Home Fisica/Astronomia/astrofisica

SpaceX, il 2020 ha dato buoni frutti

Elon Musk si può ritenere soddisfatto per questo 2020 che sta giungendo al termine: la sua SpaceX ha raggiunto ottimi traguardi e sta mettendo le basi per future missioni molto ambiziose e promettenti

354

Il 2020 è stato molto positivo per SpaceX con l’azienda di trasporto aerospaziale che ha superato una serie di pietre miliari e ha raggiunto praticamente tutti gli obiettivi che si era prefissata durante l’anno. Sia i veicoli spaziali autonomi che quelli con equipaggio della compagnia hanno operato senza grossi guasti poiché SpaceX ha ottenuto la certificazione di volo della NASA, insieme ad accordi con la US Space Force e l’industria privata. C’è stato un incidente, con il suo prototipo di veicolo Starship, durante il 2020 e anche questo ha solo leggermente rallentato la marcia di SpaceX verso il dominio del mercato.

L’anno era iniziato male

L’anno è iniziato con un tonfo. Il 7 gennaio, più di un mese dopo il lancio, la capsula da carico Dragon della missione CRS-19 ha colpito l’acqua appena ad ovest di Baja, in California, dove gli equipaggi hanno recuperato la capsula e 1725 chili di attrezzatura scientifica ed esperimenti. La seguente missione CRS-20 a marzo, giustamente denominata, ha segnato la ventesima volta in cui i veicoli SpaceX hanno rifornito la ISS e sono tornati sani e salvi sulla Terra. N

el corso di queste 20 missioni, SpaceX ha trasportato circa 43.000 chili di rifornimenti e attrezzature fino alla ISS e traghettato verso il basso altre 34.000 chili di carico. Una consegna finale alla ISS in aprile ha segnato sia la fine del contratto originale di SpaceX con la NASA che il volo finale del design della capsula cargo Dragon di prima generazione, che da allora è stato sostituito con il Dragon 2 aggiornato e più versatile.

Miglioramento dei metodi di recupero dei veicoli di lancio

La società ha inoltre migliorato i metodi di recupero dei veicoli di lancio nel corso dell’anno. A luglio, gli equipaggi di SpaceX sono riusciti a strappare entrambe le metà della carenatura del cono di prua a mezz’aria usando una grande rete posta in cima a una nave di recupero, una tecnica simile a quella che Rocket Lab ha recentemente dimostrato con il suo sistema di recupero degli elettroni. Quelle carenature del cono valgono 5 milioni di euro messi insieme, quindi recuperarle incolumi, prima che colpiscano la superficie dell’oceano con una velocità apprezzabile, è di fondamentale importanza.

Funzionamento ottimale del sistema di fuga dal lancio della capsula

Ovviamente, prima che SpaceX potesse ufficialmente passare dalle sue vecchie capsule cargo, la compagnia doveva dimostrare che le varianti della capsula dell’equipaggio di Dragon 2 erano abbastanza sicure e robuste da trasportare le persone verso la ISS e ritorno. Pertanto, SpaceX ha dimostrato con successo il suo sistema di fuga dal lancio della capsula dell’equipaggio Dragon a metà gennaio.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Decollando dal complesso di lancio 39A al Kennedy Space Center, il razzo Falcon 9 senza equipaggio ha volato per soli 90 secondi prima che il segnale di interruzione fosse attivato, causando la separazione forzata della capsula dell’equipaggio dal resto del razzo. La capsula è esplosa a 644 km/h prima di dispiegare i suoi paracadute e atterrare in sicurezza nell’Atlantico per il recupero.

Lancio della missione DEMO-2

La prossima sfida di SpaceX è arrivata a giugno con il delicato lancio della missione DEMO-2, la prima volta che la capsula dell’equipaggio trasportava esseri umani reali. Dopo un tentativo di lancio azzerato, gli astronauti Robert Behnken e Douglas Hurley sono decollati con successo dal Launch Complex 39A, segnando la prima istanza di lancio di astronauti statunitensi dal suolo statunitense dalla fine dell’era dello Shuttle nel 2011. 

Oggi inizia una nuova era nel volo spaziale umano, quando abbiamo lanciato ancora una volta astronauti americani su razzi americani dal suolo americano diretti alla Stazione Spaziale Internazionale, il nostro laboratorio nazionale in orbita attorno alla Terra“, ha detto l’amministratore della NASA Jim Bridenstine in un comunicato stampa di giugno, che ha inoltre aggiunto: “Ringrazio e mi congratulo con Bob Behnken, Doug Hurley e i team SpaceX e NASA per questo importante risultato per gli Stati Uniti. Il lancio di questo sistema spaziale commerciale progettato per gli esseri umani è una dimostrazione fenomenale dell’eccellenza americana ed è un passo importante nel nostro percorso per espandere l’esplorazione umana verso la Luna e Marte“.

Diciannove ore dopo il lancio, la coppia di astronauti ha attraccato ed è entrato nella ISS, la loro dimora temporanea del mese successivo fino a quando non sono risaliti nella capsula dell’equipaggio del Dragon, si sono staccati dalla ISS e sono tornati in superficie con un drammatico atterraggio oceanico.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

SpaceX è in attività da quasi due decenni

SpaceX è in attività da quasi due decenni e ha trascorso quel tempo a perfezionare diligentemente i progetti e la costruzione dei suoi razzi, perfezionando le sue operazioni di lancio e recupero. Tutto quel duro lavoro è stato ripagato a novembre quando la NASA ha ufficialmente certificato il Crew Dragon, che è il Falcon 9 e la capsula stessa, come il “primo sistema di veicoli spaziali commerciali nella storia in grado di trasportare esseri umani da e per la Stazione Spaziale Internazionale come parte del Commercial Crew Program“.

Sono estremamente orgoglioso di dire che stiamo restituendo regolari lanci di voli spaziali umani sul suolo americano su un razzo e veicoli spaziali americani“, ha detto Bridenstine. Questa pietra miliare della certificazione è un risultato incredibile della NASA e di SpaceX che evidenzia i progressi che si possono fare se si lavora insieme all’industria commerciale.

Missione con 4 astronauti a bordo

Meno di una settimana dopo, la missione CREW-1 è stata lanciata con successo dal Kennedy Space Center in Florida con non due, ma una serie completa di quattro astronauti a bordo. Gli astronauti della NASA Mike Hopkins, Victor Glover, Shannon Walker, e l’astronauta della JAXA, Soichi Noguchi, sono arrivati ​​sulla ISS il 16 novembre prima di un periodo di sei mesi sulla stazione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Per coincidenza, Victor Glover è il primo astronauta nero a vivere a bordo della ISS per un periodo di sei mesi. Nei 22 anni in cui la ISS ha orbitato intorno alla Terra, gli astronauti neri non sono mai rimasti a bordo per più di pochi giorni. La missione CREW-1 è solo l’inizio. SpaceX ha in programma altri due lanci con equipaggio nel 2021 e di nuovo nel 2022.

Satelliti spia in orbita

Ad agosto, The Space Force Space and Missile Command (SMC) ha annunciato di aver selezionato SpaceX, e la rivale ULA, per contratti quinquennali per i loro servizi di lancio spaziale di sicurezza nazionale, essenzialmente mettere in orbita i satelliti spia. Il contratto durerà fino al 2024 con il primo lancio, con il suo prezzo enorme di 258 milioni di euro, che avrà luogo nel 2022. Inoltre, a novembre, Space Force ha consegnato a SpaceX ulteriori 24 milioni di euro per un contratto di un anno che “fornisce primi studi di integrazione e sorveglianza della flotta per missioni spaziali di sicurezza non nazionali “, secondo l’annuncio del premio .

Questo è un giorno rivoluzionario, che culmina anni di pianificazione strategica e impegno da parte del Dipartimento dell’Aeronautica Militare, NRO e dei nostri partner del settore dei servizi di lancio“, ha detto il dottor William Roper, assistente segretario dell’Air Force for Acquisition, Technology and Logistics, in una dichiarazione di agosto, aggiungendo:

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Mantenere un mercato di lancio competitivo, al servizio dei clienti sia pubblici che commerciali, è il modo in cui incoraggiamo la continua innovazione per garantire l’accesso allo spazio. I premi di oggi segnano una nuova epoca di lancio spaziale che finalmente porterà il Dipartimento fuori dai motori RD-180 russi“.

Nuova generazione di satelliti GPS in orbita

Inoltre, SpaceX ha firmato per fornire una nuova generazione di satelliti GPS in orbita come parte del suo accordo SpaceForce. Costruito da Lockheed Martin, il veicolo spaziale GPS III avrà una precisione tre volte superiore e capacità anti-jamming fino a otto volte migliori. Inoltre rimarrà in orbita per 15 anni, il 25% in più rispetto all’attuale generazione di satelliti.

La ricerca di contratti militari da parte di SpaceX non è limitata agli Stati Uniti. A luglio, lo stesso Falcon 9 che ha portato Bob Behnken e Doug Hurley sulla ISS, ha trasportato l’Esercito, Marina, Air Force Satellite Information System 2 (ANASIS-II), un satellite per comunicazioni sicure per l’Agenzia sudcoreana per lo sviluppo della orbita geosincrona.

Satellite argentino per l’osservazione della Terra

Il 30 agosto, un altro Falcon 9 che trasportava il SAOCOM 1B, un satellite argentino per l’osservazione della Terra utilizzato per fornire dati radar ai soccorritori, è stato lanciato da Cape Canaveral. È interessante notare che il razzo ha preso una rotta meridionale, questo lo porterebbe verso Cuba, piuttosto che verso est, poiché praticamente ogni altro lancio da quel sito è diretto dal 1969.

È raro che lanci in orbita polare, come questo, partano dalla costa orientale. In genere volano fuori dalla AFB di Vandenberg in California, quindi in questo modo non devono sorvolare nessun paese insulare con cui abbiamo quasi iniziato una guerra nucleare. Tuttavia SpaceX è riuscito a risolvere una speciale esenzione dell’Air Force grazie alla capacità del Falcon 9 di autodistruggersi automaticamente se dovesse divergere dalla sua rotta di volo prevista, quindi le possibilità che cadesse su aree popolate erano quasi nulle.

Sistema di comunicazioni orbitali a banda larga Starlink

SpaceX ha anche registrato un successo significativo nel suo nascente sistema di comunicazioni orbitali a banda larga Starlink. A partire da un lancio di successo di circa 60 microsatelliti (che è il massimo che una capsula Dragon può trasportare) all’inizio di gennaio, SpaceX ha continuato a lanciare altri 14 set di loro.

Con prestazioni che superano di gran lunga quelle dell’internet satellitare tradizionale e una rete globale senza limiti di infrastrutture di terra, Starlink fornirà Internet a banda larga ad alta velocità in luoghi in cui l’accesso è stato inaffidabile, costoso o completamente non disponibile“, secondo il sito web di SpaceX.

Dei mille Starlink che SpaceX intende mettere in cielo entro la fine dell’anno, alla fine di novembre la società ne ha lanciati con successo più di 950. Alla fine, tuttavia, SpaceX vuole più di 42.000 Starlink che coprano il globo. I lanci sono andati così bene che SpaceX sta già preparando una beta privata del suo imminente servizio Internet ( solo 80 euro al mese per partecipare) E, grazie alla recente approvazione normativa, inizierà a offrirlo anche in Canada quando il servizio verrà ufficialmente lanciato entro il 2022.

Le controversie del programma Starlink

Il programma Starlink non è stato privo di controversie. Poco dopo l’inizio del programma, gli astronomi hanno iniziato a sollevare preoccupazioni sul fatto che la flotta di microsatelliti riflettenti potesse ostacolare il lavoro dei telescopi terrestri, specialmente nei numeri che Musk prevede, e potrebbe anche potenzialmente frenare il progresso scientifico in generale.

Gli avvertimenti sono culminati con centinaia di scienziati e ricercatori che hanno firmato un rapporto di workshop fuori dalla conferenza SatCon1 di agosto sostenendo che “nessuna combinazione di mitigazioni può evitare completamente gli impatti delle tracce satellitari sui programmi scientifici della prossima generazione“. In risposta, SpaceX ha iniziato ad aggiungere schermi solari agli Starlink nel tentativo di ridurre la loro riflettività.

SpaceX guarda al futuro e a Marte

Guardando al futuro, SpaceX non farà affidamento sui suoi draghi e falchi per sempre. La compagnia sta già lavorando per sviluppare un sistema di lancio spaziale unificato in grado  trasportare passeggeri con la stessa facilità con cui cargo e satelliti, il super-pesante razzo Starship. Designata come la “massima priorità ” della compagnia, Starship può portare le persone su Marte, ma serve anche come sistema di lancio rapido e riutilizzabile per distribuire rapidamente le risorse nell’orbita terrestre bassa e sulla Luna.

L’anno non è iniziato molto bene per lo sviluppo della Starship, quello che con l’ennesimo prototipo, l’SN4, è esploso sulla piattaforma di lancio a maggio. Questo segue una serie di esplosioni, collassi e altri fallimenti simili, ma questa è scienza missilistica, quindi dovrebbe essere difficile. Il successore dello sfortunato SN4, l’SN5, è riuscito a evitare di esplodere durante il suo volo di prova ad agosto, inoltre si è sollevato con successo a 150 metri dalla sua piattaforma di lancio prima di spostarsi per atterrare su una piattaforma diversa a breve distanza.

La più grande sfida della nave stellare fino ad oggi – il suo primo volo di prova ad alta quota – potrebbe verificarsi a breve. L’ultimo prototipo dell’azienda, l’SN8, è stato completato a settembre e originariamente previsto per volare a un’altezza di circa 18.000 metri prima di tornare in sicurezza sulla Terra. Quel soffitto è stato abbassato a 15.000 metri alla fine di settembre per motivi non divulgati e da allora il test stesso è stato ripetutamente ritardato. Tuttavia, alla fine di novembre , a seguito di un incendio statico dei suoi motori, Musk ha twittato che un test di volo adeguato è imminente.

Qualunque cosa accada, le prestazioni di SpaceX nel 2020 hanno già avuto un impatto duraturo sull’industria aerospaziale. L’Unione europea, ad esempio, ha già annunciato che sta portando avanti il ​​dispiegamento dei suoi satelliti di navigazione Galileo, spostando il calendario verso l’alto di 3 anni fino al 2024 e investendo per la prima volta per un miliardo di ricerca di tecnologia missilistica riutilizzabile e promozione di startup nel settore. Combina il già considerevole flusso di entrate di SpaceX, 2 miliardi a partire dal 2019, con i suoi fiorenti sforzi militari, scientifici e commerciali ed è difficile vedere come l’azienda non continuerà a dominare il mercato negli anni a venire.

Fonte: https://www.engadget.com/space-x-and-its-kickass-phenomenal-totally-awesome-2020-150025805.html