Animazioni della NASA mostrano la Terra soffocata dalle emissioni di CO2 – video

Le animazioni prodotte dalla NASA evidenziano le emissioni provenienti da diverse fonti umane e naturali, con il contributo principale proveniente dalla combustione di combustibili fossili

0
523
Animazioni della NASA mostrano la Terra soffocata dalle emissioni di CO2
Animazioni della NASA mostrano la Terra soffocata dalle emissioni di CO2

[tta_listen_btn]

Le animazioni prodotte dalla NASA evidenziano le emissioni provenienti da diverse fonti umane e naturali, con il contributo principale proveniente dalla combustione di combustibili fossili.

La Terra viene soffocata da una fitta nebbia di anidride carbonica che ricopre il pianeta con il passare dei mesi. Le animazioni appena rilasciate visualizzano l’incredibile scala delle emissioni umane di anidride carbonica (CO2) nell’arco di un anno colorando l’invisibile gas serra.

Le animazioni sono state prodotte dallo Scientific Visualization Studio della NASA.

Nelle animazioni, le emissioni derivanti dalla combustione di combustibili fossili sono mostrate in arancione, e quelle derivanti dalla combustione di biomassa – vegetazione viva o morta bruciata per ripulire il terreno per l’agricoltura o incendiata da un fulmine, per esempio – appaiono in rosso. L’anidride carbonica prodotta dagli ecosistemi terrestri attraverso la respirazione delle piante è rappresentata in verde e le emissioni che fuoriescono dagli oceani sono in blu.

Le animazioni mostrano anche dove la CO2 viene assorbita dagli ecosistemi marini e terrestri, come le foreste pluviali, attraverso la fotosintesi (negli oceani, questo viene fatto dalle alghe). Collettivamente, questi ecosistemi naturali assorbono la metà delle emissioni umane ogni anno e svolgono un ruolo fondamentale nella mitigazione del cambiamento climatico agendo periodicamente come “pozzi di assorbimento” del carbonio.



“Sebbene la terra e gli oceani siano entrambi serbatoi di carbonio in senso globale, le singole località possono essere fonti in momenti diversi”, hanno osservato gli scienziati in una dichiarazione della NASA.

I tre video presentano il flusso e riflusso di CO2 in diverse regioni del mondo e evidenziano dove il gas viene emesso e assorbito nel corso di un anno.

La prima delle tre animazioni mostra il Nord e il Sud America in una nuvola bruno-giallastra che rappresenta le emissioni dei combustibili fossili e la combustione della biomassa che si forma gradualmente nell’emisfero settentrionale. Anche su scala così ampia, le emissioni possono essere attribuite a regioni specifiche.

“Alcune caratteristiche interessanti includono le emissioni di combustibili fossili dal corridoio urbano nord-orientale che si estende da Washington DC a Boston negli Stati Uniti”, hanno scritto gli scienziati.

Piccole strisce verdi che mostrano le emissioni degli ecosistemi terrestri si arricciano dentro e fuori da questa nuvola durante i mesi invernali. Questo perché le piante che assorbono CO2 attraverso la fotosintesi durante la stagione di crescita rilasciano gran parte di questo carbonio in inverno, secondo la dichiarazione.

La superficie verde punteggiata che pulsa attraverso il Sud America rappresenta l’assorbimento di CO2 da parte degli alberi, che avviene solo durante il giorno. “La rapida oscillazione sulla foresta pluviale amazzonica mostra l’impatto delle piante che assorbono carbonio mentre il Sole splende e poi lo rilasciano durante le ore notturne”, hanno dichiarato gli scienziati.

Una seconda animazione copre parti dell’Asia e dell’Australia. “La caratteristica più notevole sono le emissioni di combustibili fossili dalla Cina”, afferma la dichiarazione. L’Australia funge principalmente da serbatoio di carbonio, come illustrato dai puntini verdi lampeggianti in gran parte del paese, poiché la popolazione relativamente scarsa emette meno CO2 rispetto ai suoi vicini. Verso la fine dell’animazione, la nuvola di emissioni di combustibili fossili dall’emisfero settentrionale si sposta verso sud e avvolge anche l’Australia.

Ciò che il video della NASA non mostra è che l’Australia ha le più alte emissioni di CO2 da carbone pro capite al mondo.

Il terzo video evidenzia l’Africa, l’Europa e il Medio Oriente, con la stragrande maggioranza delle emissioni di combustibili fossili prodotte in Europa e Arabia Saudita. Ciuffi di nuvole rosse che si librano sopra l’Africa centrale rappresentano le emissioni degli incendi che le persone accendono per ripulire i raccolti avanzati.

Mentre le emissioni di CO2 da combustibili fossili sono il principale motore del cambiamento climatico, gli incendi contribuiscono al riscaldamento globale riducendo la quantità di carbonio che gli ecosistemi terrestri assorbiranno in futuro. Questo perché i suoli carbonizzati trattengono meno carbonio e perché gli incendi riducono la densità e le dimensioni degli alberi.

Fonte: NASA

2