I biologi hanno scoperto di aver sbagliato sugli squali

Si dice che gli squali non dormano affatto; il fatto che alcuni squali debbano costantemente rimanere in movimento per poter respirare ha contribuito alla genesi di questa idea. Un nuovo studio, tuttavia, conferma finalmente ciò che prove aneddotiche e altre ricerche suggeriscono da tempo: questi animali dormono proprio come noi.

Abbiamo fornito la prima prova fisiologica del sonno negli squali“, scrive in un articolo il team guidato dall’ecofisiologo Michael Kelly dell’Università dell’Australia occidentale.

Due fasi del sonno sono ben note negli uccelli e nei mammiferi, e persino nel polpo, suggerendo che ogni fase gioca un ruolo importante nella nostra fisiologia, ma si sa poco di questo processo negli animali a sangue freddo con ossa dorsali.

Il team ha studiato i segni del sonno nello squalo Cephaloscyllium isabellum, che in precedenza avevano scoperto essere animali notturni. In uno studio precedente, i ricercatori avevano dimostrato che ci voleva una maggiore stimolazione elettrica perché uno squalo rispondesse quando l’animale sembrava riposare, ma non si era potuto dimostrare che questo stato di riposo fosse sonno.

Il monitoraggio degli squali per 24 ore ha rivelato che i loro livelli di ossigeno diminuiscono costantemente durante questi periodi di riposo, confermando che quelli che si estendono oltre i 5 minuti sono effettivamente sonno. “Non solo gli squali dormienti hanno una ridotta reattività alla stimolazione, ma hanno anche un tasso metabolico più basso“, spiegano Kelly e il team .

Gli squali osservati chiudevano gli occhi mentre dormivano più comunemente durante il giorno, suggerendo che la chiusura degli occhi è più probabilmente associata a fattori esterni come la presenza di luce, piuttosto che allo stato di sonno stesso. Durante la notte, il 38% degli squali teneva gli occhi aperti, anche mentre altri indicatori suggerivano che dormissero profondamente.

Un indicatore migliore di uno squalo addormentato è la sua postura, ha scoperto il team. Mentre sonnecchiano, gli squali tenevano i loro corpi appiattiti. Questa specie di squalo è in grado di rimanere immobile per lunghi periodi di tempo, grazie alle loro pompe buccali (muscoli del viso) che mantengono l’acqua ossigenata che scorre attraverso le loro branchie mentre sono fermi.

Altre specie di squali, come lo squalo bianco (Carcharodon carcharias), non hanno questa pompa e fanno affidamento sul nuoto in avanti per spingere l’acqua ossigenata nella loro bocca e sulle branchie. Questo è noto come ventilazione ariete.

Quindi, se il sonno risulta essere comune a tutti gli squali, come fanno a dormire quegli squali che devono per forza nuotare per respirare?

Alcuni ricercatori sospettano che possa avere a che fare con il modo in cui questi squali controllano il loro movimento di nuoto. Uno studio negli anni ’70 ha scoperto che i meccanismi che controllano i movimenti di nuoto nel piccolo squalo spinarolo (Squalus acanthias) si trovano nel midollo spinale dell’animale e non nel cervello, quindi è possibile che gli squali continuino a nuotare senza essere coscienti.

C’è ancora molto sul sonno in generale che rimane misterioso, quindi capire come funziona questo processo negli squali potrebbe fornire indizi su come si è evoluta la nostra capacità di dormire. Essendo il primo gruppo di vertebrati mascellari, gli squali rappresentano un gruppo ancestrale per molti animali noti per fare affidamento sul sonno per il risparmio energetico e altri importanti processi fisiologici.

La ricerca futura dovrebbe concentrarsi su altri indicatori fisiologici del sonno, come i cambiamenti nell’attività cerebrale, per un ritratto più completo del sonno in questi vertebrati“, conclude il team.

Questa ricerca sarà stata pubblicata in Biology Letters.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Scoperte 21 probabili stelle di neutroni in orbita attorno a stelle simili al Sole

La maggior parte delle stelle nel nostro Universo si...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

In Tendenza

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Simulatori quantistici: centri di spin aprono nuove frontiere

I ricercatori della UC Riverside hanno sviluppato simulatori quantistici...

Funghi: mappata per la 1a volta la distribuzione

La scoperta delle dinamiche di spazi e stagionali prevedibili...

Articoli correlati

Popular Categories