Un meteorite ha lasciato la Terra per poi tornarci

Un curioso meteorite sulla Terra ha lasciato il nostro Pianeta per poi tornarci, ma come è stato possibile un evento così bizzarro?

0
364
metallo alieno

Sembra un qualcosa di surreale: un meteorite che lascia la Terra per poi tornarci, come se fosse un viaggiatore in carne e ossa. Eppure sembra che la cosa sia accaduta realmente.

Gli scienziati stanno cercando di confermare che una roccia nera scoperta in Marocco nel 2018 abbia effettivamente abbandonato l’attrazione gravitazionale del nostro Pianeta per poi tornarvi, come se fosse un figlio che dopo un lungo viaggio sentisse la mancanza della propria madre.

Alla roccia è stato dato il nome di Northwest Africa (NWA) 13188 e se le cose stessero realmente in questo modo, sarebbe il primo meteorite conosciuto ad aver compiuto questo incredibile viaggio di andata e ritorno. 

Le stranezze di NWA 13188

Il fatto che questo “boomerang” da 646 grammi possa aver fatto un’escursione celeste non è l’unica cosa strana. L’aspetto frastagliato di NWA 13188, la consistenza dei cristalli e la composizione chimica precisa suggeriscono fortemente il tipo di rocce che si formano dai minerali fusi prodotti dai vulcani vicino alle placche oceaniche che affondano proprio qui sulla Terra.

Da aggiungere, poi, la sua miscela di isotopi di ossigeno e la firma di oligoelementi, e diventa altamente dubbio che questa roccia sia un meteorite. Almeno, non la tipica varietà space-rock. Tuttavia, secondo Jérôme Gattacceca, un geofisico del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica che ha presentato le scoperte del suo team alla conferenza di geochimica di Goldschmidt in Francia, la roccia ha avuto un viaggio interessante che l’ha vista trascorrere una notevole quantità di tempo in orbita.



Come informa Sciencealert, le concentrazioni di elio-3, berillio-10 e neon-21 potrebbero essere spiegate solo dall’esposizione ai raggi cosmici, radiazioni che si trovano nello spazio ma in gran parte bloccate dal campo magnetico terrestre. Sebbene la concentrazione di questi isotopi fosse inferiore a quella di altri meteoriti, era significativamente più alta di altre rocce della Terra. Ciò suggeriva che NWA 13188 fosse stato esposto ai raggi cosmici galattici per un periodo breve ma significativo, fino a poche decine di migliaia di anni.

Non ci sono dubbi che sia un meteorite

NWA 13188 aveva anche una “crosta di fusione” vetrosa, suggerendo che potrebbe essersi sciolta mentre entrava nell’atmosfera terrestre. Tutto ciò “preclude che NWA 13188 sia un meteorite ‘falso’ artificiale”, scrivono Gattacceca e i suoi colleghi. “Pertanto, consideriamo NWA 13188 un meteorite, lanciato dalla Terra e successivamente riaccresciuto sulla sua superficie”, concludono. Come questa roccia terrestre sia arrivata nello spazio è un mistero, ma è possibile che sia stata espulsa durante un’eruzione vulcanica o gettata nello spazio quando un altro meteorite si è schiantato sulla Terra, affermano i ricercatori. 

Come è stato lanciato dalla Terra?

Per andare in orbita, una roccia lanciata dalla bocca di un vulcano in tempesta dovrebbe muoversi a decine di migliaia di chilometri all’ora, una magnitudo più veloce di quanto si stima possa volare la maggior parte delle rocce. I pennacchi vulcanici più alti di solito raggiungono solo circa 31-45 chilometri sopra la Terra (101.700-147.600 piedi), quindi è improbabile che i vulcani possano lanciare rocce nello spazio.

Alcune collisioni tra la Terra e grandi asteroidi sarebbero state abbastanza forti da lanciare rocce nel Sistema Solare. Una roccia terrestre di 4 miliardi di anni (la prima nota alla scienza) è stata trovata sulla Luna durante la missione Apollo 14 nel 1971. Questa roccia è stata probabilmente lanciata dalla Terra alla Luna allora molto più vicina dopo una collisione di asteroidi.

Quanti anni ha la roccia?

L’età di NWA 13188 è sconosciuta, ma il team di Gattacceca sta lavorando alla datazione della roccia misurando le concentrazioni di un isotopo dell’argon. La ricerca inedita non ha convinto tutti. “Quando sostieni ipotesi straordinarie, hai bisogno di prove straordinarie per sostenerle. Non sono ancora convinto”, ha detto lo scienziato planetario Philippe Claeys ad Alex Wilkins del New Scientist.

Meteoriti provenienti da Marte sono stati trovati anche nel deserto del Sahara; una roccia di 4,4 miliardi di anni chiamata “Black Beauty” è stata scoperta dai cacciatori di meteoriti locali e venduta a una collezione privata nel 2011. Ora ha un valore di mercato di oltre 10.000 dollari al grammo.

2