12.8 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeCriminologiaMisteri irrisolti: il caso Yogtze

Misteri irrisolti: il caso Yogtze

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La parola “YOGTZE” non ha alcun significato per la maggior parte delle persone, ma svolge un ruolo centrale in un caso bizzarro che rimane uno dei misteri irrisolti più sconvolgenti della Germania.

Le sei lettere – anche se alcuni hanno sostenuto che la “G” potrebbe essere stata effettivamente un “6”, nel qual caso cinque lettere e un numero – sono state scarabocchiate su un pezzo di carta da un uomo di nome Günther Stoll. Li scrisse non molto tempo prima di uscire di casa, e dopo diverse soste in un pub e una rapida visita a una donna che conosceva dall’infanzia, Stoll fu trovato a malapena vivo e completamente nudo nella sua macchina. Stoll è morto durante il tragitto verso l’ospedale, non riuscendo a spiegare cosa era successo e lasciando gli investigatori e la sua famiglia con un mistero composto da altri misteri che rimangono irrisolti quasi 40 anni dopo.

IL CASO YOGTZE

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Günther Stoll era un ingegnere alimentare che viveva ad Anzhausen, in Germania, ma nel 1984 si trovò a dover affrontare un periodo in cui era disoccupato. A peggiorare le cose, quelli intorno a lui credevano che avessei problemi di salute mentale. Gli amici e la famiglia di Stoll lo vedevano diventare sempre più paranoico. Aveva l’abitudine di parlare di “loro” e di come “loro” volessero ferirlo, ma non ha mai approfondito chi – o cosa – “loro” fossero. Il 25 ottobre 1985, intorno alle 23, Stoll era a casa con la moglie. Apparentemente senza motivo, si è alzato in piedi gridando “Jetzt geht mir ein Licht auf”, che significa qualcosa tipo “ora ho capito!” Prese un pezzo di carta e scarabocchiò rapidamente “YOGTZE”.

STOLL CORSE AL PUB

YOGTZE – o YO6TZE, a seconda di come lo si vede – non significa nulla. Qualunque cosa significhi, Günther Stoll mostrò uno strano senso di urgenza perché dopo aver scarabocchiato la serie di lettere, uscì improvvisamente di casa. Era l’ultima volta che sua moglie lo vedeva vivo, ma altri lo videro quella notte.

Potrebbe interessarti: Cherchez la femme! Il delitto di Entreves

Stoll andò in un pub nella città di Wilnsdorf e ordinò una birra. Senza nemmeno toccare la sua birra, Stoll cadde con la faccia a terra. Dal momento che non aveva nemmeno bevuto un sorso, non si ritiene che la sbornia sia stata la causa della sua caduta, che lo lasciò con alcune lievi ferite. A detta di alcuni testimoni, Stoll avrebbe improvvisamente perso conoscenza. Non appena ripresa conoscenza, salì su una Volkswagen Golf e si allontanò nella notte.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

È TORNATO DOVE È CRESCIUTO

Non si sa dove sia stato esattamente Günther Stoll o cosa abbia fatto dal momento in cui ha lasciato il pub intorno alle 23:30 fino all’una di notte quando arrivò nella città di Haigerseelbach, luogo dove trascorse la sua infanzia. Ad Haigerseelbach, Stoll andò a casa di una donna anziana che conosceva da quando era bambino. Questa, quando aprì la porta, si trovò davanti Stoll che parlava di qualche evento imminente. “Stasera accadrà qualcosa, qualcosa di piuttosto terrificante”, le disse. La donna in seguito disse agli investigatori che Stoll non le parlò di nessun altro dettaglio sull’evento di cui stava parlando. Vedendo lo stato in cui versava l’uomo, la donna, preoccupata per lui, gli suggerì di non guidare e di trascorrere invece il resto della notte a casa dei suoi genitori, che erano nelle vicinanze. Stoll non ascoltò e ancora una volta scomparve.

SEMBRA ESSERE STATO COINVOLTO IN UN MISTERIOSO INCIDENTE

Due ore dopo che Günther Stoll lasciò Haigerseelbach, una coppia di camionisti scoprì che la sua Volkswagen Golf si era schiantata in un fosso lungo l’autostrada A45e che qualcuno si allontanava dall’apparente luogo dell’incidente ma, precipitati a controllare l’auto, c’era solo Günther Stoll, che era ancora vivo in macchina e inspiegabilmente nudo. Mentre aspettava l’arrivo dei soccorsi, Stoll disse ai camionisti che c’erano stati altri quattro in macchina con lui, e che erano tutti in fuga e che non erano suoi amici. Purtroppo, questa fu l’unica cosa che Stoll disse su quello che gli era successo quella notte, mentre andava in ospedale. La causa della morte di Stoll è stata etichettata come omicidio colposo. Ciò significa che la polizia sospettava che non era rimasto ferito in un incidente ma che era stato collocato sulla scena dell’incidente in un secondo tempo.

Misteri irrisolti: Il caso YOGTZE
Misteri irrisolti: Il caso YOGTZE

POSSIBILI SPIEGAZIONI
La verità è che nessuno sa cosa sia successo a Günther Stoll prima della sua morte nell’ottobre 1984 o cosa volesse dire il suo messaggio criptico – YOGTZE, ma ciò non significa che ci sia una carenza di teorie in giro. Dato che YOGTZE non è una parola in nessuna lingua conosciuta, alcuni hanno ipotizzato che la “G” sia un “6”, mentre la “O” potrebbe essere uno “0” e la “Z” un “2” errato. La parola diventerebbe quindi Y06T2E, che secondo alcuni potrebbe essere una targa, il che significa che Stoll stava lasciando un indizio su chi potrebbe averlo voluto morto e chi è stato coinvolto nella sua morte. Naturalmente, visto che la parola è stata scritta ore prima della sua morte, sembra improbabile. Quello stesso numero è anche l’identificativo di chiamata di una stazione radio rumena, ma non c’è nient’altro in questa connessione a parte la coincidenza.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le misteriose impronte sul fianco dell’antico vulcano di Roccamonfina

Altri hanno sottolineato come YOGTZE sia un anagramma di “zigote”, una delle prime fasi dello sviluppo umano, e hanno ipotizzato che forse la parola si ricollega in qualche modo al lavoro di Stoll se avesse lavorato a un progetto legato al cibo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti