Coltura idroponica: come funziona, vantaggi e svantaggi

La coltura idroponica è una tecnica in cui le radici delle piante crescono in assenza del comune terriccio e si nutrono attraverso l'acqua

0
5076

Soprattutto nell’ultimo decennio, l’interesse per come viene prodotto il cibo è aumentato notevolmente. Di conseguenza, aumentano le persone che scelgono di coltivare ortaggi e verdure negli orti, ma anche in giardini e terrazzi; e molti stanno esplorando la coltura idroponica per produrre autonomamente il proprio cibo.

Sempre più consumatori desiderano alimenti “sicuri” prodotti con pratiche di coltivazione sostenibili e consapevoli, privi di residui di pesticidi. Se anche tu stai pensando di intraprendere un progetto di coltura idroponica, dovrai prima imparare i concetti fondamentali, le basi, nonché i vantaggi e gli svantaggi dell’utilizzo di questo sistema.

Che cos’è l’idroponica?

La coltura idroponica è un metodo per coltivare piante senza utilizzare alcun tipo di terreno: tutto il loro nutrimento lo ricevono attraverso una soluzione nutritiva fornita alle radici.

Il sistema funziona in una varietà di scenari, dalla coltivazione di erbe aromatiche in una cucina fino a numerose piante in un’operazione commerciale su larga scala. Le persone con uno spazio esterno limitato o nullo, come i residenti urbani, gli abitanti degli appartamenti o gli affittuari che non possono avere un giardino all’aperto, trovano particolarmente utile la coltivazione idroponica.

Molti tipi di piante crescono bene in idroponica, ad esempio erbe, lattuga e verdure, pomodori, peperoni e fragole. Di norma, evita le piante che crescono alte come il mais, hanno radici fittizie profonde come le patate, oppure quelle bisognose di sostegni per la loro natura rampicante.



Come funziona un sistema idroponico?

Le piante crescono principalmente a causa di tre elementi principali: nutrienti essenziali, acqua e luce solare. In un giardino tradizionale, il terreno tiene “ancorata” la pianta e funge da serbatoio per acqua e sostanze nutritive.

Un sistema idroponico elimina la necessità di suolo, fornendo una soluzione acquosa carica di nutrienti direttamente alle radici che la mantiene nutrita e idratata, mentre le soluzioni di illuminazione supplementari imitano la luce solare.

Maggiori informazioni sulla coltivazione fuori suolo

In un sistema di coltivazione idroponica, le piante vengono sospese direttamente nella soluzione acquosa o coltivate in un mezzo privo di suolo come cocco, lana di roccia, LECA, vermiculite o perlite. Le radici della pianta ricevono la soluzione nutritiva in un sistema attivo o in un sistema passivo.

I sistemi attivi utilizzano pompe per far circolare e aerare le soluzioni nutritive, fornendole alla zona delle radici della pianta per l’assorbimento. I sistemi passivi non hanno pompe o parti mobili. Le soluzioni nutritive vengono alimentate alla zona radicale attraverso allagamento, gravità o azione capillare.

Maggiori informazioni sull’illuminazione supplementare

Poiché la luce naturale è limitata all’interno, il cibo coltivato in un sistema idroponico generalmente riceve un’illuminazione supplementare. Appendere le luci sopra le piante e controllarne la luminosità imita i cicli naturali di luce diurna e oscurità di cui le piante hanno bisogno per crescere.

7 vantaggi dell’idroponica per i giardinieri

Anche se può sembrare complesso, coltivare piante in un sistema idroponico ha molti vantaggi. Alcuni dei più notevoli includono:

1. Una stagione di crescita prolungata – I climi freddi con temperature invernali fredde e giornate più brevi impediscono la crescita delle piante. Ma con un sistema idroponico, le piante possono essere coltivate tutto l’anno perché il coltivatore controlla la temperatura, la luce e l’apporto di nutrienti.

2. Crescita e resa migliorate – I sistemi idroponici in genere si traducono in piante a crescita più rapida e ad alto rendimento. Ciò è probabilmente dovuto all’aumento dei livelli di ossigeno presenti nella soluzione nutritiva e ai fattori ambientali controllati. Aumentando i livelli di ossigeno di una pianta, stimoli la crescita delle radici e aumenti l’assorbimento dei nutrienti. Queste condizioni di crescita ottimali equivalgono a meno stress sulle piante e a un raccolto più abbondante.

3. Maggiore densità di piante – Le piante coltivate nel terreno hanno rigide linee guida di spaziatura che devono essere seguite per consentire a ciascuna pianta un uguale accesso alla fornitura piuttosto limitata di acqua e sostanze nutritive del suolo. Poiché i sistemi idroponici forniscono una soluzione più ricca di nutrienti alla zona delle radici, possono essere coltivate più vicine tra loro senza competere per lo spazio delle radici.

4. Le piante possono crescere ovunque – A differenza dei giardini tradizionali che richiedono spazio all’aperto per le piante, i sistemi idroponici sono facilmente incorporabili in molte case, indipendentemente dalle loro dimensioni o posizione.

5. Meno consumo di acqua – Anche se i sistemi idroponici dipendono principalmente dall’acqua per coltivare le piante, usano tra l’80 e il 90% di acqua in meno rispetto alle piante coltivate nel terreno. Nel giardinaggio tradizionale, viene applicata una grande quantità di acqua al terreno per consentire a un’adeguata umidità di raggiungere la zona delle radici. Quando si muove attraverso il terreno, l’acqua evapora e solo una percentuale di essa raggiunge le radici.

In idroponica, l’acqua raggiunge immediatamente le radici, con poca perdita per evaporazione. In molti sistemi, la soluzione nutritiva viene anche fatta ricircolare più volte prima di diventare inutilizzabile e gettata, migliorando ulteriormente l’efficienza idrica.

6. Meno problemi di parassiti – Poiché i sistemi idroponici sono al chiuso, i parassiti non sono così diffusi e hanno ingressi controllati. Gli insetti trovano più difficile infiltrarsi nel sistema e attaccare le piante. Inoltre, meno problemi di parassiti significano poca o nessuna necessità di pesticidi.

7. È più facile raccogliere piante mature – Le piante coltivate in sistemi idroponici vengono generalmente coltivate su banconi, panche, tavoli, ecc., il che le mette all’altezza della vita per la maggior parte dei coltivatori. Quindi le piante mature sono più facili da raccogliere poiché non è necessario chinarsi o inginocchiarsi per raggiungere le piante, un vantaggio importante per i coltivatori con mobilità limitata o disturbi fisici che impediscono loro di coltivare a livello del suolo.

5 Svantaggi dell’idroponica

È facile vedere i vantaggi dell’idroponica. Come per qualsiasi cosa, è essenziale capire anche gli svantaggi per evitare sgradite sorprese.

1. Costoso da configurare – Rispetto a un giardino tradizionale, un sistema idroponico è più costoso da acquistare e costruire. I costi variano a seconda del tipo e delle dimensioni del sistema acquistato e se è prefabbricato o costruito con singoli componenti per creare un design personalizzato.

2. Vulnerabile alle interruzioni di corrente – Sia i sistemi idroponici passivi che attivi dipendono dall’elettricità per alimentare i diversi componenti come luci di coltivazione, pompe dell’acqua, aeratori, ventilatori, ecc. Pertanto, un’interruzione di corrente interesserà l’intero sistema. Nei sistemi attivi, una perdita di potenza può essere dannosa per le piante se non viene notata dal coltivatore.

3. Richiede monitoraggio e manutenzione costanti – L’idroponica richiede un livello più elevato di monitoraggio e microgestione rispetto alla coltivazione tradizionale delle piante. Per mantenere un ambiente di crescita attentamente controllato, tutti i componenti del sistema necessitano di una vigilanza costante: luci, temperatura e molti aspetti della soluzione nutritiva come il pH e la conduttività elettrica. Anche la soluzione nutritiva deve essere sciacquata e sostituita regolarmente e le parti del sistema devono essere pulite spesso per evitare accumuli e intasamenti.

4. Malattie trasmesse dall’acqua – Poiché le piante coltivate in idroponica vengono coltivate nell’acqua anziché nel terreno, le malattie trasmesse dall’acqua sono considerevolmente più elevate. Con l’acqua che circola continuamente attraverso il sistema, le infezioni possono diffondersi rapidamente in tutto il sistema in crescita nel suo insieme, interessando l’intera collezione di piante. In casi estremi, una malattia trasmessa dall’acqua può uccidere tutte le piante in un sistema idroponico in poche ore.

5. I problemi colpiscono le piante più velocemente – Il suolo protegge le radici da sbalzi di temperatura estremi, rallenta l’attacco di malattie e parassiti e rilascia e assorbe regolarmente i nutrienti. Senza che il terreno agisca da tampone, le piante coltivate in sistemi idroponici reagiscono negativamente a problemi come carenze di nutrienti e malattie molto più rapidamente.

Dovresti provare l’idroponica a casa?

La coltura idroponica è un ottimo modo per provare a coltivare piante sane in casa senza l’uso del suolo. Anche se può sembrare controintuitivo, le piante coltivate in questo modo hanno rese più elevate e presentano una serie di altri vantaggi. Ricorda solo di fare attenzione alle insidie che potresti incontrare ​​​​lungo la strada.

2