Vivere e lavorare nello spazio sarà realtà prima che si possa immaginare

Aziende private si stanno organizzando per inviare nello spazio equipaggi per finalità commerciali e presto avremo una stazione spaziale gestita da privati in orbita intorno alla Terra

0
509
Indice

Il numero di esseri umani che lavorano attivamente oltre l’atmosfera terrestre – e che vi vivono anche parti significative della loro vita – sta per iniziare a crescere a un tasso potenzialmente esponenziale. Considerando quanto sia piccola quella popolazione ora, la crescita potrebbe sembrare lenta all’inizio, ma sta accadendo e sono in atto piani per fare in modo che cresca rapidamente.
L’azienda che guida questi piani a breve termine è Axiom Space, un fornitore di servizi che intende mettere in orbita una staziona spaziale privata. Axiom è stata fondata ed è guidata da persone con esperienza e competenza acquisite nella progettazione e nella gestione della Stazione Spaziale Internazionale, e gestisce già missioni di ricerca e sviluppo per conto di clienti privati ​​sulla ISS con l’aiuto degli astronauti della NASA. Ha in programma di iniziare ad effettuare trasporti di astronauti privati ​​verso la Stazione Spaziale Internazionale a partire dal 2021 e sta anche costruendo una nuova stazione spaziale commerciale per sostituire alla fine la ISS quando questa andrà fuori servizio.
Il Chief Business Office di Axiom Space Amir Blachman ha partecipato a TC Sessions: Space la scorsa settimana in un panel che includeva il capo dell’esplorazione e pianificazione missioni della NASA Nujoud Merancy, il vicepresidente senior della Sierra Nevada Corporation e l’ex astronauta Janet Kavandi, oltre alla cofondatrice di Space Exploration Architecture ( SEArch +) Melodie Yashar. Il panel era incentrato su come le entità pubbliche e private si stanno preparando per un futuro (relativamente vicino) in cui gli esseri umani trascorreranno più tempo fuori dalla Terra – e anche più lontano da essa.
Sarà presto, già tra un paio d’anni“, ha detto Blachman, in risposta a una domanda su quanto siano prossimi esseri umani, oltre gli astronauti, a vivere e lavorare nello spazio. “Presto invieremo equipaggi alla Stazione Spaziale Internazionale per le nostre missioni, e intanto stiamo costruendo la nuova stazione spaziale commerciale che succederà alla ISS quando sarà dismessa. La nostra prima missione con un equipaggio di quattro astronauti partirà tra 12 mesi e i quattro membri dell’equipaggio sono già passati attraverso i controlli medici, hanno fatto addestramento, abbiamo già integrato le nostre operazioni mediche e il team di formazione con il nostro fornitore di lancio. un lancio avverrà equipaggio nel 2021, un altro equipaggio nel 2022, due equipaggi nel 2023, quattro nel 2024 – e da lì a crescere“.
Sia Blachman che Merancy hanno parlato dell’importanza dell’automazione e dei sistemi robotici sia sulle future stazioni spaziali commerciali di Axiom che sui futuri habitat della NASA sulla superficie lunare, e sul portale lunare (Lunar Gateway) che rimarrà in orbita attorno alla luna e fungerà da punto di partenza per missioni lunari.
L’ISS doveva essere manutenuta tutto il tempo“, ha detto Merancy. “Non è pensata per essere una stazione senza equipaggio. E anche se i controllori di volo a terra ne gestiscono  gran parte del funzionamento effettivo, è pensata per avere persone lì per eseguire la manutenzione. Non avremo quel lusso, quando inizieremo a parlare riguardo all’architettura lunare, il Gateway sarà curato solo quando arriverà l’equipaggio, e le cose in superficie saranno curate inizialmente solo per brevi periodi, prima una settimana e poi più a lungo nel tempo. Ma vogliamo comunque avere tutte quelle cose in grado di fare scienza utile o esplorazione utile anche senza equipaggio. Quindi la capacità di fare tele robotica, mantenere le cose tramite comando a terra, e cose del genere, in modo che quando l’equipaggio arriva, possa semplicemente aprire il portello e mettersi al lavoro sarebbe la condizione ideale“.
Abbiamo lavorato partendo dal presupposto che habitat e infrastrutture critici dovranno essere costruiti sulla Luna e poi su Marte e dovrebbero essere pensati in modo che abbiano la massima autonomia“, ha aggiunto Yashar. “Quindi in genere progettiamo per missioni che possono svolgersi anche prima che un equipaggio sia sul posto, sperando che quasi tutti i sistemi attraverso la costruzione, i materiali, lo scavo, la movimentazione dei materiali e tutti gli altri sistemi che abbiamo esaminato siano in grado di funzionare nel modo più autonomo possibile“.
Anche Kavandi ha fatto eco ai sentimenti degli altri riguardo al grado in cui i moderni sistemi spaziali umani incorporeranno l’automazione.
Le cose di tecnologia avanzata a volte possono aggiungere semplicità“, ha detto. “Man mano che abbiamo aumentato le nostre capacità nel corso degli anni, ad esempio con i computer, sono diventati più facili da usare, non più difficili. L’obiettivo è cercare di ridurre al minimo il tempo delle opere di manutenzione in modo che gli equipaggi umani possano concentrare il tempo per fare ricerca, o qualunque cosa si debba fare lassù, qualunque sia la missione. Quindi dobbiamo semplificare le interfacce, ottenere un automazione tale, che l’equipaggio debba intervenire solo quando qualcosa va storto“.

2