13.3 C
Rome
martedì, Dicembre 6, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaBrillamenti solari: spiegate le misteriose caratteristiche simili a "dita"- video

Brillamenti solari: spiegate le misteriose caratteristiche simili a “dita”- video

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Nel gennaio 1999, gli scienziati hanno osservato misteriosi movimenti all’interno di un brillamento solare.

A differenza dei tipici bagliori che mostravano un’energia luminosa che eruttava verso l’esterno dal Sole, questi brillamenti solari mostravano anche un flusso di movimento verso il basso, come se il materiale stesse ricadendo verso il Sole. Descritti come “vuoti oscuri che si muovono verso il basso”, gli astronomi si chiedevano cosa stessero vedendo esattamente.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ora, in uno studio pubblicato su Nature Astronomy, i ricercatori del Center for Astrophysics | Harvard e Smithsonian (CfA) offrono una nuova spiegazione per i downflow poco conosciuti, ora indicati come downflow sopra-arcade (SAD) dalla comunità scientifica.

“Volevamo sapere come si verificano queste strane strutture nei brillamenti solari”, ha affermato l’autore principale e astronomo CfA Chengcai Shen, che descrive le strutture come “caratteristiche scure simili a dita”. “Cosa li guida e sono veramente legati alla riconnessione magnetica?”

Effettuate simulazioni 3D di brillamenti solari

Gli scienziati hanno ipotizzato che i SAD siano legati alla riconnessione magnetica sin dalla loro scoperta negli anni ’90. Il processo si verifica quando i campi magnetici si rompono, rilasciando radiazioni in rapido movimento ed estremamente energetiche, per poi riformarsi.

“Sul Sole, quello che succede è che ci sono molti campi magnetici che puntano in tutte le direzioni diverse. Alla fine i campi magnetici vengono spinti insieme al punto da riconfigurare e rilasciare molta energia sotto forma di brillamenti solari”, ha affermato Kathy Reeves, coautrice dello studio e astronoma del CfA.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Reeves aggiunge: “È come allungare un elastico e tagliarlo nel mezzo. È stressato e allungato, quindi tornerà indietro”.

Gli scienziati hanno ipotizzato che i deflussi oscuri fossero segni di campi magnetici interrotti che tornavano verso il Sole dopo un’eruzione di brillamento solare.

Ma c’era un problema.

La maggior parte dei deflussi osservati dagli scienziati sono “straordinariamente lenti”, afferma il coautore Bin Chen, un astronomo del New Jersey Institute of Technology.

Shen spiega: “Questo non è previsto dai modelli di riconnessione classici, che mostrano che i deflussi dovrebbero essere molto più rapidi. È un conflitto che richiede qualche altra spiegazione”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per scoprire cosa stava succedendo, il team ha analizzato le immagini di deflusso catturate dall’Atmospheric Imaging Assembly (AIA) a bordo del Solar Dynamics Observatory della NASA. Progettato e costruito in parte presso il CfA e guidato dal Lockheed Martin Solar Astrophysics Laboratory, l’AIA acquisisce immagini del Sole ogni dodici secondi in sette diverse lunghezze d’onda della luce per misurare le variazioni nell’atmosfera solare.

Hanno quindi effettuato simulazioni 3D di brillamenti solari e li hanno confrontati con le osservazioni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I risultati mostrano che la maggior parte dei SAD non sono generati dalla riconnessione magnetica, dopo tutto. Invece, si formano da sole nell’ambiente turbolento e sono il risultato di due fluidi con densità diverse che interagiscono.

Reeves afferma che gli scienziati stanno essenzialmente vedendo la stessa cosa che accade quando l’acqua e l’olio si mescolano insieme: le due diverse densità del fluido sono instabili e alla fine si separano.

“Quei vuoti oscuri simili a dita sono in realtà un’assenza di plasma. La densità è molto più bassa lì rispetto al plasma circostante”, ha affermato Reeves.

Il team prevede di continuare a studiare i SAD e altri fenomeni solari utilizzando simulazioni 3D per comprendere meglio la riconnessione magnetica. Comprendendo i processi che guidano i brillamenti solari e le eruzioni del Sole, possono in definitiva aiutare a sviluppare strumenti per prevedere il tempo spaziale e mitigarne gli impatti.

Articoli più letti