Avi Loeb ha davvero recuperato tecnologia aliena dal fondo dell’oceano?

Sebbene le distanze tra le stelle e i pianeti siano enormi, il nostro Universo, e persino il nostro Sistema Solare, rimane un luogo violento. Frammenti di materia, derivanti principalmente dalla cintura di asteroidi e dalla fascia di Kuiper, colpiscono occasionalmente tutti i mondi conosciuti, compreso il pianeta Terra. Anche se la massa e le dimensioni tipiche degli oggetti che ci colpiscono sono relativamente piccole, ogni anno si verificano molti di questi impatti. Con la tecnologia moderna, stiamo persino iniziando a caratterizzarli e monitorarli.

In rare occasioni, alcuni di questi oggetti che colpiscono la Terra possono anche provenire da altrove: da un pianeta come Marte o da un altro sistema stellare, come suggeriscono i recenti passaggi degli oggetti interstellari ‘Oumuamua e Borisov attraverso il nostro Sistema Solare. Ma qualcuno di questi oggetti potrebbe essere qualcosa di straordinario, come tecnologia aliena?

Il professor Avi Loeb di Harvard ha recentemente affermato di avere recuperato dal fondo dell’oceano alcune centinaia di sferule composte da leghe metalliche non note in natura, forse parte di qualche meccanismo extraterrestre.

Sicuramente è un’affermazione incredibile, ma come dobbiamo sempre ricordare a noi stessi, non dovremmo seguire la nostra fervida immaginazione quando si tratta di una questione scientifica, ma piuttosto le prove scientifiche nel loro contesto appropriato. Ecco cosa dice realmente la scienza.

0*v5BDj69R2cWtFTWY
Un’animazione che mostra il percorso dell’intruso interstellare ora noto come ‘Oumuamua. La combinazione di velocità, angolo, traiettoria e proprietà fisiche cu permettono di dedurre che l’oggetto proveniva da oltre il nostro Sistema Solare, in netto contrasto con tutte le comete di lungo periodo precedentemente scoperte – Credito : NASA/JPL-Caltech

L’oggetto che ha colpito la Terra

Nel 2017, abbiamo rilevato il primo oggetto in assoluto che attraversava il nostro Sistema Solare proveniente dallo spazio interstellare: un vero messaggero dalle stelle. Chiamato ‘Oumuamua – in hawaiano “messaggero del lontano passato” – si muoveva molto più rapidamente di qualsiasi cosa avrebbe potuto avere origine dalla fascia degli asteroidi, dalla fascia di Kuiper o persino dalla nube di Oort. Questo lo abbiamo determinato calcolando due quantità:

  1. la sua eccentricità orbitale, che sarebbe 0 per un’orbita circolare, tra 0 e 1 per un’orbita ellittica, esattamente 1 per un’orbita parabolica, o maggiore di 1 per un’orbita sfuggente, iperbolica,
  2. e quella che gli astronomi chiamano “la sua velocità all’infinito”, che ci dice quanto velocemente si muover mentre si allontana dal Sistema Solare.

Per gli oggetti originari del nostro Sistema Solare, l’eccentricità massima possibile è di circa 1,06, e la massima “velocità all’infinito” possibile è di circa ~3 km/s.

Ma ‘Oumuamua aveva un’eccentricità di circa 1,2 e una velocità all’infinito di ben 26 km/s, dimostrando senza dubbio la sua natura interstellare. Due anni dopo, nel 2019, abbiamo scoperto il nostro secondo intruso interstellare: la cometa Borisov, con un’eccentricità di ben 3,36 e una velocità all’infinito addirittura maggiore di quella di ‘Oumuamua: 32 km/s. Ad oggi, sono gli unici due oggetti confermati ad aver attraversato il nostro Sistema Solare e ad avere un’origine certamente interstellare.

0*hCGOqJ2efPKob9np
Questo diagramma mappa i dati raccolti dal 1994 al 2013 su piccoli asteroidi che colpiscono l’atmosfera terrestre per creare meteore molto luminose, tecnicamente chiamate “bolidi” e comunemente chiamate “palle di fuoco”. Le dimensioni dei punti rossi (impatti diurni) e dei punti blu (impatti notturni) sono proporzionali all’energia ottica irradiata degli impatti misurata in miliardi di Joule (GJ) di energia. Il più grande oggetto di impatto in questo periodo di tempo, il meteorite di Chelyabinsk, aveva un diametro di soli 20 metri. (Credito : Scienze Planetarie, NASA/JPL-Caltech)

Sia ‘Oumuamua che Borisov erano oggetti grandi: oltre 100 metri di diametro ciascuno. Ce ne devono essere molti altri più piccoli al di sotto del limite della nostra attuale capacità di rilevarli mentre attraversano il nostro Sistema Solare. Proprio come piccoli asteroidi e oggetti ghiacciati simili a comete colpiscono periodicamente la Terra, così devono farlo anche questi oggetti di origine interstellare.

Al momento, non ne abbiamo mai rilevato uno con alcun tipo di certezza. Tuttavia, ciò non ha impedito ad Avi Loeb e al suo allora studente universitario di scrivere un articolo in cui affermavano che una palla di fuoco, rilevata l’8 gennaio 2014, era in realtà esattamente un oggetto interstellare che aveva colpito la Terra precipitando nell’Oceano Pacifico.

Ma era davvero di origine interstellare?

Gli unici dati che abbiamo provengono dal Dipartimento della Difesa, che fornisce stime di velocità e traiettoria, ma – e questo è fondamentale – senza incertezze o errori quantificati. L’articolo di Loeb utilizza l’argomento “Ho un messaggio da mia mamma“, sostenendo che “Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha rilasciato una lettera ufficiale [nel 2022, tre anni dopo l’affermazione iniziale di Loeb] affermando che ‘la stima della velocità riportata [da noi] alla NASA è sufficientemente accurata da indicare una traiettoria interstellare'”, senza ulteriori informazioni. Nella scienza, questa è una prova inaccettabilmente debole ed è stata messa seriamente in discussione da altri scienziati.

Domanda chiave n. 1: l’oggetto CNEOS 20140108, che colpì la Terra nel 2014, era di origine interstellare?

Verdetto: sconosciuto.

Questa mappa mostra la posizione ricostruita, da Avi Loeb, di dove crede che l’oggetto CNEOS 20140108 sia atterrato nell’Oceano Pacifico. Molti altri scienziati dubitano di questa affermazione. ( Credito : A. Loeb e FH Laukien)

La spedizione di Loeb

Loeb ha poi fatto un ulteriore passo avanti nel territorio speculativo e ha annunciato che avrebbe condotto un’operazione di recupero nelle profondità dell’Oceano Pacifico, finanziata da un multimilionario, per trovare e recuperare questo oggetto per accertarne la natura interstellare, aggiungendo che, forse non si trattava di una meteora, ma di tecnologia aliena. Lui (e lo stesso studente universitario di allora) citarono ancora una volta i dati (privati) del Dipartimento della Difesa, sostenendo che:

  • era chiaramente di origine interstellare,
  • aveva la resistenza materiale più alta di qualsiasi bolide misurato,
  • e che avrebbe potuto individuarne la posizione al largo della costa della Papua Nuova Guinea, nell’Oceano Pacifico meridionale.

Queste sono affermazioni molto importanti e sono fortemente contestate da altri nella comunità su due fronti principali. In primo luogo, se si stimano le incertezze (non fornite) dovute ai noti limiti dell’attrezzatura utilizzata per misurare questo bolide e altri bolidi simili, la fiducia nella natura interstellare di questo oggetto scende dal 99,999% stimato da Loeb a circa il 48%: non certo una sicurezza.

A causa della mancanza di dati precedenti, è impossibile ricostruire completamente la sua traiettoria passata, quindi potrebbe trattarsi di un oggetto del Sistema Solare anche con una grande velocità di impatto. E se si tengono in considerazione queste incertezze, proprietà come la sua forza materiale diventano così incerte che non si può trarre alcuna conclusione al riguardo.

Ma il secondo problema è probabilmente ancora più grave: l’idea che si possa dire: “Penso che questo oggetto sia atterrato nelle profondità dell’oceano, in questo punto esatto, e quindi andrò a recuperarlo” è un’affermazione non testata e non dimostrata. idea che non è mai stata tentata con successo prima. Infatti, prima della spedizione di Loeb, solo un oggetto precipitato negli oceani terrestri era stato recuperato con successo: nel 2018. Quell’oggetto aveva una serie di proprietà notevoli, tra cui:

  • l’abbiamo visto cadere e abbiamo monitorato il punto in cui è atterrato,
  • atterrò su una piattaforma continentale, in acque oceaniche poco profonde, a sole 15 miglia dalla costa occidentale degli Stati Uniti,
  • è stato il meteorite più grande a colpire la Terra negli ultimi 21 anni,
  • l’operazione di recupero è avvenuta meno di quattro mesi dopo l’atterraggio del meteorite,
  • gli sforzi di mappatura e recupero si sono concentrati su un’area molto piccola di appena 0,4 miglia quadrate.

Quando hanno trovato i resti dell’oggetto, li hanno trovati principalmente in un’unica fossa rotonda nel fondo del mare, con oltre 100 sfere di micrometeorite molto piccole e un frammento asimmetrico non fuso più grande (di dimensioni millimetriche), mostrato al microscopio elettronico a scansione. sotto.

0*TPeJTBjl5OEkOj51
Immagine al microscopio elettronico di un frammento del meteorite recuperato al largo della costa dello Stato di Washington, USA, nel 2018 da un team congiunto NASA/NOAA. La piccola struttura simile a una piuma che appare al microscopio indica che si è verificato un rapido raffreddamento, poiché queste goccioline fuse volavano attraverso l’atmosfera a velocità estremamente elevate. ( Credito : Marc Fries/NASA)

I successivi sforzi di recupero, avvenuti nel corso di 15 mesi dopo la caduta del meteorite, hanno dimostrato che questo materiale si è ossidato rapidamente nelle acque oceaniche della Terra.

In confronto, la caduta dell’oggetto CNEOS 20140108 nel 2014 è stata minuscola, con un diametro stimato di soli 0,45 metri. L’incertezza su dove sia atterrato l’oggetto non era di pochi decimi di miglio quadrato, ma copriva un’area di circa 1000 miglia quadrate e si trovava a quasi 100 chilometri dalla costa della massa terrestre più vicina. E invece di una profondità oceanica di 100-200 metri, come nel caso del recupero del meteorite caduto nel 2018, si stima che questo oggetto atterrò nelle profondità dell’oceano, a circa ~2 chilometri di profondità.

Dopo aver setacciato grandi quantità di materiale del fondale marino con un magnete e una rete metallica, la spedizione di Loeb finì per trovare circa 50 minuscole sfere metalliche, composte principalmente da ferro con una piccola quantità di altri materiali come silicio, magnesio e titanio. Sono tutti  grandi circa 1 millimetro o più piccoli, molto sferici e sono stati sepolti nel materiale molto più abbondante trovato sul fondo del mare. Questa è già una grande bandiera rossa per chiunque abbia familiarità con la forma dei materiali duri che si trovano nelle acque: se sono sferici, probabilmente sono stati laggiù per molto tempo, essendo stati erosi e alterati dagli agenti atmosferici fino a assumere una forma sferica. Se sono stati laggiù solo per poco tempo, dovrebbero avere una forma irregolare, come i frammenti più grandi recuperati dalla caduta del meteorite del 2018, come mostrato nell’immagine qui sotto.

Domanda chiave n. 2: qualcuna delle sfere metalliche recuperate dalla spedizione di Loeb era associata all’oggetto che ci colpì nel 2014?

Verdetto: dubbio e non supportato.

0*z9PyPe5nViLH9v7a
Un presunto frammento di meteorite recuperato dall’Olympic Coast National Marine Sanctuary che illustra la “crosta di fusione” smaltata. Ci vorrebbero lunghi periodi di tempo, nell’ordine di decenni o più, perché un oggetto come questo si eroda fino a assumere una forma sferica; il ritrovamento di sfere grandi, di dimensioni millimetriche, è una prova contro l’ipotesi di un recente “atterraggio” di quell’oggetto. ( Credito : Susan Poulton/Ocean Exploration Trust)

Le sferule trovate sul fondo dell’oceano

Sebbene la maggior parte dei meteoriti provenga dal Sistema Solare, presenta un’ampia varietà di composizioni. Quelli ricchi di ferro, che rappresentano circa il 5% di tutti i meteoriti, saranno quelli che verranno raccolti con un oggetto come un rastrello magnetico. Sfortunatamente per chiunque cerchi di abbinare un impatto particolare con una particolare sferula, la maggior parte del materiale che troverai sul fondo dell’oceano si è accumulato in periodi di tempo straordinariamente lunghi: milioni di anni.

In effetti, sarebbe stato scioccante se Loeb fosse andato in qualsiasi luogo nelle profondità dell’oceano e non avesse trovato sferule metalliche a base di ferro.

La ragione di ciò, generalmente non apprezzata dal grande pubblico, è che queste sferule metalliche a base di ferro sono state trovate praticamente in ogni dragaggio delle profondità oceaniche dalla fine del 19° secolo, quando la nave HMS Challenger recuperò per la prima volta un gran numero di ciò che chiamavano “sferule cosmiche” nel periodo 1872-1876. Nel corso del periodo di tempo trascorso da allora, a queste sferule metalliche, in gran parte di origine extraterrestre, si sono aggiunte:

  • rifiuti derivanti dalla combustione di combustibili fossili, come il carbone,
  • minuscole particelle sferiche derivanti dalle emissioni industriali e veicolari,
  • prodotti di scarto derivanti dall’estrazione e dalla raffinazione dei minerali metallici che sono finiti negli oceani.
0*gteEpBeDqOciYA4c
Le sferule metalliche qui raffigurate sono molto simili nell’aspetto e altrettanto ricche di contenuto di ferro alle sferule recuperate dalla spedizione di Avi Loeb sul fondo dell’oceano. Ma è noto che questi metalli sono dovuti a inquinanti industriali e sono stati trovati nei terreni di Shanghai, in Cina. ( Credito : Xue-Feng Hu et al., Journal of Applied Geofisica, 2022)

La maggior parte dei meteoriti ricchi di ferro che troviamo sulla Terra hanno anche una significativa abbondanza di nichel, mentre secondo le analisi di laboratorio di Loeb, il nichel è trascurabile nelle sfere metalliche da lui trovate. Questo è informativo in un certo senso, poiché Loeb sostiene che i suoi campioni mostrano che le sue sferule sono:

  • 84% ferro,
  • 8% silicio,
  • 4% magnesio,
  • 2% titanio,
  • e il restante 2% circa sono tutti gli altri oligoelementi combinati.

La mancanza di nichel probabilmente indica che queste sferule non provengono dai tipici meteoriti ferro-nichel (vale la pena notare che la concentrazione di nichel nel ferro industriale è solitamente ben al di sotto dell’1%). Naturalmente, è necessaria una conferma indipendente per sapere se Loeb ha eseguito correttamente questa analisi, poiché è molto facile per un meteorite ferro-nichel essere scambiato per essere completamente composto di ferro.

Domanda chiave n. 3: abbiamo trovato prove che alcune di queste sfere metalliche abbiano avuto origine oltre il nostro Sistema Solare?

Verdetto: No, l’affermazione non è comprovata e generalmente si ritiene più probabile che queste sferule abbiano un’origine completamente terrestre.

0*XnorIHXJyKJjz99W
Avi Loeb chiama già queste sferule metalliche “frammenti del meteorite interstellare 1”, o IM1 in breve. Non ci sono prove solide che indichino che queste sferule abbiano un’origine extraterrestre. ( Credito : Avi Loeb/Medium)

Ma potrebbero essere di origine aliena?

Ora stiamo semplicemente saltando in un abisso di speculazioni infondate. Certo, qualsiasi cosa potrebbe essere usata come tecnologia dagli alieni se immagini un alieno abbastanza creativo. Loeb, in particolare, ha una lunga esperienza nel sostenere che qualsiasi cosa insolita sia aliena:

così come molti altri esempi.

Ma ecco la grande “indicazione” che questo è probabilmente materiale terrestre e non spaziale: le sue sfere di metallo, che puoi vedere nell’immagine sopra, hanno un mucchio di buchi sulla superficie . Se guardi le immagini dei meteoriti recuperati con un alto contenuto di ferro, come mostrato di seguito, puoi vedere chiaramente che non hanno buchi. Puoi anche vedere che non sono sferici e se li analizzi contengono:

  • ferro,
  • nichel,
  • manganese,
  • cromo,

di solito puoi dire se è di fabbricazione umana, un meteorite di ferro o “altro”. Non ci sono ancora prove presentate, da Loeb o da chiunque altro, che indichino che si tratti di “altro”.

Domanda chiave n. 4: esiste qualche prova che queste sfere metalliche siano una tecnologia aliena?

Verdetto: No, e nemmeno lontanamente.

0*9piG0ByheDpNvP54
Questa immagine mostra le foto di alcune delle migliaia di frammenti metallici recuperati dal meteorite Sikhote-Alin. Notate come non sono porosi, di forma irregolare, lisci all’esterno e, anche se non potete vederli, composti in gran parte da ferro-nichel, con pochissimo manganese o cromo. ( Credito : Randy Korotev)

Le lezioni da asporto

Se scendeste sul fondo dell’oceano e usaste un rastrello magnetico, trovereste delle sferule metalliche ricche di ferro. Alcune di essi proverranno da meteoriti caduti sulla Terra negli ultimi milioni di anni, mentre altre saranno inquinanti derivanti da processi industriali che si sono verificati in gran parte qui sulla Terra negli ultimi 200 anni circa. Non ci sono prove, ad oggi, che ciò che Loeb ha trovato durante la sua spedizione sottomarina sul fondo dell’oceano sia diverso da ciò che precedenti spedizioni sul fondo dell’oceano avevano trovato da quando le prime sferule metalliche furono scoperte con questo metodo nel 1870: 150 anni fa.

Ma direi che la vera lezione è un avvertimento per i fisici di tutto il mondo: se hai intenzione di uscire dalla tua area di competenza, assicurati di acquisire le competenze pertinenti prima di iniziare a fare affermazioni dubbie che la scienza semplicemente non può supportare. Nessuna delle precedenti affermazioni di Loeb sugli “alieni” ha retto ad un esame accurato e, come molti altri hanno sottolineato, non c’è nemmeno prova di una spiegazione della “tecnologia aliena” per queste sferule. Inoltre non ci sono prove valide a sostegno del fatto che ciò che Loeb ha recuperato sia parte del bolide caduto l’8 gennaio 2014, né ci sono prove valide che questo oggetto fosse addirittura di origine interstellare.

La scienza richiede standard di prova molto più elevati. Fino a quando questi elevati standard non saranno stati soddisfatti, e chiaramente fino ad oggi non lo sono stati, dovremo rimanere cauti, e rimanere ancora più cauti quando si tratta di chiunque sia già noto per gridare “lupo” o “alieni”, senza le adeguate prove già in mano e le necessarie garanzie.

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Sviluppati raggi traenti metasuperficiali

I ricercatori del TMOS, l'ARC Centre of Excellence for...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Scimpanzé: inaspettato come il 14% delle interazioni siano gesti

La comunicazione è una delle caratteristiche più distintive degli...

Offerte Amazon di oggi: mini lavastoviglie portatili super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Articoli correlati

Popular Categories