Ricerca della vita aliena intelligente: una nuova strategia per il SETI

La ricerca dell'intelligenza extraterrestre, o SETI, è come ascoltare un sussurro in un uragano. Lo spazio è incomprensibilmente grande. C'è rumore da ogni direzione, specialmente dal numero infinito di stelle che muoiono e nascono. Un segnale extraterrestre potrebbe essere debole e difficile da rilevare

646

Per più di 60 anni, gli scienziati hanno puntato le antenne radio verso il cielo, sperando di ascoltare una trasmissione da una civiltà aliena, la prova che non siamo soli nell’universo.

Ma la ricerca dell’intelligenza extraterrestre, o SETI, è come ascoltare un sussurro in un uragano. Lo spazio è incomprensibilmente grande. C’è rumore da ogni direzione, specialmente dal numero infinito di stelle che muoiono e nascono. Un segnale extraterrestre potrebbe essere debole e difficile da rilevare.

Peggio ancora, potremmo perfino non riconoscere una trasmissione aliena qualora la sentissimo. Dopotutto, non è detto che la linea evolutiva tecnologica presa da noi sia l’unica possibile.

Ross Davis, specialista in scienze dell’informazione e della comunicazione all’Università dell’Indiana, è disposto a provare a indovinare come comunicano gli alieni. Spera che possa essere sufficiente per aiutare gli scienziati SETI a tagliare il rumore e restringere la loro ricerca. “Tutto questo per aiutarci ad arrivare più vicini alla risposta di una delle domande più importanti dell’umanità: c’è vita altrove nell’universo?” Ha detto Davis.

In un nuovo studio che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, Davis ha descritto come una civiltà aliena high-tech potrebbe utilizzare radio a microonde a lungo raggio per trasmettere messaggi da un pianeta all’altro e anche per aiutare le astronavi a navigare tra un pianeta e l’altro.

Con questa “firma tecnologica” a duplice scopo come guida, i praticanti SETI potrebbero dirigere la loro attenzione verso i punti nello spazio dove le possibili trasmissioni aliene hanno più senso, eliminando così enormi porzioni della galassia dal modello di ricerca SETI.

È una soluzione potenzialmente elegante a un vecchio problema nel SETI radio-based. “Storicamente, la radio SETI ha esplorato solo una piccola parte del cielo per le firme tecnologiche“, ha detto Davis.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La nostra ricerca lenta, ristretta e casuale della vastità dello spazio è una delle possibili ragioni per cui non abbiamo mai trovato segnali alieni. “È come raccogliere un solo bicchiere d’acqua dall’oceano“, ha detto Davis, parafrasando l’astronoma Jill Tarter, una delle prime sostenitrici del SETI.

L’approccio di Davis, se resisterà alla revisione tra pari e trovasse un’ampia accettazione in SETI, potrebbe restringere quell’oceano cosmico. La caccia ai segnali alieni sarebbe comunque difficile e complicata. Solo leggermente meno lunga.

Molti scienziati considerano una probabilità matematica che ci sia altra vita là fuori, da qualche parte. Perché il nostro pianeta, e solo il nostro pianeta, dovrebbe evolvere la vita? “La Terra non è il centro dell’universo“, ha detto Martin Dominik, astronomo dell’Università di St. Andrews in Scozia. “Perché dovremmo essere gli unici?

Se questi scienziati hanno ragione e l’Homo sapiens è solo una delle tante specie senzienti nella Via Lattea, la firma tecnologica di Davis potrebbe aiutare ad anticipare il giorno in cui finalmente li incontreremo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Quello che oggi definiamo campo di ricerca del SETI iniziò nel 1960, quando l’astronomo della Cornell University Frank Drake puntò un radiotelescopio verso le stelle Tau Ceti ed Epsilon Eridani. La primo è simile al nostro sole. La seconda occupa un posto nella galassia che lo rende visibile dalla maggior parte della superficie terrestre. Fece una rapida scansione, cercando un segnale che suonasse artificiale. Cioè, un segnale che si ripeterebbe all’interno di una larghezza di banda ristretta.

Ha sentito… niente. Solo rumore casuale.

The Very Large Array, una raccolta di 27 antenne radio situate a Socorro, nel New Mexico. Strumenti come questo sono vitali per la ricerca SETI

SETI è diventato molto più sofisticato da allora. Ci sono organismi scientifici in tutto il mondo che ascoltano l’universo sperando di intercettare le chiacchiere aliene. Gli scienziati hanno anche iniziato a cercare modelli di luce laser che potrebbero suggerire sforzi di esplorazione spaziale extraterrestre, una pratica che chiamano “SETI laser”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ma l’espansione dei nostri sforzi SETI non ha prodotto alcuna prova di ET, portando alcuni scienziati a credere che sia tempo di dare un’occhiata più da vicino solo ad alcuni luoghi di interesse.

Potremmo iniziare provando a metterci nei panni degli alieni. “Dobbiamo immaginare cosa farebbero extraterrestri molto più avanzati“, ha detto Douglas Vakoch, che dirige METI International, un’organizzazione di ricerca SETI a San Francisco.

Davis ha proposto di iniziare chiedendoci dove potrebbe prosperare una civiltà aliena e di cercare di capire da dove inizierebbe a trasmettere segnali che potremmo rilevare qui sulla Terra. Wade Roush, docente di scienze e autore di Extraterrestri, ha detto che sostiene questo approccio. “Dobbiamo tornare all’inizio e capire cosa pensiamo di stare cercando“,

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il punto in cui iniziare a cercare, ha ipotizzato Davis, è tra gli “esopianeti” noti. Cioè, pianeti al di là del nostro sistema stellare ma ancora all’interno della nostra galassia e abbastanza vicini da poterli intravedere. Gli astronomi che scrutano attraverso telescopi sempre più potenti identificano esopianeti dal 1992. Oggi, l’elenco della NASA comprende circa 5.000 di questi pianeti lontani.
Anche 5.000 pianeti sono troppi per una ricerca intensiva. Potremmo selezionare i migliori candidati per un’attenta indagine SETI mappandoli in relazione tra loro. Uno stretto ammasso di esopianeti, forse sparsi su una manciata di stelle vicine tra loro, potrebbe avere più senso come sede di una civiltà aliena tentacolare che, diciamo, un esopianeta solitario che gira da solo attorno a una stella isolata.
L’idea è che qualsiasi civiltà aliena che trasmetta segnali che potremmo ascoltare da centinaia o addirittura migliaia di anni luce di distanza sarebbe, per definizione, abbastanza sofisticata da creare colonie extraplanetarie attorno alla propria stella natale, così come a intorno a quelle vicine.

Dopotutto, perché gli alieni dovrebbero mandare segnali radio casuali attraverso la galassia? Nel pensiero di Ross, è più logico che trasmettano messaggi a microonde a banda larga ricchi di informazioni tra il loro pianeta natale e le colonie circostanti. Messaggi che potremmo essere in grado di intercettare, se saremo abbastanza fortunati da trovarci sulla traiettoria di un segnale vagante.

Il risultato del primo approccio in rete di Ross a SETI sarebbe una mappa di una potenziale civiltà aliena. Una con un hub centrale, nodi periferici e potenziali connessioni tra di loro. Un’organizzazione non dissimile dalle nostre reti di computer ma diffusa su diversi anni luce.

Ha senso che una civiltà avanzata si organizzi in questo modo, ha detto Vakoch. “Gli alieni che si sono espansi oltre il loro pianeta natale potrebbero stabilire una rete di comunicazioni che assomiglia a una ruota di carro. Il loro mondo natale sarebbe al centro della rete e segnali radio forti e diretti potrebbero viaggiare in linea retta verso colonie lontane, come una serie di raggi che si irradiano dall’hub centrale.

Il sistema TRAPPIST-1, a circa 40 anni luce dalla Terra, contiene un totale di sette pianeti noti delle dimensioni della Terra. Tre di loro si trovano nella zona abitabile della stella, dove le temperature sono giuste per l’esistenza dell’acqua liquida in superficie. È concepibile che la vita intelligente sia in grado di colonizzare più pianeti nel sistema.

I gruppi di esopianeti con le connessioni più strette potenziali sono quelli su cui dovremmo cercare segnali, ha detto Ross. In particolare, dovremmo ascoltare le trasmissioni a microonde a banda larga ripetute con coordinate incorporate.

Un segnale ripetuto a banda larga implica una costruzione deliberata. Cioè, un messaggio con molte informazioni. “Televisione HD interstellare“, così l’ha definita Vakoch. Le coordinate incorporate ci direbbero che un alieno sta cercando di dire a un altro alieno dove si trovano in relazione l’uno con l’altro. L’equivalente galattico di lasciare un segnaposto sull’app della mappa.

Trova entrambi e potresti aver trovato ET.

Se c’è un aspetto negativo nell’approccio technosignature di Davis a SETI, è che dipende da grandi presupposti. Inizi supponendo che gli alieni comunicherebbero come noi, con un ampio segnale a microonde pieno zeppo di informazioni. Quindi cerchi specificamente quel tipo di trasmissione.

C’è una specie di vanità umana incastonata in quest’atteggiamento. “Tendiamo a vedere le tecnologie e le opportunità per SETI attraverso la lente delle nostre ultime tecnologie“, ha spiegato Roush. L’approccio di Davis rischia di trascurare diversi tipi di comunicazioni così come possibili civiltà extraterrestri che abitano angoli apparentemente improbabili della galassia.

Ma Davis ha ribattuto che gli alieni potrebbero non avere altra scelta che comunicare in modi simili ai nostri. “Gli alieni su questi esopianeti e noi qui sulla Terra abbiamo un denominatore comune: le leggi scientifiche dell’universo con cui entrambi abbiamo a che fare“.

E considerando la portata del problema – un’intera galassia da ascoltare e non molti scienziati con tanto tempo per ascoltare – le ipotesi di Davis, per quanto imperfette, potrebbero comunque essere piuttosto utili. “Ha senso concentrare la nostra attenzione e le nostre risorse“, ha detto Roush.

Se cercare ET è come raccogliere tazze d’acqua dall’oceano, ridurre l’oceano a un lago almeno potrebbe darci una speranza di raggiungere un obbiettivo apparentemente disperato.