Da “biologicamente morto” a incredibilmente pulito: come il Tamigi si è ripreso in modo straordinario in 60 anni

Potrebbe sorprendere sapere che il fiume Tamigi è considerato uno dei fiumi più puliti del mondo tra quelli che attraversano una città

0
1853

Potrebbe sorprendere sapere che il fiume Tamigi è considerato uno dei fiumi più puliti del mondo tra quelli che attraversano una città. Ciò che è ancora più sorprendente è che ha raggiunto tale status solo 60 anni dopo essere stato dichiarato “biologicamente morto” dagli scienziati del Natural History Museum di Londra. Eppure, nonostante questa straordinaria ripresa, non c’è spazio per l’autocompiacimento: il Tamigi deve ancora affrontare nuove e crescenti minacce dovute all’inquinamento, alla plastica e all’aumento della popolazione.

Il Tamigi corre per 229 miglia da Kemble nel Gloucestershire a Southend-on-Sea nell’Essex, dove sfocia nel Mare del Nord. Laddove divide in due Londra, ha subito le pressioni dell’espansione del numero di abitanti delle città sin dal medioevo.

Il fiume è diventato un deposito di rifiuti, con pozzi neri che perdono e rifiuti scaricati che hanno ridotto molti dei suoi affluenti a fogne correnti. Molti di questi piccoli fiumi ora giacciono sotto le strade di Londra, a lungo coperti per nascondere i loro cattivi odori: il Fleet, che va da Hampstead ed entra nel Tamigi a Blackfriars, è probabilmente il più conosciuto.

L’ultima goccia fu la calda estate del 1858 – denominata della Grande Puzza – quando gli alti livelli di rifiuti umani e industriali nel fiume spinsero effettivamente le persone a lasciare Londra. L’ingegnere civile Sir Joseph Bazelgette fu incaricato di costruire una rete fognaria per alleviare il problema, una rete che è ancora in uso oggi. Ciò che è seguito è stato oltre un secolo di miglioramenti alla rete, tra cui il potenziamento delle opere di trattamento delle acque reflue e l’installazione di servizi igienici domestici collegati al sistema.

I bombardamenti durante la seconda guerra mondiale distrussero parti della rete, consentendo alle acque reflue grezze di entrare nuovamente nel fiume. Inoltre, mentre il Tamigi si allarga e rallenta attraverso il centro di Londra, le particelle fini di sedimento dei suoi affluenti si depositano nel letto del fiume. Questi erano, e rimangono, fortemente contaminati da una serie di metalli pesanti provenienti dalle strade e dall’industria, creando un ambiente acquatico tossico.

Affinché la maggior parte dei pesci possa prosperare, l’acqua in cui vivono deve contenere almeno 4-5 milligrammi di ossigeno disciolto per litro (mg/l). Le misurazioni effettuate negli anni ’50 hanno mostrato che i livelli di ossigeno disciolto (DO) nel Tamigi erano di appena il 5% di saturazione: l’equivalente approssimativo di 0,5 mg/l. Ciò significava che il fiume poteva supportare solo poche specie di invertebrati acquatici come moscerini e larve di mosca.



Per le 20 miglia del Tamigi che attraversano il centro di Londra, i livelli di DO non erano nemmeno misurabili. E da Kew a Gravesend, un tratto lungo 69 km, negli anni ’50 non furono registrati pesci. I sondaggi nel 1957 rilevarono che il fiume non era in grado di sostenere la vita e alla fine il fiume Tamigi fu dichiarato “biologicamente morto“.

Invertire le sorti

Con un notevole sforzo da parte dei responsabili politici, il destino del fiume iniziò a cambiare. Dal 1976, tutte le acque reflue che entrano nel Tamigi vengono trattate e la legislazione tra il 1961 e il 1995 ha contribuito ad aumentare gli standard di qualità dell’acqua.

La privatizzazione delle società idriche sotto il primo ministro Margaret Thatcher ha visto anche l’istituzione della National Rivers Authority di protezione nel 1989, nonché l’introduzione del monitoraggio biotico. Questo è un sistema di punteggio intelligente che misura l’inquinamento contando i macroinvertebrati – come effimere, lumache o scarafaggi d’acqua – trovati in un fiume, quindi assegnando a ciascuna specie un punteggio in base alla sua tolleranza ai bassi livelli di DO. Punteggi complessivi bassi significano che il fiume non è in grado di sostenere organismi che hanno bisogno di ossigeno, quindi è meno sano.

Una capsula di Petri contenente invertebrati
Attraversando il centro di Londra, il Tamigi trasporta numerosi invertebrati, tra cui molte sanguisughe. – Veronica Edmonds-Brown

Di conseguenza, uno dei principali punti di svolta nella salute del Tamigi è stata l’installazione di grandi ossigenatori, o “gorgogliatori“, per aumentare i livelli di DO. La Thames Water Authority ha sviluppato un prototipo di ossigenatore basato su una chiatta fluviale all’inizio degli anni ’80. Questo è stato sostituito da un “Thames Bubbler” automotore nel 1988 e una terza nave è stata varata nel 1999. Insieme, sono responsabili del mantenimento dell’ossigeno a un livello sufficiente per sostenere la crescita delle popolazioni ittiche.

La passera è stata ufficialmente la prima specie ittica a tornare nel Tamigi nel 1967, seguita da 19 pesci d’acqua dolce e 92 specie marine come spigole e anguille nell’estuario e nel basso Tamigi. Il ritorno del salmone negli anni ’80 è stato un indicatore emozionante per gli ambientalisti e oggi vengono regolarmente registrate circa 125 specie di pesci, con specie esotiche come i cavallucci marini occasionalmente avvistate.

Un poster che descrive i pesci che si trovano nel Tamigi
Orate, lucci, salmoni, persici, daci, anguille e trote sono tra le specie che oggi si trovano nel Tamigi. Flickr/Peter O’Connor , CC BY-ND

In superficie, questo recupero è notevole. Ma permangono questioni più profonde e irrisolte relative ai sedimenti contaminati che ancora entrano nel fiume. Sebbene la recessione degli anni ’90 abbia visto la perdita di molte industrie che avevano pompato rifiuti nel Tamigi, da allora i livelli di inquinamento delle acque non sono diminuiti in modo significativo. I metalli pesanti, ad esempio, possono rimanere attaccati per molti decenni alle particelle di argilla nei letti dei fiumi, danneggiando o uccidendo gli organismi che li consumano.

La maggior parte degli invertebrati non può sopravvivere o riprodursi in un ambiente così tossico, lasciando sanguisughe e larve di mosche a dominare la fauna del fiume. Altri contaminanti pericolosi provengono da microplastiche e medicinali idrosolubili come la metformina che gli impianti di trattamento delle acque reflue non sono in grado di filtrare. L’impatto di questi farmaci sulla vita acquatica è sconosciuto.

Una foca che nuota, con la testa parzialmente sommersa
Le foche sono state avvistate nuotare lungo il Tamigi. Flickr/Tambako il giaguaro , CC BY-SA

Sia gli scarichi delle acque reflue che quelli delle acque superficiali nella grande Londra sono sovraccaricati da un sistema originariamente progettato per meno di cinque milioni di persone ma ora utilizzato da oltre dieci milioni. Attualmente, una nuova “super fogna” di 25 km è in costruzione sotto Londra per gestire questo aumento del carico. Anche se dovrebbe essere completata entro il 2025, da sola non sarà sufficiente. Sono inoltre necessari ulteriori investimenti in nuove infrastrutture di drenaggio in tutta la città per evitare i danni causati da mareggiate e straripamenti sempre più frequenti se vogliamo evitare di danneggiare la salute guadagnata duramente dell’iconico fiume di Londra.

2