Cambiamento climatico? Alcuni atolli sono cresciuti e gli scienziati spiegano perché

Gli atolli bassi nell'Oceano Pacifico sono stati a lungo considerati alcune delle aree più vulnerabili ai cambiamenti climatici, poiché l'innalzamento del livello del mare minaccia di sommergerli, ma negli ultimi dieci anni, gli scienziati hanno notato un fenomeno sconcertante: alcune isole stanno diventando più grandi

1067

Un nuovo studio pubblicato recentemente ha esaminato l’evoluzione di Jeh Island, un atollo scarsamente popolato, che fa parte delle Isole Marshall, una nazione del Pacifico composta da una remota catena di atolli corallini e isole vulcaniche tra le Filippine e le Hawaii.

I ricercatori hanno scoperto che l’area terrestre dell’isola è aumentata del 13% dal 1943 a causa di un accumulo di sedimenti dalla barriera corallina esistente. Barriere coralline sane producono naturalmente sedimenti ed in effetti è di questo che sono fatti gli atolli.


Gli atolli anziché scomparire crescono di massa

È ancora possibile vedere un’isola crescere in un momento in cui la maggior parte delle persone e la maggior parte dei modelli suggerirebbero che dovrebbe essere erosa“, ha detto il coautore dello studio Murray Ford, esperto di sistemi di isole della barriera corallina del Pacifico dell’Università di Auckland.

Ford e Paul Kench, della Simon Fraser University in Canada, hanno confrontato la massa terrestre dell’isola in foto aeree del 1943 e del 2015. Hanno anche depositato sedimenti con datazione al radiocarbonio per scoprire quando i resti di corallo erano vivi. Hanno così scoperto che quei sedimenti su parti dell’isola, erano stati depositati dopo il 1950, suggerendo che la crescita dell’isola è relativamente nuova.

Allo stesso tempo, il livello globale del mare è aumentato. I dati satellitari mostrano che le acque intorno alle Isole Marshall sono aumentate di circa 7 millimetri ogni anno dal 1993, secondo un rapporto del paese della Pacific Climate Change Science . È più della media globale da 2,8 a 3,6 millimetri all’anno.

Le isole sono resistenti all’innalzamento del mare

Il nuovo studio è significativo perché mostra che le isole possono continuare a crescere, anche quando il livello del mare è in aumento.

A tal proposito Ford ha affermato: “Abbiamo scoperto che le isole sono resistenti all’innalzamento del mare e che l’apporto di sedimenti ad alcuni atolli sta superando l’innalzamento del livello del mare. Quello che non sappiamo è come andrà a finire nei prossimi decenni“.

Cosa sta succedendo?

Gli atolli sono spesso solo circa due metri sul livello del mare, ma il livello del mare potrebbe aumentare di più entro la fine di questo secolo, secondo gli scienziati . Il livello del mare sta aumentando perché le emissioni di gas serra stanno riscaldando gli oceani e il pianeta, sciogliendo le calotte polari e i ghiacciai.

Uno studio del 2018 del US Geological Survey ha rilevato che molti atolli bassi saranno inabitabili entro la metà di questo secolo.

E l’anno scorso, il presidente della Banca asiatica per lo sviluppo, Takehiko Nakao, ha affermato che le quattro nazioni atolli, Isole Marshall, Tuvalu, Kiribati e Maldive, che insieme ospitano oltre mezzo milione di persone, sono le più vulnerabili del pianeta al cambiamento climatico.

Per le nazioni degli atolli, il cambiamento climatico non è una minaccia lontana per una generazione futura, ma un’emergenza immediata, con tempeste tropicali e mare in aumento che mettono a dura prova vite umane, mezzi di sussistenza e infrastrutture“, ha detto Nakao.

Nessun atollo ha perso la superficie terrestre

Ma negli ultimi dieci anni, una serie di studi ha scoperto che alcuni atolli stanno effettivamente diventando più grandi. Uno studio del 2010 ha mostrato che alcune isole del Pacifico non si erano erose e uno studio del 2018 su 30 atolli del Pacifico e dell’Oceano Indiano, tra cui 709 isole, ha scoperto che nessun atollo aveva perso la superficie terrestre. Secondo lo studio, più dell’88% delle isole erano stabili o aumentate di superficie.

Ford afferma che il suo studio è il primo non solo a mostrare un’isola in aumento di dimensioni, a anche a stabilire in modo definitivo perché ciò potrebbe accadere naturalmente nel tempo.

Questa è la prima volta che possiamo vedere la forma delle isole, e l’aumento di massa proviene dalla barriera corallina intorno all’isola: sono interamente gli scheletri della barriera corallina e gli organismi che vivono su di essa“, ha detto Ford.

Cosa significa questo per le isole?

Il fatto che alcune isole non stiano “affondando” non significa che il cambiamento climatico non sia un problema.

Una ricerca pubblicata a settembre dagli scienziati dell’Università delle Hawaii a Manoa mostra che le isole degli atolli affrontano una serie di minacce derivanti dall’innalzamento del livello del mare. Con l’innalzamento del livello del mare, le isole potrebbero subire inondazioni più frequenti che potrebbero deteriorare le riserve di acqua dolce e rendere gli atolli inabitabili. Le maree estreme potrebbero anche causare l’erosione costiera.

E gli scienziati non sanno con certezza se gli atolli continueranno a produrre sedimenti a una velocità tale da rimanere sopra il livello del mare, ma i ricercatori dell’Università delle Hawaii hanno stimato che gli atolli subiranno un impatto diverso, a seconda della loro elevazione.

Anche all’interno di una nazione, ci sono differenze nel modo in cui le isole risponderanno“, ha detto Haunani Kane, studioso di geologia e geofisica. E questo può essere difficile da prevedere.

Gli atolli sono formati dai sedimenti della barriera corallina, ma le barriere coralline potrebbero non continuare a produrre gli stessi livelli di sedimenti in futuro se l’ecologia della barriera corallina ne risente.

Il problema dell’inquinamento

La ricerca mostra che il cambiamento climatico sta già avendo un enorme impatto sulle barriere coralline: uno studio presentato all’inizio di quest’anno ha stimato che circa il 70-90% di tutte le barriere coralline esistenti dovrebbe scomparire nei prossimi 20 anni a causa del riscaldamento degli oceani, dell’acqua acida e inquinamento.

Ciò che accadrà in futuro all’ecologia della barriera corallina è un fattore determinante per ciò che accadrà all’ecologia dell’isola in futuro“, ha affermato Ford spiegando che gli scienziati non comprendono ancora le scale temporali: se una barriera corallina morisse oggi, ad esempio, non è chiaro se ci vorrebbe un anno o un decennio o più perché abbia un effetto sui livelli di sedimenti prodotti.

Come vivono gli abitanti delle isole

Ma per le persone che vivono sulle isole, il fatto che la massa terrestre stia crescendo potrebbe non alleviare le loro paure di perdere la loro casa a causa del cambiamento climatico. Secondo Ford, la maggior parte delle persone che vivono sugli atolli vive in parti delle isole che sono state modificate o sviluppate dalle persone. È improbabile che le strutture artificiali subiscano un accumulo naturale di sedimenti, in parte a causa della loro costruzione e del desiderio dei residenti di mantenerle.

Non tollereranno il lavaggio della sabbia sulla superficie dell’isola e l’interruzione delle loro attività. Ma i residenti possono imparare dal processo naturale“, ha detto Ford che ha infine concluso spiegand che:  “In un certo senso, la natura sta fornendo un modello per come adattarsi all’innalzamento del livello del mare, ovvero sta suggerendo di costruire le isole più in alto attraverso l’acquisizione di sedimenti. È una buona notizia da quella prospettiva, ma di sicuro non aiuta le persone sulle isole popolate“.

Fonte: https://edition.cnn.com/2020/12/06/asia/pacific-islands-growing-intl-dst-hnk/index.html