Una nuova ricerca rivela cosa mangiavano i contadini medievali

"Troppo spesso nella storia non si conoscono i dettagli, ad esempio cibo e vestiti, della vita quotidiana della gente comune. Tradizionalmente, ci concentriamo sulle figure storiche importanti in quanto queste sono le persone di cui si parla nei documenti antichi"

0
6621
Indice

Gli scienziati dell’Università di Bristol hanno scoperto prove definitive su quali tipi di cibo mangiavano i contadini medievali e come gestivano i loro animali.
Utilizzando l’analisi chimica di frammenti di ceramica e ossa di animali trovati in uno dei primi villaggi medievali inglesi, combinata con l’esame dettagliato di una serie di documenti e resoconti storici, la ricerca ha rivelato la dieta quotidiana dei contadini nel Medioevo. I ricercatori sono stati anche in grado di esaminare le tecniche di macelleria, i metodi di preparazione del cibo e lo smaltimento dei rifiuti. La dottoressa Julie Dunne e il professor Richard Evershed dell’unità di geochimica organica dell’Università di Bristol, con sede presso la School of Chemistry, hanno condotto la ricerca presso l’insediamento e pubblicato i risultati sul Journal of Archaeological Science.
Troppo spesso nella storia non si conoscono i dettagli, ad esempio cibo e vestiti, della vita quotidiana della gente comune. Tradizionalmente, ci concentriamo sulle figure storiche importanti in quanto queste sono le persone di cui si parla nei documenti antichi“, ha spiegato la Dunne.
Molto si sa delle pratiche alimentari medievali della nobiltà e delle istituzioni ecclesiastiche, ma molto meno riguardo ai cibi consumati dai contadini medievali”.
I pochi documenti storici che esistono ci dicono che il contadino medievale mangiava carne, pesce, latticini, frutta e verdura, ma ci sono poche prove dirette per confermarlo.
Il team OGU ha utilizzato la tecnica dell’analisi dei residui organici per estrarre chimicamente i residui di cibo dai resti di pentole utilizzate dai contadini nel piccolo villaggio medievale di West Cotton nel Northamptonshire.
L’analisi dei residui organici è una tecnica scientifica comunemente usata in archeologia. È utilizzato principalmente su ceramiche antiche, che sono i manufatti più comunemente trovati nei siti archeologici di tutto il mondo.
I ricercatori hanno utilizzato tecniche chimiche e isotopiche per identificare lipidi, grassi, oli e cere naturali dalla ceramica. Si tratta di sostanze che possono sopravvivere per migliaia di anni e i composti trovati sono uno dei modi migliori in cui scienziati e archeologi possono determinare ciò che i nostri antenati mangiavano.
I risultati hanno dimostrato che gli stufati di carne (manzo e montone) e verdure come il cavolo e il porro erano i pilastri della dieta contadina medievale. La ricerca ha dimostrato che anche i prodotti lattiero-caseari, probabilmente i “formaggi verdi” noti per essere mangiati dai contadini, svolgevano un ruolo importante nella loro dieta.
La dr. Dunne ha aggiunto: “Il cibo e la dieta sono fondamentali per comprendere la vita quotidiana nel periodo medievale, questo studio ha fornito preziose informazioni sulla dieta e la zootecnia dei contadini medievali e ha contribuito a illustrare la produzione agricola, il consumo e la vita economica in uno dei primi villaggi medievali inglesi“.
Il professor Evershed ha affermato che “West Cotton è stato uno dei primi siti archeologici su cui abbiamo lavorato quando abbiamo iniziato a sviluppare l’approccio con i residui organici ed è straordinario il modo in cui, applicando le tecnologie più aggiornate, possiamo recuperare le informazioni mancanti nei documenti storici“.
Fonte: Phys.org

2