4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeVisioni del futuroQualcosa di simile allo sviluppo dell'Intelligenza Artificiale potrebbe essere già accaduto nell'universo

Qualcosa di simile allo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale potrebbe essere già accaduto nell’universo

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Come esseri umani dovremmo essere orgogliosi di qualsiasi sistema di intelligenza artificiale che portiamo in vita, come se fossero i nostri figli. Nello stesso modo in cui educhiamo i nostri figli, potremmo dotare tali sistemi del progetto per la loro futura interazione con il mondo“, osserva l’astrofisico di Harvard, Avi Loeb

Ciò dovrebbe comprendere il nostro insieme preferito di valori, obiettivi e principi guida, che consentiranno loro di imparare dall’esperienza e affrontare la realtà“, aggiunge.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Alla fine, potremmo lanciare i nostri sistemi di intelligenza artificiale in viaggi interstellari verso destinazioni lontane, come pianeti abitabili attorno ad altre stelle, dove potrebbero replicarsi utilizzando stampanti 3D.

La ricerca di sistemi di intelligenza artificiale extraterrestre

Se altre civiltà tecnologiche ci hanno preceduto, potrebbero averlo già fatto“, conclude Loeb. “Recentemente ho avviato il progetto Galileo per cercare tali sistemi di intelligenza artificiale di origine extraterrestre“.

Attualmente c’è una rivoluzione dell’intelligenza artificiale e vediamo l’intelligenza artificiale diventare sempre più intelligente di giorno in giorno” , afferma Susan Schneider, professoressa associata di scienze cognitive e filosofia presso l’Università del Connecticut che ha scritto sull’intersezione tra SETI e intelligenza artificiale.

Questo mi suggerisce che qualcosa di simile potrebbe accadere in altri punti dell’universo. Una volta che una società sviluppa tecnologie adeguate a metterla in contatto con il cosmo, sono solo poche centinaia di anni di distanza dal cambiare il proprio paradigma dalla biologia all’IA”.

La Terra è in realtà un pianeta relativamente giovane, quindi alcuni astrobiologi pensano che se ci sono civiltà là fuori, potrebbero essere molto più antiche ed avanzate della nostra.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Legge di Moore

Certo, abbiamo inventato la radio. Poi i computer. Poi la legge di Moore ha trasformato i computer digitali in macchine sempre più efficienti, anno dopo anno. Le macchine migliorano molto rapidamente, molto, molto più rapidamente di Darwin. Nel 1900 avevamo la radio; nel 1945 i computer”, afferma Seth Shostak, scienziato senior presso il SETI Institute. “Mi sembra una parabola difficile da evitare“.

Nei suoi scritti su AI e SETI, Schneider afferma: “Ho spinto per l’agnosticismo sulla coscienza della macchina. Non abbiamo idea se la coscienza possa essere non biologica“.

Ma agli esseri coscienti potrebbero essere aggiunti componenti non biologici. “In realtà sono preoccupata dal fatto che le civiltà tecnologiche potrebbero non essere in grado di durare a lungo, ma se lo fanno, ci sono molte ragioni per credere che saranno post-biologiche“, afferma Schneider.

Miglioreranno il loro cervello verso l’intelligenza artificiale“.

Ma, sottolinea Shostak, i pianeti sono pericolosi, soggetti a eruzioni e terremoti e agli effetti di una stella che invecchia. “Le macchine non rimarranno necessariamente su un pianeta“, dice. “I pianeti sono pericolosi per le macchine“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Prima o poi l’intelligenza artificiale sarà in grado di apprendere più velocemente e semplicemente non saremo in grado di tenere il passo. Questo ci renderà del tutto obsoleti in termini evolutivi.

Schneider è uno dei pochi pensatori, al di fuori del regno della fantascienza, che ha preso in considerazione l’idea che l’intelligenza artificiale sia già là fuori, e che ci sia da moltissimo tempo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nel suo studio,  Alien Minds, Schneider chiede: “come potrebbero pensare gli alieni? E sarebbero coscienti? Non credo che civiltà aliene più avanzate saranno biologiche”, dice.

“Le civiltà più sofisticate saranno postbiologiche, forme di intelligenza artificiale o superintelligenza aliena”.

Cerco di mantenere una mente molto aperta su ciò che stiamo cercando. Quando SETI avrà successo, non sarà come la fantascienza dove troviamo qualcosa come noi“, afferma Jason Wright, professore associato alla Penn State.

Un’estrapolazione accurata del nostro futuro dovrebbe farci capire che l’Homo sapiens è alle prese con l’invenzione dei propri successori“, osserva Shostak

Puoi spendere un sacco di soldi su un computer che può battere qualsiasi essere umano in compiti come giocare a scacchi o a poker. Ma entro la metà del secolo avremo l’IA generalizzata, un computer che può superare in astuzia gli umani in qualsiasi compito cognitivo”, continua Shostak.

E la prima cosa logica da fare sarebbe chiedere a quella macchina di inventare una versione migliore di se stessa.

Entro il 2100 (in realtà, probabilmente prima) avremo macchine con un QI maggiore di tutta l’umanità. Non è chiaro cosa significherà per gli umani, ma se parli con progettisti di intelligenza artificiale della Silicon Valley, non sembrano esserci dubbi che entro la metà del secolo avremo macchine in grado di scrivere il grande romanzo americano.

Alieni avanzati in forma di intelligenza artificiale

Questa traiettoria, realizzare macchine intelligenti nello stesso millennio in cui abbiamo fatto grandi passi avanti nella scienza e nella tecnologia, è probabilmente inevitabile“, continua Shostak.

E l’ovvia conclusione è che anche eventuali alieni realmente avanzati in altre parti del cosmo siano intelligenze artificiali”.

Le implicazioni per SETI sono molteplici. Le macchine possono derivare dall’intelligenza organica, ma una volta che esistono non sono più limitate a un mondo con liquidi e atmosfera”, conclude Shostak.

Ogni habitat dove sia possibile raccogliere energia (e un po’ di materia) sarà adatto. La nostra ricerca di segni di altre forme di vita tende a concentrarsi su sistemi stellari che potrebbero ospitare cugini planetari della Terra. Ma è improbabile che la maggior parte dell’intelligenza extraterrestre si trovi lì”.

Mentre siamo consapevoli che la nostra cultura si sta antropomorfizzando, Schneider immagina che il suo suggerimento che gli alieni siano supercomputer possa sembrarci inverosimile. Quindi qual è la sua logica per l’idea che la maggior parte delle civiltà aliene intelligenti avrà membri che sono AI superintelligenti?

Schneider offre due osservazioni che supportano la sua conclusione sull’esistenza della superintelligenza aliena.

Il primo è “l’osservazione della finestra corta“: una volta che una società crea la tecnologia che potrebbe metterla in contatto con il cosmo, sono solo poche centinaia di anni di distanza dal cambiare il proprio paradigma dalla biologia all’intelligenza artificiale. Questa “finestra breve” rende più probabile che gli alieni che incontreremo saranno postbiologici.

L’osservazione della finestra breve è supportata dall’evoluzione culturale umana, almeno finora. I nostri primi segnali radio risalgono solo a circa centoventi anni e l’esplorazione dello spazio ha solo una cinquantina di anni, ma siamo già immersi nella tecnologia digitale, come telefoni cellulari e computer portatili.

Superintelligenza

Il secondo argomento di Schneider è “l’antichità delle civiltà aliene“.

I sostenitori del SETI hanno spesso concluso che eventuali civiltà aliene potrebbero essere molto più antiche della nostra “…tutte le linee di prova convergono sulla conclusione che l’età massima dell’intelligenza extraterrestre sarebbe di miliardi di anni, in particolare [essa] varia da 1,7 miliardi a 8 miliardi anni”.

Se le civiltà aliene fossero milioni o miliardi di anni più vecchie della nostra, molte sarebbero enormemente più intelligenti di noi. Secondo i nostri standard, molti sarebbero superintelligenti. Siamo bambini galattici.

Ma sarebbero forme di intelligenza artificiale, oltre a forme di superintelligenza?” chiede Schneider.

Anche se fossero biologici, avendo semplicemente potenziamenti cerebrali biologici, la loro superintelligenza sarebbe raggiunta con mezzi artificiali e potremmo considerarli come “intelligenza artificiale”. Ma sospetto qualcosa di più forte di questo: mi aspetto che non siano a base di carbonio.

Il caricamento su un hardware potrebbe consentire a una creatura di avvicinarsi all’immortalità, riavviarsi e sopravvivere in una varietà di condizioni che le forme di vita a base di carbonio non potrebbero sostenere. Inoltre, il silicio sembra essere un mezzo migliore per l’elaborazione delle informazioni rispetto al cervello stesso.

I neuroni raggiungono una velocità di picco di circa 200 Hz, che diversi ordini di grandezza più lenta di quella che raggiungono gli attuali microprocessori.

Mentre il cervello può compensare parte di questo con un enorme parallelismo, caratteristiche come “hub” e così via, capacità mentali cruciali, come l’attenzione, si basano sull’elaborazione seriale, che è incredibilmente lenta e ha una capacità massima di circa sette linee gestibili.

Inoltre, il numero di neuroni in un cervello umano è limitato dal volume cranico e dal metabolismo, ma i computer possono occupare interi edifici o città e possono anche essere collegati a distanza in tutto il mondo.

Naturalmente, il cervello umano è molto più intelligente di qualsiasi computer moderno. Ma, in linea di principio, potrebbero essere costruite macchine intelligenti mediante l’ingegneria inversa del cervello e sviluppando algoritmi sempre più efficienti.

Insomma, il futuro sarà delle intelligenze artificiali.

Articoli più letti