Mappato il braccio da noi più distante della Via Lattea

Indice

La nostra mappa della Via Lattea è ora più completa: e’ stato finalmente mappato misurato il suo braccio più distante. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Science dai ricercatori dell’Istituto Max Planck di radioastronomia di Bonn, guidati da Alberto Sanna.

La distanza misurata è di oltre 66.000 anni luce e riguarda una lontanissima regione nella quale si formano nuove stelle e che si trova sul lato opposto della Via Lattea rispetto alla Terra e al Sole, chiamata G007.47+00.05.
Questo punto “è ben oltre il centro della Galassia, che è distante da noi più di 27.000 anni luce“, spiega Sanna all’ANSA.

Per giungere a tale risultato i ricercatori hanno utilizzato una tecnica geometrica che offre i risultati più accurati in termini di misurazioni, quella della parallasse, e analizzato i dati raccolti con la rete di radiotelescopi Very Long Baseline Array (Vlba) della National Science Foundation.

Nelle regioni come quella misurata ci sono molecole di acqua e metanolo che funzionano da amplificatori naturali dei radiosegnali. Questo effetto, noto come maser, rende i segnali radio brillanti e facilmente osservabili con i radiotelescopi. E, considerato che, nella Via Lattea ci sono molteplici regioni in cui la formazione stellare e’ ancora attiva, sara’ facile in futuro captare il loro segnale per rendere più precisi i “confini” della mappa galattica.

Fonte: ANSA

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Progetto VIPER: inaspettato nessun lancio nel 2025

Il progetto VIPER (Volatiles Investigating Polar Exploration Rover) della...

Ramses: la missione di difesa planetaria verso Apophis

Il programma Space Safety dell'ESA ha ricevuto l'autorizzazione a...

Farmaci nello spazio: la scadenza di 3 anni un unico grande problema

L’esplorazione spaziale ha sempre rappresentato una delle frontiere più...

Venere: individuati possibili segni di vita

Un team di ricercatori ha presentato nuove prove della...

Astranis: 200 milioni per l’innovativo programma Omega

Il 24 luglio 2024, Astranis ha annunciato di aver...

RTNet: L’AI che sta imparando a pensare come gli esseri umani

I ricercatori del Georgia Tech hanno sviluppato una rete...

Syntrichia caninervis: il muschio pronto per colonizzare Marte

La Syntrichia caninervis, un muschio del deserto, ha dimostrato...

Articoli correlati

Popular Categories