Cobalto: la triste realtà dietro il tuo smartphone

Dietro l'approvvigionamento del cobalto, necessario per i nostri smartphone e i device in generale, si cela una delle più grandi violazioni dei diritti umani dei lavoratori delle miniere

0
391
Cobalto

La più alta concentrazione di cobalto al mondo si trova nella Repubblica Democratica del Congo, dove secoli di saccheggi coloniali e povertà locale hanno creato un’economia instabile e monotona che richiede che intere famiglie lavorino nelle miniere.

Cobalto

Una città nel sud, Kolwezi, ha più cobalto di tutto il resto del mondo messo insieme. E mentre il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti si preoccupa del cobalto nella catena di approvvigionamento globale, gruppi come il World Economic Forum e Amnesty International definiscono le condizioni dei diritti umani in queste miniere “uno scandalo pubblico globale”.

Cobalto: la vita dei lavoratori nelle miniere

I portoghesi sono approdati per la prima volta in Congo alla fine del 1400, ma il dominio coloniale ufficiale iniziò solo nel XIX secolo. Il re del Belgio Leopoldo II, un uomo ossessionato dall’acquisizione del potere coloniale , ha truffato personalmente e “acquistato” una parte del Congo che ha governato fino al 1908.

Il governo di Leopoldo II in quella che oggi è la Repubblica Democratica del Congo è stato così sanguinoso da essere alla fine condannato da altri colonialisti europei nel 1908, ma ci è voluto molto più tempo per essere sottoposto ad esame accurato a livello nazionale.



Durante questo periodo i belgi hanno rilevato l’industria mineraria nella provincia del Katanga, ricca di minerali, dove è stata scoperta un’enorme quantità di cobalto. Mentre il Congo nel corso dei decenni ha sperimentato le conseguenze della politica della Guerra Fredda, le “miniere artigianali”, come vengono chiamate, si sono sviluppate come parte dell’industria non regolamentata del cobalto.

Si tratta di miniere a cielo aperto o a pozzo dove intere famiglie, compresi i bambini, trascorrono le loro giornate in abiti civili, setacciando le macerie a mani nude. Inoltre, non ci sono attrezzature di sicurezza o supervisione.

Uno studio del 2009 ha rilevato che le persone del Katanga hanno la più alta concentrazione urinaria di cobalto mai riscontrata in una popolazione generale. Il cobalto può essere, ed è, velenoso per il corpo in quantità sufficientemente elevate.

Cobalto

Siddhartha Kara è una ricercatrice sulla schiavitù il cui libro Cobalt Red, pubblicato all’inizio del 2023, fa luce su queste condizioni di lavoro disumane. Oggi, i colossi minerari di proprietà della Cina, e pesantemente controllati, si sono uniti alle miniere artigianali originarie.

Mentre Kara ha svolto le sue ricerche in Congo, Kara ha portato i suoi documenti essenziali legati alla gamba in modo da poter scappare se necessario. Il documentarista Michael Davie, che ha realizzato film sull’Africa fin dalla sua infanzia, ha dichiarato che la sua squadra di collaboratori in Congo a volte è stata arrestata per diverse ore.

Maurice Carney, direttore esecutivo e co-fondatore di Friends of the Congo, ha spiegato che il prodotto interno lordo del Congo è di 55 miliardi di dollari, collocandolo al centro di una classifica globale altamente stratificata, ma molti ordini di grandezza al di sotto della capitalizzazione di mercato di Apple, pari a $ 2,7 trilioni.

Celine Tshizena di Afrewatch, l’African Resource Watch, ha affermato che le compagnie minerarie cinesi offrono ancora condizioni di lavoro e trattamenti umani inadeguati, nonostante la redditizia industria delle batterie agli ioni di litio e il predominio della maggioranza della Cina nel mercato del cobalto lavorato.

Mentre il mondo cambia la propria offerta di automobili, biciclette elettriche e altro ancora, queste questioni relative ai diritti umani continueranno a perseguitare l’industria del cobalto. A meno che i governi e le organizzazioni mondiali non lavorino insieme per chiedere condizioni migliori.

Questo potrebbe comportare il tentativo di garantire più di 5 o 8 dollari al giorno alle famiglie congolesi, ad esempio, o la liberazione dei loro figli lavoratori affinché possano frequentare la scuola. E gli scienziati continuano a lavorare sui catodi delle batterie che rivaleggiano con il cobalto.

Cobalto

Non dovremmo passare all’uso di veicoli elettrici a scapito delle persone e dell’ambiente di uno degli angoli più oppressi e poveri del mondo“, ha osservato Kara: “La parte inferiore della catena di approvvigionamento, da cui proviene quasi tutto il cobalto mondiale, è uno spettacolo dell’orrore.”

Smartphone, computer e veicoli elettrici possono essere emblemi del mondo moderno, ma, dice Siddharth Kara, le loro batterie ricaricabili sono spesso alimentate dal cobalto estratto dai lavoratori che lavorano in condizioni di schiavitù nella Repubblica Democratica del Congo.

Bisogna immaginare di passeggiare in alcune di queste aree minerarie e di riportare indietro di secoli il nostro orologio“, ha raccontato Kara: “Le persone lavorano in condizioni subumane, macinanti e degradanti. Usano picconi, pale, tratti di tondo per cemento armato per dividere la terra in trincee, pozzi e tunnel per raccogliere cobalto

Kara sostiene che l’industria mineraria ha devastato il paesaggio della RDC. Milioni di alberi sono stati abbattuti, l’aria attorno alle miniere è nebbiosa di polvere e sabbia e l’acqua è stata contaminata da effluenti tossici derivanti dai processi minerari.

Inoltre, ha aggiunto: “il cobalto è tossico al tatto e alla respirazione  e ci sono centinaia di migliaia di poveri congolesi che lo toccano e lo respirano giorno dopo giorno. Giovani madri con bambini legati dietro la schiena, che respirano questa polvere di cobalto tossica“.

Il cobalto viene utilizzato nella produzione di quasi tutte le batterie ricaricabili agli ioni di litio utilizzate oggi nel mondo. E mentre chi si trova al di fuori della RDC distingue tra il cobalto estratto dalle compagnie minerarie industriali ad alta tecnologia del paese e quello estratto dai minatori artigianali, Kara ha specificato che le due fonti sono fondamentalmente intrecciate.

C’è una completa contaminazione incrociata tra il cobalto derivato dagli escavatori industriali e quello estratto da donne e bambini a mani nude“, ha affermato: “Le miniere industriali, quasi tutte, hanno minatori artigianali che lavorano, scavano dentro e intorno ad esse, immettendo il cobalto nella catena di approvvigionamento formale.

Tecnicamente, secondo la legge, non dovrebbe esserci attività mineraria artigianale in nessuna miniera industriale. Eppure nella maggior parte delle miniere industriali si svolge un’attività estrattiva artigianale. In alcuni casi l’attività estrattiva è prevalentemente artigianale.

E il motivo è che è un modo per incrementare la produzione con pochi soldi. Bisogna imaginare di essere in una parte del mondo dove ci sono milioni di persone che ricevono a malapena un dollaro o due al giorno, sono estremamente povere e accetteranno quasi qualsiasi accordo di lavoro solo per sopravvivere.

Li metti in una fossa ristretta, stipati con altre 10.000 persone e li paghi un paio di dollari, e produrranno migliaia di tonnellate di cobalto all’anno quasi senza salario. E quindi non è legale, ma sta succedendo.

Immaginate un’intera popolazione di persone che non può sopravvivere senza racimolare in condizioni pericolose uno o due dollari al giorno. Non c’è alternativa lì. Le miniere hanno preso il sopravvento su tutto. Centinaia di migliaia di persone sono state sfollate perché i loro villaggi sono stati rasi al suolo per far posto a grandi concessioni minerarie.

Cobalto

Quindi ci sono persone senza alternative, senza altra fonte di reddito, senza mezzi di sostentamento. A questo si aggiunge la minaccia che in molti casi le forze armate spingono le persone a scavare, e che i genitori devono prendere una decisione dolorosa: ‘Mando mio figlio a scuola o mangiamo oggi?’ E se scelgono la seconda opzione, ciò significa portare tutti i loro figli in queste fosse tossiche a scavare solo per guadagnare quei cinquanta centesimi o un dollaro in più al giorno, che potrebbero fare la differenza tra mangiare o meno.

Quindi nel 21° secolo questa è la schiavitù moderna. Non è la schiavitù dei beni mobili del XVIII secolo in cui puoi comprare e scambiare persone e possedere titoli su una persona come se fosse una proprietà. Ma il livello di degrado, il livello di sfruttamento è pari a quello della schiavitù del vecchio mondo.

Spesso, scavando in questi pozzi più grandi a cielo aperto, si verificano crolli dei muri dei pozzi. Immaginate una montagna di ghiaia e pietra che si abbatte come una valanga sulle persone, schiacciando gambe, braccia e spine dorsali.

Kara ha incontrato persone a cui erano state amputate le gambe, che avevano sbarre di metallo dove prima c’erano le gambe. E poi la cosa peggiore è ciò che accade nello scavo dei tunnel. Probabilmente ci sono dai 10.000 ai 15.000 tunnel scavati a mano da minatori artigianali. Nessuno di loro ha supporti, pozzi di ventilazione, chiodi da roccia, niente del genere.

E questi tunnel crollano continuamente, seppellendo vivi tutti quelli che si trovano laggiù, compresi i bambini. È una fine quasi impossibile da immaginare. Eppure Kara ha incontrato madri che si battevano il petto dal dolore, parlando dei loro figli sepolti vivi nel crollo di un tunnel. E queste storie non escono mai dal Congo. La gente semplicemente non sa cosa sta succedendo laggiù.

2