L’intelligenza artificiale riporta in vita le Star del cinema

Inizia a porsi il problema dell'impiego dell'intelligenza artificiale nel mondo del cinema, sfruttata per creare dei cloni degli attori defunti

0
285
L'intelligenza artificiale riporta in vita le Star del cinema
L'intelligenza artificiale riporta in vita le Star del cinema

Il problema dell’intelligenza artificiale, sfruttata per scopi puramente economici, non è solo una paura infondata di chi teme qualsiasi progresso tecnologico e ne vede solo il lato oscuro, ma è una realtà che sta prendendo piede nel mondo dello spettacolo, in particolare nel cinema.

Intelligenza artificiale

Il tenebroso James Dean è già stato clonato dall’intelligenza artificiale, per poter sfruttare la sua immagine in pellicole del nostro millennio, trascurando i diversi interrogativi che sono sorti da questa decisione bizzarra.

Intelligenza artificiale asservita a business cinematografico: quanto ha senso clonare gli attori vivi e morti?

Il primo problema che si pone è la tutela dei diritti del defunto, che viene fatto rivivere nei film, senza il suo consenso. Si tratta di una questione etica che non si può ignorare. La morte di un individuo non spazza via la sua identità e la sua dignità, e tanto meno il diritto alla privacy.

Il diritto alla privacy ed alla protezione dei dati personali sono diritti fondamentali riconosciuti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (artt. 7 e 8) e questo è valido anche per un soggetto defunto. Come intendono regolarsi i signori del mondo del cinema rispetto a questi diritti e allo sfruttamento dell’intelligenza artificiale?



Oltre al problema etico, si pone anche un altro quesito, puramente artistico. Un attore nel corso della sua vita tende a migliorare le sue performances, a perfezionare se stesso, a sviluppare le sue tendenze artistiche raggiungendo talvolta risultati interessanti.

Guardiamo alla vita artistica di Clint Eastwood: ha iniziato la sua carriera da attore con gli spaghetti western, e lo stesso Sergio Leone su di lui ha detto che possedeva due espressioni, con cappello e senza cappello e oggi è uno dei registi più stimati ed acclamati, che ha regalato al mondo del cinema delle perle che nessuno avrebbe mai sospettato che potesse produrre. L’intelligenza artificiale è in grado di predire queste evoluzioni?

L’intelligenza artificiale è capace di restituire al mondo del cinema James Dean, intuendone la crescita artistica? O proporrà un clone sempre uguale a se stesso, per il puro scopo di sacrificare l’arte sul sacro fuoco del business?

Intelligenza artificiale

La tecnologia è all’avanguardia nel campo delle immagini generate al computer (CGI) di Hollywood. Ma è anche alla base di alcune delle preoccupazioni sollevate da attori e sceneggiatori che hanno scioperato a Hollywood per la prima volta in 43 anni.

Temono di essere sostituiti da algoritmi di intelligenza artificiale, qualcosa che, secondo loro, sacrificherà la creatività in nome del profitto. L’attrice Susan Sarandon è tra coloro che hanno espresso le loro preoccupazioni, avvertendo che l’intelligenza artificiale potrebbe farle “dire e fare cose su cui non ho scelta”.

La resurrezione digitale, grazie all”intelligenza artificiale, di Dean non è la prima: altri attori deceduti sono tornati in vita sullo schermo con l’aiuto della tecnologia digitale avanzata e un pizzico di magia hollywoodiana. Carrie Fisher, Harold Ramis e Paul Walker sono solo alcune celebrità importanti che hanno ripreso ruoli cinematografici postumi.

Anche la cantante brasiliana Elis Regina è stata recentemente clonata con l’ausilio dell’intelligenza artificiale per una pubblicità di un’auto, dove la si vedeva duettare con la figlia Maria Rita. Le loro apparizioni sullo schermo rappresentano ciò che Travis Cloyd, amministratore delegato dell’agenzia di media immersiva WorldwideXR (WXR), definisce rappresentazioni “a schermo piatto passivo 2D“, simili ai deepfake.

La clonazione digitale di Dean rappresenta anche un cambiamento significativo in ciò che è possibile. Non solo il suo avatar AI sarà in grado di svolgere un ruolo sullo schermo in Ritorno all’Eden e in una serie di film successivi, ma anche di interagire con il pubblico su piattaforme interattive tra cui realtà aumentata, realtà virtuale e giochi.

La tecnologia va ben oltre la ricostruzione digitale passiva o la tecnologia deepfake che sovrappone il volto di una persona al corpo di qualcun altro. Aumenta la prospettiva che gli attori, o gli artisti in generale, raggiungano una sorta di immortalità che alcuni di fatto hanno già conquistato, senza gli artifizi dell’intelligenza artificiale.

Chi però possiede i diritti sul volto, sulla voce e sulla personalità di qualcuno dopo la sua morte? Che controllo possono avere sulla direzione della loro carriera dopo la morte: un attore che si è fatto un nome recitando in drammi cruenti potrebbe improvvisamente apparire in una commedia sciocca o addirittura in una pornografica? E se potessero essere utilizzati per promozioni gratuite del marchio nelle pubblicità?

Allora perché non lasciare riposare in pace le celebrità?

Il cugino di Dean, Marc Winslow, che ha trascorso l’infanzia in una fattoria dell’Illinois con l’attore che chiama affettuosamente Jimmy, sospetta che sia l’innegabile fascino cinematografico di suo cugino a trascendere le generazioni, rendendolo una scelta attraente per un ruolo da protagonista nel cinema moderno. “Se ci sono altre due o tre persone in una scena, il tuo sguardo va dritto su di lui. Non credo che nessuno sarà mai in grado di sostituirli, ma è possibile che riescano a farlo sullo schermo e renderlo molto realistico” , ha dichiarato.

Intelligenza artificiale

L’attore Tom Hanks ha recentemente predetto che potrebbe lavorare ben oltre la sua durata di vita umana , dicendo al podcast di Adam Buxton : “Potrei essere investito da un autobus domani e basta, ma le mie esibizioni possono continuare all’infinito“.

Il commento di Hanks allude a una preoccupazione molto reale da parte degli attori che temono che la prossima fase di clonazione umana digitale presenti preoccupanti questioni etiche, legali e pratiche sia per le celebrità che per i cittadini comuni. I doppiatori, in particolare, hanno condotto il dialogo e lavorato tra le corporazioni di recitazione per formare un fronte unito nella protezione dei diritti e delle carriere degli attori.

Per le voci di Topolino, Porky Pig, Biancaneve: ogni volta che una voce muore, viene assunto un nuovo attore per interpretarla“, ha dichiarato Tim Friedlander, presidente e fondatore della National Association of Voice Actors (Nava) in gli Stati Uniti. “E se potessi usare Mel Blanc, il doppiatore che ha dato vita a molti dei personaggi dei cartoni animati di Loony Tunes, per sempre?”

Friedlander e i suoi colleghi doppiatori temono che questa situazione sia imminente e che i doppiatori clonati dall’intelligenza artificiale monopolizzeranno l’industria del doppiaggio, eliminando posti di lavoro per gli attori viventi.

Non c’è alcuna possibilità per nessun altro di lavorare perché ora hanno perso la possibilità di doppiare a causa di un collega deceduto perché si tratta della voce originale di Bugs Bunny, Porky Pig e altri personaggi di Looney Tunes“.

Se i morti o meglio, i loro cloni digitali, sono condannati a un’eternità di lavoro, chi ne trae vantaggio finanziario? E i morti hanno qualche diritto? In poche parole, le regole sono oscure e, in alcune regioni del mondo, inesistenti.

L’avvocato Erik Kahn, coautore di un articolo sui diritti di pubblicità post mortem delle celebrità per la rivista Landslide dell’American Bar Association, ha spiegato che ogni stato degli Stati Uniti ha una situazione diversa. Alcuni stati non hanno nessuna regolamentazione chiara che possa proteggere i desideri delle celebrità defunte.

2