Zosurabalpin: possibile cura per un patogeno di priorità 1

Come una molecola innovativa blocca il trasporto di una sostanza vitale per il Crab, uno dei batteri più resistenti ai farmaci

0
219
Zosurabalpin: possibile cura per un patogeno di priorità 1
Zosurabalpin: possibile cura per un patogeno di priorità 1

Un team di ricercatori ha scoperto una nuova classe di antibiotici che potrebbe essere efficace contro uno dei batteri più pericolosi e resistenti ai farmaci: il Carbapenem-resistant Acinetobacter baumannii (Crab).

Si tratta di Zosurabalpin, una molecola che agisce in modo innovativo, bloccando il trasporto di una sostanza vitale per la sopravvivenza dei batteri, e lo studio, pubblicato su Nature, ha dimostrato che Zosurabalpin ha salvato la vita di topi con infezioni gravi da Crab e ha aperto la strada a possibili applicazioni umane.

Zosurabalpin

Cos’è il Crab e perché è una minaccia

Il Crab è il nome comune dell’Acinetobacter baumannii, un batterio che si trova comunemente nell’ambiente e che può causare infezioni opportuniste negli esseri umani. Il Crab è particolarmente diffuso negli ospedali, dove può infettare le ferite, il sangue, le vie respiratorie e le vie urinarie dei pazienti, soprattutto quelli con un sistema immunitario debole o che usano dispositivi medici come ventilatori o cateteri.

Il problema principale del Crab è la sua elevata resistenza agli antibiotici. Il Crab appartiene alla famiglia dei batteri Gram-negativi, che sono dotati di una doppia membrana cellulare che li protegge dall’azione dei farmaci, tra l’altro è in grado di acquisire e trasmettere geni di resistenza ad altri batteri, rendendoli ancora più difficili da eliminare.



Per questo motivo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato il Crab come uno dei tre patogeni critici di priorità 1, insieme a Pseudomonas aeruginosa e Enterobacteriaceae. Questi batteri rappresentano la più grande sfida per la salute pubblica, in quanto sono responsabili di infezioni gravi e spesso letali, per le quali non esistono trattamenti efficaci.

Come funziona Zosurabalpin

Zosurabalpin è il risultato di una collaborazione tra Roche Pharma Research and Early Development, l’Università di Harvard e altre istituzioni. Si tratta di una nuova classe di antibiotici, chiamata balipina, che ha la capacità di uccidere il Crab in un modo mai visto prima.

Zosurabalpin

Zosurabalpin sfrutta una debolezza del Crab: la sua dipendenza da una sostanza chiamata lipopolisaccaride (LPS). L’LPS è una molecola che si trova sulla membrana esterna dei batteri Gram-negativi e che svolge diverse funzioni vitali, come la protezione dai fattori di stress ambientali e la modulazione della risposta immunitaria.

Per formare l’LPS, il Crab ha bisogno di un sistema di trasporto che lo porti dalla membrana interna alla membrana esterna. Zosurabalpin interrompe questo processo, impedendo al LPS di raggiungere la sua destinazione, e senza LPS, il Crab diventa vulnerabile e muore.

Lo studio ha dimostrato che Zosurabalpin è in grado di uccidere ceppi di Crap resistenti ai carbapenemi, una classe di antibiotici di ultima generazione. Oltre a ciò, Zosurabalpin ha mostrato di essere efficace in modelli animali di polmonite e sepsi da Crab, due delle infezioni più gravi e mortali causate dal batterio.

Zosurabalpin ha ridotto significativamente il carico batterico nei polmoni dei topi e ha prevenuto la morte di quelli con sepsi.

Zosurabalpin è stato anche testato in studi clinici di fase 1 su volontari sani, dimostrando di essere ben tollerato e sicuro, mentre gli studi di fase 2 sono in corso per valutare l’efficacia di Zosurabalpin in pazienti con infezioni da granchio.

Le prospettive future di Zosurabalpin

Zosurabalpin rappresenta una scoperta importante nel campo della ricerca antibiotica, in quanto offre una nuova strategia per combattere i batteri Gram-negativi resistenti ai farmaci. Il suo meccanismo d’azione unico lo rende diverso da qualsiasi altro antibiotico esistente e potenzialmente in grado di superare i meccanismi di resistenza dei batteri.

Tuttavia, Zosurabalpin non è una soluzione definitiva al problema delle infezioni resistenti agli antibiotici. Come ha sottolineato il dottor Michael Lobritz, responsabile globale delle malattie infettive presso Roche

“questa molecola da sola non risolverà la minaccia per la salute pubblica rappresentata dalle infezioni resistenti agli antimicrobici, ma potrebbe gettare le basi per futuri sforzi per drogare lo stesso sistema di trasporto in altri batteri”.

Zosurabalpin

Zosurabalpin è specifico per il Crab e non ha mostrato attività contro altri batteri Gram-negativi, come Pseudomonas aeruginosa e Enterobacteriaceae, per questo motivo è necessario continuare a cercare nuovi antibiotici che possano colpire diversi bersagli e diversi batteri.

Altresi è possibile che il Crab sviluppi resistenza anche a Zosurabalpin, come ha fatto con altri antibiotici, e per prevenire questo scenario, è importante usare Zosurabalpin in modo appropriato e razionale, seguendo le linee guida cliniche e limitando il suo uso ai casi più gravi e necessari.

Infine, è essenziale promuovere una gestione responsabile degli antibiotici a tutti i livelli, dalla ricerca alla produzione, dalla prescrizione al consumo, dalla sorveglianza alla prevenzione. Solo così si potrà contrastare la diffusione delle infezioni resistenti agli antibiotici e salvaguardare la salute umana.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

2