16 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeFisco e tasse"Ha detto che stava andando verso Kiev": l'hotline ucraina per rintracciare i...

“Ha detto che stava andando verso Kiev”: l’hotline ucraina per rintracciare i soldati dispersi

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...
da CNN.COM
Scusa se ti disturbo, chiamo per quanto riguarda mio fratello“.
Ha qualche informazione su mio marito?
Salve hotline, è questo il posto in cui puoi scoprire se una persona è viva?
Questi sono estratti da registrazioni audio effettuate su una hotline gestita dal governo ucraino. Madri e padri, mogli e fratelli sono impegnati in una disperata ricerca dei loro cari mentre la guerra della Russia con l’Ucraina si estende apparentemente senza fine.
Le voci tremanti all’estremità della linea non chiamano per cercare ucraini, tuttavia, cercano informazioni sui soldati russi.

Nelle registrazioni condivise con la CNN dai funzionari ucraini che gestiscono la hotline, la disperazione e l’incertezza nelle voci dei chiamanti fanno luce su quanto strettamente Mosca stia controllando le comunicazioni sulla guerra.

Le registrazioni indicano che molti soldati russi sembravano non sapere quali fossero i loro piani o il motivo per cui venivano schierati, e rafforzano le notizie secondo cui ai soldati russi è stata negata la comunicazione con le loro famiglie.
Una moglie, parlando tra le lacrime, chiama con una disperata domanda sul marito:
Trascrizione tradotta della telefonata:
OPERATORE
Quando è stata l’ultima volta che ti ha contattato?
CALLER, MOGLIE DI UN SOLDATO RUSSO
Il 23 febbraio quando ha attraversato il confine.
OPERATORE
Ti ha detto dove stava andando?
CHIAMANTE
Ha detto verso Kiev.
OPERATORE
Ha detto perché?
CHIAMANTE
Non ha detto nient’altro, no.
I video apparsi online dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio mostrano civili e soldati ucraini che consentono ai soldati russi prigionieri di chiamare casa e parlare con i loro familiari.
La hotline, denominata “Come Back From Ukraine Alive“, è stata istituita dal ministero dell’Interno ucraino, che ha riconosciuto che l’iniziativa è sia uno strumento umanitario che di propaganda.
Kristina, pseudonimo della donna incaricata di gestire la hotline, ha chiesto alla CNN di non rivelare la sua identità per motivi di sicurezza. È una psicologa.
Da una località sconosciuta nella capitale ucraina Kiev ha spiegato gli obiettivi della hotline.
Prima di tutto, aiutiamo parenti ed amici ad avere notizie dei loro cari che sono stati ingannati e senza sapere dove e perché si sono ritrovati nel nostro paese. E in secondo luogo, aiuteremo a fermare la guerra in generale“, ha detto ha detto alla CNN.
Da quando è stata istituita all’inizio di questa guerra, la hotline ha suonato senza sosta, ha detto Kristina. Ha ricevuto più di 6.000 chiamate dal 24 febbraio. Le chiamate sono arrivate da località distanti come Vladivostok nell’estremo oriente della Russia e Rostov sul Don, vicino al confine ucraino.
I log mostrano che alcune delle chiamate hanno avuto origine al di fuori della Russia, provenienti da tutta Europa e persino dagli Stati Uniti, compresi gli stati della Virginia, New York e Florida.
La CNN ha parlato con tre persone che hanno chiamato dagli Stati Uniti per confermare di aver effettivamente chiamato la hotline e vedere se avevano ricevuto informazioni dal ministero dell’Interno ucraino sui loro cari.
Marat, che vive in Virginia e non è stato completamente identificato dalla CNN per proteggere la sua privacy, ha affermato di aver trovato una foto della carta d’identità di suo cugino su un canale Telegram collegato al governo ucraino chiamato “Ishi Svouik” in russo.
Il canale è dedicato alla pubblicazione di informazioni sui russi catturati, feriti o uccisi che combattono in Ucraina. Pubblica foto di passaporti, nomi, piastrine e informazioni sull’unità militare.

L'immagine della carta d'identità di un soldato russo condivisa in un canale Telegram collegato al governo ucraino.

L’immagine della carta d’identità di un soldato russo condivisa in un canale Telegram collegato al governo ucraino.
Marat è piuttosto sincero riguardo al probabile destino di suo cugino.
Ci rendiamo conto che tutti i segni indicano che molto probabilmente è stato ucciso in azione, ma (stiamo) ancora cercando di individuare le informazioni su dove si trova il corpo che può essere potenzialmente trovato. O forse si spera che sia vivo“, ha detto .
La famiglia di Marat a Ufa, in Russia, gli ha chiesto di chiamare lui dall’estero il numero verde per paura di subire rappresaglie da parte delle autorità russe cercando direttamente il figlio.
La famiglia sta cercando di non essere contattata da nessuno perché tutti sono spaventati in Russia. Tutti hanno paura di parlare, tutti hanno paura che le forze dell’ordine li rintracciano“, ha detto Marat.
Ciò che è sempre più chiaro è la presa che il presidente russo Vladimir Putin ha sulla narrativa di questa guerra in patria. L’unico riconoscimento delle vittime è stata una dichiarazione anodina del Ministero della Difesa russo, in cui si afferma che l’esercito russo ha avuto 498 morti.
Marina, un altro chiamante che la CNN ha raggiunto telefonicamente in Florida, ha detto che sua zia non stava ricevendo alcuna informazione dal Ministero della Difesa russo.
Hanno cercato di trovarlo, ma nessuno risponde“, ha detto Marina. Quindi, sentiva che la sua unica speranza era chiamare la hotline ucraina, ma anche lì non ha avuto alcuna informazione su suo cugino.
Mi hanno appena detto che non appena avranno delle informazioni… perché, sai, speravo che fosse come se fosse in prigione o qualcosa del genere, insomma, spero sia ancora vivo” ha detto Marina.
Un alto funzionario del governo ucraino ha detto alla CNN che la hotline ha collegato dozzine di famiglie russe ai soldati russi in Ucraina. “Li abbiamo invitati a venire in Ucraina per incontrare i loro figli, ma finora nessuno ha deciso (di farlo)“.
Secondo i funzionari che lavorano sulla hotline, la stragrande maggioranza che ha chiamato ha detto che i loro figli o mariti avevano detto loro che erano stati mandati per l’addestramento dei riservisti o per esercitazioni militari e che molti hanno perso i contatti con le loro famiglie il 22 o 23 febbraio, poco prima che la Russia invadesse l’Ucraina.
Kristina, la direttrice della hotline, è ossessionata dalle chiamate che ha ricevuto.
Attraverso rivoli di lacrime, ha detto: “Un padre ha chiamato … ha detto ‘i nostri bambini vengono usati come beni di consumo, come [uno] scudo di carne. I politici, le persone grandi stanno giocando ai loro giochi, risolvendo i loro problemi, mentre i nostri i bambini muoiono, perché qualcuno vuole farci soldi o soddisfare le ambizioni personali e diventare un re del mondo“.
Quella vista dai chiamanti non fa eccezione. In una delle registrazioni condivise con la CNN, una moglie sconvolta, piangendo, telefona.
CALLER, UN’ALTRA MOGLIE DI UN SOLDATO RUSSO
Ciao. È questo il posto dove posso scoprire se una persona è viva?
OPERATORE
Sì, puoi trasmettere le informazioni su una persona.
Tra le lacrime, mormora il suo nome e la data di nascita.
OPERATORE
Quando hai perso la connessione con lui?
CHIAMANTE
Molto tempo fa.
OPERATORE
Cosa intendi molto tempo fa – era un mese, due mesi fa?
CHIAMANTE
Più di due mesi.
A seguito di uno scambio sulla hotline e sulle informazioni personali, la moglie continua:
CHIAMANTE
Vieni dall’Ucraina?
OPERATORE
Sì, vengo dall’Ucraina.
CHIAMANTE
Mi dispiace! Non è colpa nostra… ho paura. Non hanno scelto questo.
Kristina racconta come ha risposto a un’altra chiamata da una fidanzata che cercava il suo futuro marito. “Mi ha commosso il fatto che stesse chiedendo perdono. Continuava a dire: ‘Perdonaci, non volevamo attaccarti. Questa non è la nostra guerra. Non volevamo farlo‘”.
Tuttavia, la hotline non è solo progettata per offrire risposte, è anche uno strumento di propaganda, per galvanizzare i russi contro la guerra, una guerra che ora sembra sempre più protratta e sanguinosa. “Stiamo cercando di non pensare per quanto tempo durerà“, ha detto Kristina. “Speriamo solo che tutto ciò finisca presto. Con più persone possiamo condividere la verità su ciò che sta accadendo in Ucraina, più persone usciranno per le strade protestando e chiedendo di fermare questo spargimento di sangue“.
La telefonata di un uomo alla ricerca del fratello paracadutista riassume la situazione.
Buona fortuna ragazzi. L’intero mondo civile vi sostiene. Crediamo in voi“, dice.
Soprattutto, se le chiamate e gli appelli mostrano qualcosa, è che questa non è la guerra dei russi, a dispetto della propaganda è una guerra tutta di Putin.

Articoli più letti