Vita su Marte, presto avremo una risposta, forse, definitiva

Sappiamo che su Marte vi sono i mattoni della vita e le missioni in partenza l'anno prossimo potrebbero aiutarci a dare una risposta definitiva a questa ricerca. Su Marte c'è stata vita in passato? C'è ancora?

988

È facile perdere di vista un fatto sorprendente: dal 2012, l’umanità ha guidato una science-mobile a propulsione nucleare delle dimensioni di un SUV su un altro pianeta.

Questa meraviglia ingegneristica, il rover Marzianodella NASA Curiosity, ha rivoluzionato la nostra comprensione del pianeta rosso. Ora sappiamo che l’antico Marte aveva composti a base di carbonio chiamati molecole organiche, materie prime chiave per la vita come la conosciamo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un nuovo studio pubblicato su Science presenta le prime prove conclusive della presenza di grandi molecole organiche sulla superficie di Marte, una ricerca iniziata con i lander Viking della NASA negli anni ’70. Test precedenti potrebbero aver suggerito la presenza di sostanze organiche, ma la presenza di cloro nel terriccio marziano ha complicato quelle interpretazioni.

Quando lavori con qualcosa di folle come un rover su Marte, con lo strumento più complesso mai inviato nello spazio, sembra che stiamo facendo ciò che potrebbe essere stato percepito prima come impossibile“, afferma l’autore principale Jennifer Eigenbrode, biogeochimico del Goddard. “Lavoro con un fantastico gruppo di persone con le quali abbiamo abbiamo scoperto molto su Marte”.

Gli ultimi dati di Curiosity rivelano che il lago d’acqua che un tempo riempiva il cratere Gale, su Marte, conteneva molecole organiche complesse circa 3,5 miliardi di anni fa. Le loro tracce sono ancora conservate nelle rocce sulfuree appuntite derivate dai sedimenti lacustri. Lo zolfo può aver contribuito a proteggere i prodotti organici anche quando le rocce sono state esposte in superficie a radiazioni e sostanze simili alla candeggina chiamate perclorati.
Di per sé, i nuovi risultati non sono la prova che su Marte anticamente vi era vita; anche reazioni chimiche inorganiche avrebbero potuto produrre molecole identiche. Come minimo, però, lo studio dimostra come eventuali tracce di antiche forme di vita marziane, anche microbiche, potrebbero avere resistito agli eoni e suggerisce dove i futuri rover potrebbero cercarle.

Questa è una scoperta importante“, afferma Samuel Kounaves, chimico della Tufts University ed ex scienziato capo della missione Phoenix della NASA. “Ci sono luoghi, in particolare il sottosuolo, dove le molecole organiche sono ben conservate“.

Stagione del metano

Oltre al carbonio antico, Curiosity ha catturato gli odori delle sostanze organiche che esistono su Marte oggi. Il rover ha periodicamente annusato l’atmosfera di Marte da quando è atterrato e, alla fine del 2014, i ricercatori che utilizzano questi dati hanno mostrato che il metano, la molecola organica più semplice, è presente nell’atmosfera di Marte.

La presenza del metano su Marte è sconcertante, perché sopravvive solo poche centinaia di anni, il che significa che, in qualche modo, qualcosa sul pianeta rosso continua a produrlo. “È un gas presente nell’atmosfera di Marte che in realtà non dovrebbe essere lì“, afferma Chris Webster, scienziato del Jet Propulsion Lab.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Inoltre, si è osservato che il metano di Marte ha un comportamento quantomeno bizzarro. Nel 2009, i ricercatori riferirono che su Marte vengono rilasciate inspiegabilmente migliaia tonnellate di metano in atmosfera .

Ma cosa sta producendo il metano? Nessuno sa.

Non sappiamo davvero se questo metano che vediamo oggi sia un prodotto attuale della serpentinizzazione [una reazione chimica tra rocce ferrose e acqua liquida] o del prodotto dell’attività metabolica di microrganismi in profondità“, afferma Michael Mumma, scienziato del Goddard che ha scoperto le emissioni di metano di Marte. “O è qualcosa di immagazzinato da un tempo antico che viene rilasciato lentamente?

Sto ancora cercando la vita

Gli esperti hanno salutato i due nuovi studi come pietre miliari per l’astrobiologia.

È incredibilmente eccitante, perché dimostra che Marte è un pianeta attivo ancora oggi“, afferma il planetologo del Caltech Bethany Ehlmann, un esperto di Marte che non era coinvolto negli studi. “Non è freddo e morto, forse è sospeso proprio al limite dell’abitabilità“.

Webster e altri sottolineano che questi studi non sono prove della presenza di vita su Marte: “Le osservazioni che vediamo non escludono la possibilità di attività biologica, [ma] non abbiamo ancora una pistola fumante per questo“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Rocce che fiancheggiano un antico canale dove un tempo fluiva su Marte. – FOTOGRAFIA DELLA NASA

Le missioni future aiuteranno. Il rover ExoMars 2020 dell’Agenzia spaziale europea, prevista per l’atterraggio nel 2020, sarà in grado di perforare più di un metro e mezzo nel terreno incontaminato di Marte ed esaminare campioni con la sua suite di strumenti di bordo. E il rover Mars 2020 della NASA, tra le altre cose, preparerà in appositi contenitori con campioni di terreno che una futura missione raccoglierà e riporterà sulla Terra.

Già ora, la missione ExoMars, con il Trace Gas Orbiter sta raccogliendo dati che consentiranno agli scienziati di mappare il metano di Marte e forse persino di individuarne le fonti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---