11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomePreppingACHILLEA MILLEFOGLIE: Utilizzata per curare ulcerazioni, emorroidi, ferite

ACHILLEA MILLEFOGLIE: Utilizzata per curare ulcerazioni, emorroidi, ferite

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

ACHILLEA MILLEFOGLIE

L’Achillea millefoglie è una pianta della famiglia delle Asteraceae, di tipo erbaceo, perenne e aromatica con rizoma ramificato e strisciante e fusto diritto alla cui sommità dei corimbi portano diversi capolini di fiori profumati bianchi o rosati. L’aspetto è densamente cespitoso dato soprattutto dalle foglie tipiche (molto frastagliate in profondità) di questa specie.

La tradizione trasmessaci da Plinio, vuole che Achille curò alcune ferite dei suoi compagni  nell’assedio di Troia, con tale pianta, da qui il nome del genere. Sembra che sia stato Chirone (suo maestro) ad informarlo delle capacità cicatrizzanti della pianta. Il nome definitivo della pianta fu comunque assegnato da Linneo. Il nome della specie (millefoglie) deriva per le sue foglie profondamente frastagliate.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nome Scientifico:

Achillea Millefolium

Famiglia: Compositae

Usato per curare:

ULCERAZIONI

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

EMORROIDI

FERITE

ACHILLEA MILLEFOGLIE
ACHILLEA MILLEFOGLIE

ULCERAZIONI

Infuso: bollire 200 gr. di acqua con 200 gr. Di capolini fioriti e foglie tritate. Lasciare intiepidire quindi si filtra e con il liquido ottenuto si lavano le parti ulcerate.

EMORROIDI

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Si esegue la stessa ricetta indicata per le ulcerazioni, però in questo caso oltre a usare il liquido per lavare la parte malata si usa il residuo di foglie e fiori tritati, per confezionare la garza da applicare sulla parte interessata.

FERITE

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Decotto: cuocere 50 gr. Di foglie fresche con 1 litro di acqua, togliere dal fuoco dopo 10 minuti e filtrare, usare il liquido ottenuto per lavare le ferite prima di procedere alla medicazione e alla fasciatura.

Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette

Articoli più letti