Il CDC indaga su un caso di vaiolo delle scimmie a Dallas

Il vaiolo delle scimmie è un parente del vaiolo, ma è meno trasmissibile e meno mortale

0
1128

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e i funzionari sanitari locali di Dallas hanno dichiarato venerdì che stanno indagando su un caso di un virus insolito chiamato vaiolo delle scimmie in un viaggiatore proveniente dalla Nigeria.

Il vaiolo delle scimmie è un parente del vaiolo, ma è meno trasmissibile e meno mortale.
Il vaiolo umano è stato debellato nel 1979 attraverso una campagna di vaccinazione globale.
Il CDC e i funzionari sanitari di Dallas hanno affermato che sebbene il viaggiatore abbia volato mentre era infetto, non si ritiene probabile che qualcun altro sul volo sia stato infettato.
L’individuo è un residente della città di Dallas che ha viaggiato dalla Nigeria a Dallas, arrivando all’aeroporto di Love Field il 9 luglio 2021. La persona è ricoverata in ospedale a Dallas ed è in condizioni stabili“, ha affermato il Dipartimento della salute e dei servizi umani della contea di Dallas in una dichiarazione.
Abbiamo lavorato a stretto contatto con il CDC e il DSHS (il Dipartimento dei servizi sanitari statali del Texas) e abbiamo condotto interviste con il paziente e i contatti stretti che sono stati esposti“, ha affermato il direttore del DCHHS, il dott. Philip Huang.
Abbiamo stabilito che c’è pochissimo rischio per il pubblico in generale“.
Il CDC ha affermato che sta lavorando per contattare i passeggeri delle compagnie aeree e altri che potrebbero essere stati in contatto con il paziente durante due voli: Lagos, Nigeria, ad Atlanta l’8 luglio, con arrivo il 9 luglio; e Atlanta a Dallas il 9 luglio.
I viaggiatori su questi voli dovevano indossare maschere così come negli aeroporti degli Stati Uniti a causa della pandemia di COVID-19 in corso. Pertanto, si ritiene che il rischio di diffusione del vaiolo delle scimmie tramite goccioline respiratorie ad altri sugli aerei e negli aeroporti sia basso“.
Lavorando con la compagnia aerea e i partner sanitari statali e locali, il CDC sta valutando i potenziali rischi per coloro che potrebbero aver avuto contatti stretti con il viaggiatore sull’aereo e in contesti specifici“, ha affermato il CDC.
I roditori, compresi gli animali tenuti come animali domestici, possono trasportare il vaiolo delle scimmie e trasmetterlo alle persone. Nel 2003, 47 persone negli Stati Uniti sono state infettate dal virus. L’epidemia è stata fatta risalire a una spedizione di piccoli mammiferi dal Ghana che sono stati venduti come animali domestici.
C’è stato un focolaio più piccolo in Gran Bretagna nel 2018.

Il vaiolo delle scimmie

Il vaiolo delle scimmie è una rara malattia infettiva virale presente per lo più in località remote di paesi tropicali dell’Africa centrale e occidentale, che può manifestarsi con una sintomatologia simile a quella del vaiolo.

La malattia è chiamata “vaiolo delle scimmie” perché fu osservata per la prima volta nel 1958 nelle scimmie di laboratorio Macaca fascicularis. Nel suo stato naturale in realtà il virus colpisce i roditori (soprattutto scoiattoli, ratti e topi), e può essere trasmesso ai primati (e quindi anche agli esseri umani) dagli animali infetti attraverso uno stretto contatto (sangue o morsi).

L’agente eziologico è un virus del genere Orthopoxvirusfamiglia Poxviridae, un virus simile al Variola (il virus del vaiolo) e al Vaccinia (il virus utilizzato nel vaccino del vaiolo)[3].

È possibile la trasmissione interumana del virus: lo si sospettava in base a una epidemia scoppiata nel 1997 nella provincia del Kasai Orientale (Repubblica Democratica del Congo)[4] ed è poi stato confermato da uno studio epidemiologico ad hoc[5]. Altre epidemie sporadiche si sono registrate in Repubblica Centrafricana nel 2016 e 2016[6].

Il vaiolo delle scimmie inizia con febbre, mal di testa, dolori muscolari e stanchezza. La principale differenza tra i sintomi del vaiolo e del vaiolo delle scimmie è che il vaiolo delle scimmie fa gonfiare i linfonodi mentre il vaiolo no“, ha detto il CDC. Come il vaiolo, il vaiolo delle scimmie provoca vesciche sulla pelle che alla fine scoppiano.
La malattia in genere dura 2-4 settimane. In Africa, il vaiolo delle scimmie ha dimostrato di causare la morte in ben 1 persona su 10 che contraggono la malattia“, ha affermato il CDC.
Il ceppo coinvolto nel caso di questa settimana è molto meno mortale, uccidendo forse 1 persona su 100, ha affermato il CDC.
Il vaccino contro il vaiolo può proteggere le persone dal vaiolo delle scimmie, ma la campagna di vaccinazione globale è terminata quando il virus è stato debellato, quindi l’accesso al vaccino è limitato.
Un farmaco chiamato cidofovir può trattare l’infezione da vaiolo delle scimmie, afferma il CDC.
2