L’evoluzione umana nuovamente rivalutata con l’analisi del DNA di 2 denti

Il ritrovamento di alcuni denti umani in una grotta della Cina meridionale ha permesso, attraverso l'analisi del DNA, di ridimensionare alcune scoperte precedenti che avevano fatto datare ad oltre 100.000 anni fa la presenza dell'uomo moderno in Cina

0
1412

Gli esperti salutarono la scoperta avvenuta nel 2015 come “sbalorditiva”: 47 denti trovati in una grotta nel sud della Cina risalenti a 80.0000-120.000 anni fa, che sfidavano idee ampiamente accettate sull’evoluzione umana.

Questa scoperta, fin dall’inizio ha suggerito che l’Homo sapiens sia arrivato in Cina almeno 20.000 anni prima di quando si riteneva che i primi uomini moderni avessero lasciato l’Africa e si fossero diffusi in tutto il mondo. Inoltre accennava in modo allettante alla possibilità che un diverso gruppo di primi esseri umani potesse essersi evoluto separatamente in Asia.

Una nuova ricerca ha suggerito che forse non dovremmo essere così ansiosi di riscrivere la cronologia delle origini umane. L’analisi del DNA di due denti umani trovati nella stessa grotta, chiamata Fuyan, oltre a denti e altri resti fossili di altre quattro grotte nella stessa regione, ha suggerito che è improbabile che i primi esseri umani moderni siano giunti in Cina così presto.

La nostra nuova ricerca dimostra che è molto improbabile che l’Homo sapiens abbia raggiunto la Cina prima di 50.000 anni fa. È sempre possibile che la nostra specie abbia raggiunto la regione più di 100.000 anni fa, ma dobbiamo dire che non ci sono prove convincenti a favore di questo al momento“, ha detto Darren Curnoe, professore associato presso l’Australian Museum Research Institute di Sydney e coautore dell’articolo pubblicato lunedì sulla rivista PNAS.

I ricercatori sono stati in grado di estrarre il DNA da 10 denti umani e stabilire l’età di altri materiali nelle grotte, come carbone e denti di animali, utilizzando una serie di metodi diversi, tra cui l’analisi del DNA estratto. 



Il team ha scoperto che i denti avevano almeno 16.000 anni, mentre gli altri materiali avevano meno di 40.000 anni.

Lo studio del 2015 si era basato molto sui risultati di un unico metodo di datazione che ha determinato l’età dei materiali delle caverne (detti flowstone, depositi laminari di roccia formati dall’acqua corrente.) che si trovano sopra e sotto i sedimenti contenenti i denti umani“, ha spiegato.

È ben noto che le date più affidabili provengono direttamente dai materiali di interesse per gli archeologi, in questo caso, i denti umani. La nostra nuova datazione, comprese le età dirette, dei denti sono molto più recenti di quanto suggerito in precedenza“.

Lo studio del 2015 ha misurato il decadimento radioattivo dell’uranio all’interno dei depositi di caverne, non è stata effettuata nessuna analisi del DNA.

Chris Stringer, responsabile della ricerca sull’evoluzione umana presso il Natural History Museum di Londra, ha affermato che le date dei denti fossili cinesi si sono sempre distinte ed era giusto indagarle ulteriormente utilizzando metodi diversi. Tuttavia, ritiene che lo studio, sebbene interessante, non ha escluso definitivamente che i primi esseri umani moderni siano giunti in Cina prima di 50.000 anni fa.

Analisi del DNA rivela un Albero genealogico complesso

Districare l’ascendenza umana è un affare complicato e una ricerca recente ha indicato che l’albero genealogico umano è molto più cespuglioso e meno lineare rispetto alla tradizionale narrativa “Fuori dall’Africa“, che suggeriva che gli esseri umani moderni provenissero dall’Africa e abbiano fatto la loro prima migrazione di successo verso il resto del mondo in un’unica ondata tra 50.000 e 70.000 anni fa.

Molti diversi antichi ominini esistevano e coesistevano prima che l’Homo sapiens emergesse come l’unico sopravvissuto, e vi sono stati incroci tra diversi gruppi di primi umani. Alcuni di questi gruppi – come i Neanderthal – sono facilmente identificabili attraverso la documentazione fossile e resti archeologici, ma altri – come i Denisovani – sono stati ampiamente identificati dalla loro eredità genetica.

Maria Martinón-Torres, direttrice del Centro nazionale di ricerca sull’evoluzione umana in Spagna e autrice dello studio del 2015, ha affermato di aver accolto con favore i nuovi dati sulla presenza precoce degli esseri umani moderni in Cina. Tuttavia, ha notato che i due denti della grotta Fuyan analizzati, sono stati scoperti nel 2019 e non appartenevano al campione originale che il suo team ha studiato e pubblicato nel 2015.

I dati precisi sulla posizione e la morfologia del campione sono cruciali, ma non sono forniti nel documento“, ha detto. “Sono d’accordo sul fatto che dovremmo lavorare per migliorare la datazione di tutti i siti di interesse, specialmente con la datazione diretta quando possibile. Tuttavia, al momento, c’è un numero crescente di campioni che sembra sosterrebbe la presenza dell’H. sapiens fuori dall’Africa prima 50 ka (50.000 anni fa)“, ha spiegato.

La ricercatrice ha ricordato che sono state effettuate altre scoperte in Arabia Saudita, Israele, Sumatra e Laos, e un altro sito in Cina dove è stata trovata una mascella, che supportano la presenza di Homo sapiens fuori dall’Africa prima di 50.000 anni fa.

Uno dei principali fattori a sostegno dell’idea che i primi esseri umani moderni lasciarono l’Africa circa 50.000 anni fa è che c’è un forte segnale che emerge dall’analisi del DNA delle popolazioni umane odierne.

Potremmo dire che l’uscita dall’Africa successivamente a 70.000 anni fa sembra essere l’immagine dominante. Non possiamo escludere precedenti dispersioni in altre regioni, ma certamente la Cina meridionale sembra essersi stabilizzata in questa ondata oltre 50.000 anni fa“, Ha detto Curnoe.

Tuttavia, Martinón-Torres ha affermato che la sua scoperta non esclude la possibilità che i primi gruppi di Homo sapiens abbiano vagato per l’Asia prima, proprio come facevano altri gruppi di primi umani come i Neanderthal ed i Denisoviani.

Non avevamo aspettative sulla datazione di questi fossili e di questi siti e saremmo stati contenti se avessimo confermato una dispersione precoce. Certamente avrebbe reso la storia della nostra specie molto più antica di quanto generalmente si creda, e forse più interessante“, ha concluso Curnoe.

Purtroppo, questo sembra non essere il caso, almeno per la Cina meridionale, secondo il nostro lavoro“.

2