13 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeAntropologiaFu l'alternanza climatica a stimolare l'evoluzione e le migrazioni delle popolazioni umane...

Fu l’alternanza climatica a stimolare l’evoluzione e le migrazioni delle popolazioni umane primitive in Africa

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Secondo una nuova ricerca, antichi modelli meteorologici oscillanti simili a El Niño sono i principali responsabili dei cambiamenti ambientali nell’Africa sub-sahariana negli ultimi 620.000 anni ed è anche probabile che abbiano svolto un ruolo importante nella nostra evoluzione come specie.

L’emergere dell’Homo sapiens dall’Africa è ben consolidato e le nuove scoperte suggeriscono che un’altalena climatica tra i periodi umidi e secchi nella regione sia stata almeno tanto influente quanto l’avanzare e il ritiro dei ghiacciai nello stabilire il percorso degli antichi umani verso gli umani di oggi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I ricercatori hanno analizzato 11 diverse registrazioni di sedimenti terrestri e oceanici per costruire un’idea del cambiamento climatico in tutta l’Africa per il periodo dal medio al tardo pleistocene, un momento cruciale nell’evoluzione degli esseri umani e nella loro diffusione in tutto il mondo.

Questa alternanza tra periodi secchi e umidi sembrava aver governato la dispersione e l’evoluzione della vegetazione e dei mammiferi nell’Africa orientale e occidentale“, afferma la paleoclimatologa Stefanie Kaboth-Bahr  dell’Università di Potsdam in Germania.

È probabile che il mosaico ambientale risultante sia stato una componente fondamentale dell’evoluzione umana e anche della prima demografia“.

Evoluzione guidata dai cambiamenti climatici

Il riscaldamento e il raffreddamento dell’Oceano Pacifico tropicale avrebbero influito drammaticamente sulla cosiddetta circolazione di Walker, la nostra concezione del flusso d’aria attorno a entrambi i lati dell’equatore, che genera particolari condizioni secche o umide.

Secondo i ricercatori, ambienti lussureggianti e verdeggianti associati a forti piogge si alternavano dall’est all’ovest dell’Africa e viceversa, con ogni passaggio che richiedeva circa 100.000 anni. Animali, piante e umani avrebbero risposto di conseguenza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Mentre i primi esseri umani avrebbero avuto modi di adattarsi ai cambiamenti nei modelli climatici, più risorse c’erano in un luogo particolare, più è probabile che le persone avrebbero scelto di fermarsi in quel luogo in quel momento e fino al successivo cambiamento climatico che avrebbe generato una nuova migrazione.

Questo significa che le migrazioni delle popolazioni umane da un lato all’altro dell’Africa e poi anche fuori da essa, avvenivano in funzione dei cambiamenti climatici.

Vediamo le firme archeologiche dei primi membri della nostra specie in tutta l’Africa“, afferma l’archeologa evoluzionista Eleanor Scerri del Max Planck Institute for the Science of Human History in Germania.

Ma le innovazioni vanno e vengono e vengono spesso reinventate, suggerendo che la nostra storia ancestrale come specie abbia visto un modello costante di crescita e collasso della popolazione locale a dente di sega. Significa che, probabilmente, le regioni ecotonali potrebbero aver fornito aree adatte per la continuità dell’abitabilità per le popolazioni a lungo termine, garantendo che la maggior parte degli umani potessero resistere ed evolversi anche nei periodi durante i quali le popolazioni locali, e più piccole, spesso si estinsero“.

Si pensa che queste regioni ecotonali, o cuscinetti tra diverse zone ecologiche (come praterie e deserti), siano state molto importanti in termini di dove i primi umani si stabilirono e soggiornarono, e sarebbero state guidate dalla circolazione di Walker.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Senza un vero e proprio DNA umano antico di questo periodo di tempo, tracciare il movimento degli ominidi nel continente africano richiede alcune congetture istruite, come ammettono gli stessi ricercatori.

Tuttavia, sembra probabile che questo modello ad “altalena” debba essere tenuto in considerazione in aggiunta ai modelli che considerano gli spostamenti dei ghiacciai, quando si tratta di cercare di capire i modelli di migrazione in generale e perché le persone potrebbero essersi trasferite dove lo hanno fatto.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Rivalutare questi modelli di stasi, cambiamento ed estinzione attraverso un nuovo quadro climatico fornirà nuove intuizioni nel profondo passato umano“, conclude Kaboth-Bahr .

Ciò non significa che le persone fossero impotenti di fronte ai cambiamenti climatici, ma che il cambiamento della disponibilità di habitat deve avere sicuramente avuto un impatto sui modelli demografici e, in definitiva, sugli scambi genetici che sono alla base dell’evoluzione umana“.

La ricerca è stata pubblicata su PNAS.

Articoli più letti