Breakthrough Listen dall’anno scorso sta studiando possibili segnali alieni

La fonte dell'intrigante emissione radio sembra essere situata nei pressi di Proxima Centauri

882

Non abbiamo neanche finito di leggere un articolo che spiega come mai è molto improbabile la vita nel sistema di Proxima Centauri che una nuova notizia che potrebbe smentire drammaticamente la prima viene battuta dalle agenzie: gli astronomi del progetto Breakthrough Listen, la più ampia ricerca di vita aliena, stanno studiando un’intrigante emissione di onde radio che sembra provenire dalla direzione di Proxima Centauri, la stella a noi più vicina.

Lo stretto fascio di onde radio è stato rilevato dal telescopio Parkes in Australia in aprile e maggio dello scorso anno, secondo il Guardian. L’analisi dell’emissione è in corso da tempo e gli scienziati devono ancora identificare una eventuale fonte terrestre come apparecchiature a terra o un satellite di passaggio.


È normale che gli astronomi del progetto Breakthrough Listen individuino esplosioni di onde radio con il telescopio Parkes o il Green Bank Observatory in West Virginia, ma tutto finora è stato attribuito a interferenze artificiali o fonti naturali.

È probabile che anche l’ultimo “segnale” abbia una spiegazione banale, ma la direzione del raggio stretto, intorno ai 980 MHz, e un apparente spostamento nella sua frequenza che sembra sia coerente con il movimento di un pianeta hanno aggiunto interesse alla scoperta. Gli scienziati stanno ora preparando un documento sul rilevamento, chiamato BLC1, per Breakthrough Listen, il progetto per la ricerca di prove di vita nello spazio.

L’emissione radio, che sembra provenire dalla direzione di Proxima Centauri, una nana rossa a 4,2 anni luce dalla Terra, “È il primo candidato serio dai tempi del segnale ‘Wow!”.

Il segnale Wow! era un segnale radio a banda stretta di breve durata raccolto dal Big Ear Radio Observatory in Ohio nel 1977. L’insolito segnale, che prese il nome dall’astronomo Jerry Ehman che scrisse “Wow!” accanto ai dati, scatenò un’ondata di eccitazione.

Un'impressione artistica del pianeta Proxima b in orbita attorno alla stella nana rossa Proxima Centauri, la stella più vicina al sistema solare.
Un’impressione artistica del pianeta Proxima b in orbita attorno alla stella nana rossa Proxima Centauri, la stella più vicina al sistema solare. Fotografia: ESO / M. Kornmesser / Reuters

Lanciato nel 2015 da Yuri Milner, un investitore in scienza e tecnologia con sede nella Silicon Valley, il progetto Breakthrough Listen ascolta il milione di stelle vicine alla Terra nella speranza di rilevare trasmissioni aliene vaganti o intenzionali. Lo sforzo di 10 anni è stato annunciato alla Royal Society di Londra quando il compianto Stephen Hawking definì il lavoro “di importanza critica”. Parlando all’evento, Hawking, che ha predetto il futuro dell’umanità nelle stelle, ha detto: “L’umanità ha un profondo bisogno di esplorare, imparare, conoscere. Siamo anche creature socievoli. Per noi è importante sapere se siamo soli nel buio“.

La sfida per gli astronomi di Breakthrough Listen, e altri dedicati alla ricerca di vita intelligente nei cieli, è individuare potenziali “tecnosignature” tra il chiacchiericcio implacabile delle onde radio proveniente da apparecchiature sulla Terra, fenomeni cosmici naturali e i satelliti in orbita che circondano il pianeta. Non è un compito facile. Nel 1997 la cacciatrice di alieni statunitense Jill Tarter, che ha ispirato il personaggio di Ellie Arroway nel film Contact, rilevò un potenziale segnale ma in seguito si scoprì che era trasmesso da un’antenna della navicella Soho, una missione congiunta della Nasa per osservare il sole. e l’ Agenzia spaziale europea.

Anche se troppo debole per essere vista ad occhio nudo, Proxima Centauri è stata oggetto di un intenso controllo da parte degli astronomi. Si sa che almeno due pianeti orbitano attorno alla stella. Uno è un gigante gassoso e l’altro si crede che sia un mondo roccioso circa il 17% più massiccio della Terra. Conosciuto come Proxima b, il pianeta fa il giro della sua stella ogni 11 giorni e si trova nella cosiddetta “zona abitabile”, dove la temperatura è quella giusta perché l’acqua possa scorrere e ristagnare.

Ma questo non significa che l’acqua sia presente su Proxima b. Nonostante la sua posizione apparentemente accogliente, il pianeta potrebbe essere ostile alla vita. Nel 2017, gli scienziati della Nasa hanno utilizzato modelli computerizzati per dimostrare che se Proxima b avesse un’atmosfera simile alla Terra, potrebbe essere facilmente strappata via dalle intense radiazioni e dai brillamenti solari scatenati dalla sua stella madre. Sotto questo maltrattamento, il pianeta di 4 miliardi di anni di età potrebbe aver perso la sua intera atmosfera in 100 milioni di anni.

Pete Worden, l’ex direttore dell’Ames Research Center della Nasa in California e direttore esecutivo di Breakthrough Initiatives, ha detto che è importante aspettare e vedere cosa hanno concluso gli scienziati del progetto: “Il team di Breakthrough Listen ha rilevato diversi segnali insoliti sui quali sta indagando attentamente. Questi segnali sono probabilmente interferenze che non possiamo ancora spiegare completamente. Sono però attualmente in corso ulteriori analisi“.

Altri sono cauti, per non dire altro. “Le possibilità che questo sia un segnale artificiale da Proxima Centauri sembrano sbalorditive“, ha affermato Lewis Dartnell, astrobiologo e professore di comunicazione scientifica presso l’Università di Westminster. “Stiamo cercando la vita aliena da così tanto tempo e l’idea che potrebbe rivelarsi davanti alla nostra porta di casa, nel più sistema stellare, aggiunge improbabilità su improbabilità.

Se ci fosse vita intelligente lì, vorrebbe dire che quasi certamente la vita è diffusa molto più ampiamente nella galassia. Le possibilità che le uniche due civiltà dell’intera galassia siano vicine, tra 400 miliardi di stelle, va notevolmente oltre i limiti della razionalità“.

Non è solo la statistiche ad essere contro. Proxima b è così vicino alla sua stella madre che è bloccato in modo mareale, come la Luna lo è con la Terra. Su un lato è sempre giorno, l’altro l’oscurità è perpetua. “È difficile immaginare come si possa avere un sistema climatico stabile e tutte le cose di cui hai bisogno per ottenere dai batteri, che sono resistenti, fino a forme di vita animale intelligenti, che certamente non lo sono“, ha aggiunto Dartnell. “Ma mi piacerebbe essere smentito“.

C’è qualcuno là fuori?

1899 La ricerca della vita altrove è stata lunga e profondamente improduttiva, almeno per quanto riguarda il tentativo di trovare civiltà aliene. Alla fine del XIX secolo, l’inventore serbo-americano Nikola Tesla credeva di aver intercettato messaggi radio da Marte. Per quanto ne sanno gli scienziati da innumerevoli osservazioni e decenni di visite di sonde robotiche, non c’è vita su Marte.

1967 L’astrofisica Dame Jocelyn Bell Burnell stava esaminando attentamente una montagna di dati da un nuovo radiotelescopio che aveva contribuito a costruire quando notò un segnale insolito. Era debole ma si ripeteva costantemente. Dopo aver escluso le interferenze da fonti terrestri, il team ha considerato piccoli uomini verdi. La vera sorgente si rivelò essere una pulsar, una stella di neutroni rotante che emette fasci di onde radio come un faro celeste.

1977 Fu nell’anno in cui Star Wars fu pubblicato che Jerry Ehman, un astronomo del radiotelescopio Big Ear della Ohio State University, scoprì qualcosa di curioso mentre scansionava il cielo alla ricerca di trasmissioni aliene. Il telescopio stava osservando un gruppo di stelle chiamato Chi Sagittarii quando registrò un impulso di onde radio di 72 secondi. Ehman cerchiò i dati e scrisse “Wow!” sulla lettura, dando al segnale il suo nome. Sono state proposte possibili fonti ma il segnale rimane inspiegabile.

2003 Anche il progetto Seti @ home, condotto dall’Università della California a Berkeley con le osservazioni del radiotelescopio Green Bank e del telescopio Arecibo recentemente crollato, ha scoperto un segnale intrigante. Il burst di onde radio a 1420 MHz, noto come SHGb02 + 14a, è stato osservato tre volte prima di svanire. Il segnale si trova nella zona tranquilla della “pozza d’acqua” dello spettro elettromagnetico, che gli scienziati considerano una banda attraente per le civiltà aliene per trasmettere segnali interstellari.