domenica, Gennaio 29, 2023
Home Ecologia e Ambiente

2018: aumentata la produzione di energia rinnovabile ma anche i consumi di combustibili fossili

246

Aumentare l’assorbimento di energie rinnovabili non è sufficiente a mitigare l’appetito per gas e carbone.

Rapporti recenti delle principali organizzazioni climatiche stanno dipingendo un quadro abbastanza ingarbugliato sul futuro del consumo energetico globale. L’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA) afferma che l’energia rinnovabile costituisce ora un terzo della capacità energetica totale del mondo – il livello più alto di sempre – ma, allo stesso tempo, l’Agenzia internazionale dell’energia (IEA) riferisce che la domanda di energia sta crescendo al ritmo più sostenuto degli ultimi dieci anni e aumenta in proporzione anche il consumo di combustibili fossili.

Secondo IRENA, 171 GW di energia rinnovabile sono stati aggiunti al mix globale nel 2018, segnando un aumento annuale del 7,9 percento, che rappresentano complessivamente due terzi della nuova capacità di generazione di energia. L’energia idroelettrica occupa la quota maggiore con 1.172 GW in tutto il mondo, seguita dall’eolico a 564 GW e dal fotovoltaico con 480 GW. C’è da aggiungere che il fotovoltaico ha registrato la maggiore crescita nel 2018.

Tuttavia, nonostante questa crescita – che secondo l’IRENA da seguito alla  tendenza di crescita continua degli ultimi cinque anni“, sembra che il nostro appetito per i combustibili fossili non sia diminuito. In effetti, è aumentato. Come dimostra il rapporto IEA, il gas naturale è emerso come il combustibile preferito del pianeta nel 2018, registrando i maggiori guadagni e rappresentando il 45% dell’aumento del consumo energetico complessivo. Considerando anche il carbone, i combustibili fossili hanno rappresentato circa il 70% della crescita aggiuntiva per il secondo anno consecutivo. Tutto ciò porta ad un aumento dell’1,7 percento delle emissioni di CO2, che ha raggiunto 33 Gigatonnellate nel 2018.

Il direttore esecutivo della IEA, Dr Fatih Birol, ha osservato che il 2018 ha segnato un altro “anno d’oro” per il gas e ha affermato che l’azione è assolutamente necessario mitigare i devastanti danni climatici. “Nonostante la maggiore crescita delle rinnovabili, le emissioni globali sono ancora in aumento, dimostrando ancora una volta che è necessaria un’azione urgente su tutti i fronti: sviluppare tutte le soluzioni energetiche pulite, ridurre le emissioni, migliorare l’efficienza e stimolare gli investimenti e l’innovazione, inclusa la cattura del carbonio, il suo utilizzo e conservazione “.