Colonizzazione spaziale: che accento avrà il genere umano che si diffonderà su Marte e Luna?

La colonizzazione spaziale, sempre più vicina, pone tanti interrogativi sui futuri abitanti umani del nostro sistema solare: come coltiveranno il cibo o accederanno all’acqua? Come si adatteranno a vivere con meno gravità? Che accenti avrano i coloni di Marte e della luna?

0
213
Vivremo su Marte all'interno di cupole di vetro, colonizzazione spaziale

La colonizzazione spaziale non è più un immagine che appartiene ad un futuro lontano, ma una reale conseguenza del progresso tecnologico modellato sull‘esplorazione spaziale. Esseri umani viaggeranno nel nostro sistema solare e fonderanno vere e proprie colonie. Ma che inflessioni avranno le prossime generazioni che vivranno questa esperienza?

Il futuro della colonizzazione dello spazio - prima parte, colonizzazione spaziale

Colonizzazione spaziale e le inflessioni che caratterizzerano le generazioni di esploratori del Cosmo

La prima colonizzazione spaziale umana probabilmente si svilupperà sulla Luna e potrebbe accadere entro i prossimi decenni, ma l’obiettivo più grande e a lungo termine è quello di stabilire una colonia su Marte, che diventerà un obiettivo più realistico una volta stabilita una presenza permanente sulla Luna.

L’idea di una colonizzazione spaziale che coinvolgerà esseri umani che dovranno vivere lontando dal pianeta Terra apre una serie di domande sui futuri coloni che gli esperti devono risolvere, ad esempio: come coltiveranno il cibo o accederanno all’acqua? Come si adatteranno a vivere con meno gravità?

Un interrogativo tuttavia, è stato a lungo trascurato: come parleranno i futuri coloni spaziali? O, più specificatamente, che tipo di accenti potrebbero sviluppare?

Gli accenti umani sono di per sé un affascinante argomento di ricerca. Ogni persona ha almeno una sorta di accento, indipendentemente dal fatto che se ne renda conto, e tutti questi accenti possono essere ricondotti a tempi, luoghi, lingue o gruppi di persone specifici qui sulla Terra. Ma con l’alba della colonizzazions spaziale all’orizzonte, il modo in cui i futuri coloni interplanetari pronunceranno le loro parole è un territorio inesplorato.



Nuovi accenti emergono per imitazione“, ha dichiarato Jonathan Harrington, direttore dell’Istituto di fonetica e elaborazione vocale presso l’Università Ludwig-Maximilians di Monaco in Germania: “Ricordiamo i suoni e le parole di una conversazione e questi possono avere una piccola influenza sul modo futuro in cui parleremo”.

Questi cambiamenti sono subconsci e si verificano solo quando interagiamo con persone che hanno accenti diversi dal nostro per lunghi periodi, ha spiegato Harrington. Questo è il motivo per cui le persone che hanno vissuto in un nuovo paese o regione per lunghi periodi sviluppano sottili cambiamenti nel loro accento senza rendersene conto.

Quando le persone con accenti diversi invece si isolano dal resto del mondo, l’intero gruppo inizierà a imitarsi a vicenda, creando una nuova miscela degli accenti disponibili. Questo può iniziare ad accadere molto rapidamente, soprattutto in piccoli gruppi.

Nel 2019, Harrington ha condotto uno studio che ha analizzato i cambiamenti fonetici di 11 ricercatori che hanno trascorso un inverno isolato in un laboratorio in Antartide. Il gruppo era composto da otto persone provenienti dall’Inghilterra (cinque con accenti del sud e tre con accenti del nord), una dal nord-ovest degli Stati Uniti, una dalla Germania e una dall’Islanda.

Durante l’esperimento, i ricercatori hanno notato che ogni individuo ha manifestato cambiamenti fonetici e che il gruppo collettivamente ha iniziato a pronunciare suoni specifici in modo divers e ha usato parti diverse della bocca per produrre quei suoni. Questi sono stati i primi passi verso la formazione di un nuovo accento.

Dovrebbe accadere esattamente la strssa cosa in qualsiasi ambiente in cui gli individui sono isolati insieme per un periodo prolungato, sia in Antartide che nello spazio”, ha specificato Harrington, a proposito delle inflessioni che caratterizzerano la futura colonizzazione spaziale: “In effetti, il cambiamento di accento dovrebbe essere ancora maggiore nello spazio perché il contatto con la comunità di origine sarà ancora più difficile”.

Vivremo su Marte all'interno di cupole di vetro, colonizzazione spaziale

Che la colonizzazione spaziale avvenga Marte o sulla Luna, i coloni potrebbero iniziare a sviluppare cambiamenti subconsci ma udibili nei loro accenti entro pochi mesi, specialmente su Marte, dove conversare con le persone sulla Terra sarà ancora più ostico a causa del ritardo di circa 20 minuti necessario per messaggi per viaggiare tra i due pianeti, ha sostenuto Harrington.

Affinché emergano accenti unici e duraturi, la colonizzazione spaziale probabilmente dovrebbe essere abbastanza importante da consentire la riproduzione dei coloni, in modo che l’accento possa essere trasmesso alle generazioni future.

Se nuovi membri della colonizzazione spaziale venissero aggiunti a una colonia nelle prime fasi dell’insediamento, potrebbero spostare la traiettoria dell’accento di quel gruppo. Una volta che un accento fosse stato completamente stabilito, tuttavia i nuovi coloni avrebbero probabilmente un impatto minore sull’evoluzione di quell’inflessione e cambierebbero lentamente la loro parlata per adattarla a quella del resto della colonia.

Qualsiasi nuovo accento sviluppatosi nelle colonie spaziali sarebbe probabilmente modellato dall’inflessione più diffusa all’interno del gruppo, ha detto Harrington. Un buon esempio di ciò è la cadenza australiana, che ha molte somiglianze con l’accento “cockney” di Londra perché la maggior parte dei coloni originari aveva quell’accento.

Quanto tempo impiegheremo a colonizzare Marte? Colonizzazione spaziale

Se le pronunce iniziali fossero divise equamente, le nuove intonazioni sarebbero un mix di tutti loro, piuttosto che somigliare a un accento particolare. Di conseguenza, a meno che la futura colonizzazione spaziale su Marte e sulla Luna non si composta da gruppi con un identico mix di dizioni, probabilmente svilupperebbero inflessioni diverse. I diversi fattori ambientali sulla Luna e su Marte probabilmente non avrebbero un impatto significativo su nessuno dei due accenti.

Senza conoscere gli accenti degli astronauti che costituiranno la futura colonizzazione spaziale, è difficile prevedere come potrebbero risuonare certe espressività linguistiche. Tuttavia, non appena i coloni verranno selezionati, sarà possibile prevedere come si evolveranno le future cadenze.

Durante lo studio del 2019 in Antartide, il team di studio ha utilizzato un programma di apprendimento informatico per prevedere come gli accenti dei partecipanti potrebbero cambiare durante la ricerca. Con loro sorpresa, il team ha scoperto che i cambiamenti vocali osservatihanno aderito molto bene a quanto previsto dal programma.

2