13.7 C
Rome
mercoledì, Novembre 30, 2022
HomeEcologia e AmbienteL'acqua del rubinetto contiene minuscole particelle di plastica e non sappiamo come...

L’acqua del rubinetto contiene minuscole particelle di plastica e non sappiamo come eliminarle

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Solo diversi giorni fa, come società globale, abbiamo celebrato la Giornata della Terra, che è un evento importante che porta alla luce sfide e opportunità nella speranza di preservare il nostro pianeta per le generazioni future. 

Negli ultimi anni la questione della plastica ha svolto un ruolo fondamentale nelle iniziative di conservazione della Terra e abbiamo visto come l’uso della plastica sia stato dannoso per l’ambiente e per la vita marina. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Molti di noi hanno visto immagini strazianti di vari animali e specie marine che ingeriscono pezzi di plastica. Tuttavia, quei pezzi di plastica erano visibili ad occhio nudo. Sebbene possiamo vedere e trovare modi per trattare le plastiche di dimensioni macro-scala, che dire delle particelle di dimensioni nanometriche che sono difficili da rilevare ad occhio nudo? 

Questa è la domanda che i ricercatori hanno affrontato negli ultimi anni quando hanno scoperto che la persona media potenzialmente ingerisce 5 g di plastica ogni settimana, mentre gli effetti sulla salute di questo consumo non sono ancora ben compresi. Si stima che il 90% dell’acqua potabile negli Stati Uniti abbia plastica micro-dimensionata. 

Il problema con la plastica è che non è biodegradabile, il che significa che non si decompone come la materia di carbonio, e quindi continuando a utilizzare la plastica, questa continuerà ad accumularsi nel nostro ambiente. Particelle di plastica che hanno continuato ad accumularsi per anni da quando abbiamo iniziato a utilizzare la plastica negli anni ’50. 

Viene in mente una domanda naturale: quanta plastica esiste nell’ambiente e come la eliminiamo?

Uno studio di ricerca ha cercato di chiarire la risposta a queste due domande pervasive. Lo studio, condotto da un team internazionale di ricercatori dell’Università di Toronto, della Loyola University di Chicago e del Field Museum of Natural history, ha utilizzato un modo creativo per misurare l’accumulo di plastica nell’ambiente osservando l’intestino dei pesci presenti nella collezione del museo. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Uno degli autori dello studio, Tim Hoellein, professore di biologia alla Loyola University di Chicago, afferma che “guardare i campioni del museo è essenzialmente un modo per tornare indietro nel tempo“. La collezione del museo contiene 2 milioni di esemplari di pesce, il che offre ai ricercatori un’opportunità incredibilmente creativa di rovistare nel tempo e studiare l’impatto della plastica. 

I ricercatori hanno esaminato i pesci prima e dopo l’introduzione della plastica e hanno scoperto che la quantità di microplastiche nell’intestino è aumentata con l’aumentare della produzione di plastica, confermando il fatto che queste particelle difficili da rilevare si sono accumulate nel nostro mondo. 

Un’altra cosa interessante che i ricercatori hanno scoperto è che queste microplastiche provengono anche da articoli come i vestiti, il che capovolge la nostra idea di utilizzo della plastica. Di solito pensiamo alla plastica come proveniente da sacchetti di plastica, ma in realtà la natura pervasiva delle microplastiche ha permeato tutti gli aspetti della nostra società, inclusi materiali come il poliestere, tra gli altri.

Ora che sappiamo che nel nostro ambiente esistono particelle di plastica su microscala e difficili da rilevare, dobbiamo trovare il modo di eliminarle. 

Plastica nell’acqua potabile

Un gruppo di ricercatori della Washington State University si è interessato a questo argomento e in particolare a come queste minuscole particelle permeano il nostro sistema di acqua potabile. Un fattore allarmante attribuito all’autore principale dello studio, Indranil Chowdhury, professore assistente presso il Dipartimento di Ingegneria, ha affermato che “sulla base di questi risultati, sembra che la plastica in polietilene su scala nanometrica riesca a sfuggire ai nostri processi di trattamento dell’acqua potabile, in particolare la filtrazione“. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il dottor Chowdhury e il team hanno esaminato il modo in cui le particelle di tas si comportano in una varietà di ambienti acquatici, come un ambiente acido o uno con sali, sperando di trovare modi per eliminare queste minuscole particelle. 

Tuttavia, ciò che hanno scoperto è che mentre questi ambienti svolgono un ruolo sul modo in cui queste particelle si muovono, il sistema di filtraggio dell’acqua non rimuove queste plastiche di dimensioni micro e nanometriche e non c’è ancora una risposta sul motivo per cui queste nanoparticelle esistono nei sistemi idrici. 

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il dottor Chowdhury conclude che “non conosciamo gli effetti sulla salute e la tossicità è ancora sconosciuta, ma continuiamo a bere queste materie plastiche ogni giorno“. Il suo team sta lavorando per sviluppare metodi di filtrazione dell’acqua migliori nella speranza di rimuovere queste plastiche dal nostro ambiente. 

In sintesi, il messaggio di questi due studi è chiaro, poiché continuiamo a utilizzare la plastica, questa continuerà ad accumularsi poiché non abbiamo un modo per combattere questo accumulo.

Seguici su TwitterFacebook e Telegram

Articoli più letti