti per via aerea e, di conseguenza, gli ucraini sono costretti a utilizzare convogli di veicoli per viaggiare dal confine occidentale al punto successivo della catena di approvvigionamento. La superiorità aerea russa impedisce anche di schierare un grande convoglio per trasportare rifornimenti militari perché elicotteri d’attacco o caccia russi potrebbero facilmente distruggere un bersaglio così grande.

Invece, le armi e le attrezzature dovranno probabilmente essere suddivise in spedizioni più piccole e trasportate in più convogli. Questo è uno dei primi modi per ridurre il rischio di un attacco distruttivo da parte della Russia.

Poiché l’Ucraina non può utilizzare le sue risorse aeree, come gli elicotteri, per proteggere i convogli a causa della superiorità aerea russa, l’Ucraina deve assicurarsi i convogli che trasportano il materiale posizionando soldati con missili terra-aria, come gli Stinger che gli Stati Uniti stanno fornendo, in punti chiave lungo i percorsi che portano alle successive aree di sosta.

Tuttavia, devono essere sufficientemente lontani dalle strade stesse, in modo da non esporre inutilmente i convogli ad attacchi aerei.

Il convoglio avrà anche bisogno di elementi di sicurezza al suo interno. Ciò include armi anticarro come Javelins, armi montate su veicoli e scorta di carri armati o fanteria montata per fornire sicurezza. Ciò consentirà al convoglio di difendersi da eventuali attacchi di terra mentre tenta di raggiungere le varie aree di sosta in tutta l’Ucraina.

I convogli avranno probabilmente anche bisogno di unità in grado di liberare le strade da eventuali ostacoli, come auto bruciate o carri armati distrutti, per garantire che il materiale possa continuare a muoversi verso la sua destinazione.

L’ultimo miglio in Ucraina

Le aree di sosta finali sono probabilmente all’interno delle principali città.

Una volta che un convoglio raggiunge queste ultime aree di sosta, le spedizioni saranno suddivise in quantità più piccole per un’ulteriore distribuzione ai soldati che combattono in prima linea.

Un uomo vestito con un'uniforme mimetizzata ispeziona diversi fucili.
In questa foto, un soldato ucraino prepara l’equipaggiamento. Celestino Arce/NurPhoto via Getty Images

Questo “miglio finale” in zona di combattimento è più precario perché ci sono attacchi aerei e di terra russi attivi. Di conseguenza, anche le unità logistiche che percorrono l’ultimo miglio hanno bisogno di protezione, comprese le armi leggere e le armi anticarro.

Una volta che l’equipaggiamento militare raggiungerà le unità di combattimento in prima linea, sarà distribuito ai singoli soldati.

In definitiva, mentre la catena di approvvigionamento del materiale necessaria per soddisfare l’accordo dell’amministrazione Biden di sostenere l’Ucraina con aiuti militari ha alcune somiglianze concettuali con quella di una catena di approvvigionamento di e-commerce, la posta in gioco in Ucraina è ovviamente molto più alta.

Una mancata consegna in questo caso non significa solo un cliente insoddisfatto. Significa che nel tempo una nazione sovrana, l’ Ucraina, potrebbe non essere in grado di difendersi da una forza d’invasione.

Articoli più letti