8.4 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeAttualitàVenti di guerra: incursione di 39 caccia cinesi sopra i cieli di...

Venti di guerra: incursione di 39 caccia cinesi sopra i cieli di Taiwan

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

L’aviazione militare di Taiwan è stata mobilitata oggi per contenere una maxi incursione di 39 jet da guerra cinesi nella zona di difesa aerea di sudovest dell’isola, la più grande fatta da Pechino da ottobre 2021.

Secondo il ministero della Difesa, l’Esercito popolare di liberazione (Pla) ha inviato 34 caccia (dieci J-10 e 24 J-16), più 4 aerei da guerra elettronica (due Y-8 ELINT e Y-9 EW) e un bombardiere H-6. Taiwan ha dispiegato i suoi caccia, lanciato messaggi radio e monitorato le attività coi sistemi di difesa antiaerea. Pechino considera Taiwan una sua provincia da riunificare anche con la forza, se necessario. (ANSA).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
L’azione dell’Esercito popolare di liberazione è avvenuta ​​il ​​giorno dopo che le marine statunitensi e giapponesi hanno effettuato una massiccia dimostrazione di forza nel Mar delle Filippine, riunendo una flottiglia che includeva due portaerei della US Navy, due navi d’assalto anfibie statunitensi e un cacciatorpediniere portaelicotteri giapponese, essenzialmente una piccola portaerei.
Anche due incrociatori lanciamissili statunitensi e cinque cacciatorpediniere hanno partecipato dell’esercitazione. Il Mar delle Filippine è l’area dell’Oceano Pacifico a est di Taiwan, tra l’isola autogovernata ed i territori statunitensi di Guam e le Isole Marianne Settentrionali. La Marina degli Stati Uniti non ha reso noto quanto fosse vicina la flottiglia a Taiwan.
Niente riafferma meglio il nostro impegno per un #FreeandOpenIndoPacific come 2 gruppi di attacco portaerei e 2 gruppi anfibi in navigazione insieme ai nostri amici della forza di autodifesa marittima giapponese“, ha detto in un tweet il vice ammiraglio Karl Thomas, comandante della 7a flotta degli Stati Uniti con sede in Giappone.
Una dichiarazione della Marina degli Stati Uniti ha affermato che le navi da guerra hanno “effettuato addestramento per preservare e proteggere la regione indo-pacifica“.

Sabato gli aerei sorvolano una flottiglia navale USA-Giappone che includeva due portaerei statunitensi nel Mar delle Filippine.

Aerei sorvolano la flottiglia navale USA-Giapponese nel Mar delle Filippine.
Incursioni cinesi di aerei da guerra
Taiwan e la Cina continentale sono state governate separatamente da quando i nazionalisti sconfitti si sono ritirati sull’isola alla fine della guerra civile cinese più di 70 anni fa.
Ma il Partito Comunista Cinese (PCC) al potere in Cina vede l’isola autogovernata come parte del suo territorio, nonostante non l’abbia mai controllata.
Di recente, Pechino non ha escluso l’uso della forza militare per prendere Taiwan e negli ultimi anni ha mantenuto la pressione sull’isola con frequenti voli di aerei da guerra nell’ADIZ di Taiwan. La Federal Aviation Administration degli Stati Uniti definisce un ADIZ come “un’area designata dello spazio aereo su terra o acqua all’interno della quale un paese richiede l’identificazione immediata e positiva, l’ubicazione e il controllo del traffico aereo degli aeromobili nell’interesse della sicurezza nazionale del paese“.
In risposta all’incursione, l’esercito taiwanese ha emesso allarmi radio e ha schierato sistemi missilistici di difesa aerea per monitorare le attività.
Le incursioni di domenica hanno segnato il più alto numero giornaliero di aerei da guerra cinesi che sono entrati nell’ADIZ di Taiwan quest’anno. Il numero più alto di incursioni mai registrato è stato il 4 ottobre dello scorso anno, quando 56 aerei militari sono volati nell’area lo stesso giorno.
Sebbene le incursioni cinesi di domenica siano state probabilmente una reazione alla grande presenza navale di Tokyo e Washington nell’area, hanno anche servito un altro scopo, come ha affermato Collin Koh, ricercatore presso la S. Rajaratnam School of International Studies di Singapore.
Senza dubbio questo fa parte della più ampia campagna di Pechino volta a erodere la volontà e la capacità di Taiwan di continuare a resistere“, ha detto Koh.
Controversie insulari
Carl Schuster, un ex direttore delle operazioni presso il Joint Intelligence Center del Comando del Pacifico degli Stati Uniti, ha affermato che la Cina sta cercando di mantenere Taiwan sotto pressione – “come un giocatore di tennis spinge il suo avversario a inseguire la palla attraverso il campo” – mandando grandi formazioni di aerei verso l’isola.
Secondo l’analista, le esercitazioni navali USA-Giappone hanno inviato un messaggio alla Cina non solo su Taiwan, ma sulle azioni di Pechino nel Mar Cinese Meridionale e vicino alle isole Senkaku controllate dal Giappone, che la Cina chiama Diaoyus e sostiene che, come Taiwan, fanno parte del suo territorio sovrano.
Le isole in questione sono più vicine a Taiwan che a Tokyo e le navi cinesi sono state una presenza quasi costante nell’area per mesi.
Gli Stati Uniti affermano che le isole Senkaku rientrano nel trattato di mutua difesa USA-Giappone, che obbliga Washington a difenderle come qualsiasi altra parte del territorio giapponese.
Schuster ha dichiarato che mentre la grande esercitazione navale ha inviato senz’altro un messaggio, la sua posizione non era eccessivamente provocatoria. Il Mar delle Filippine si trova al di fuori di quella che viene chiamata la prima catena di isole, le cui acque sono in gran parte rivendicate dalla Cina. Mantenere le esercitazioni navali USA-Giappone fuori dalla catena ha mostrato che non c’era alcuna minaccia per la Cina continentale.

Articoli più letti