Un fiore fresco da 100 milioni di anni

I ricercatori dell'Oregon State University hanno scoperto, perfettamente conservato all'interno di un'ambra, un fiore del periodo medio Cretaceo. Questo non è proprio un fiore di Natale, ma è una bellezza, soprattutto considerando che faceva parte di una foresta che esisteva 100 milioni di anni fa

677

Un nuovo fiore di 100 milioni di anni fa è stato portato alla luce dai ricercatori dell’Oregon State University. Questa sorprendente creazione della natura è stata fatta risalire al periodo del medio Cretaceo, e si tratterebbe di un esemplare maschio congelato nel tempo dall’ambra birmana. I risultati sono stati pubblicati nel Journal of the Botanical Research Institute of Texas.

Apparteneva a una foresta antica di 100 milioni di anni

Questo non è proprio un fiore di Natale, ma è una bellezza, soprattutto considerando che faceva parte di una foresta che esisteva 100 milioni di anni fa“, ha detto George Poinar Jr., professore emerito presso l’OSU College of Science.

Il fiore maschile è minuscolo, circa 2 millimetri di diametro, ma ha circa 50 stami disposti a spirale, con le antere rivolte verso il cielo“, ha spiegato Poinar, esperto internazionale nell’uso di forme di vita di piante e animali conservate nell’ambra per saperne di più sulla biologia e l’ecologia del lontano passato.

Uno stame è costituito da un’antera, testa che produce il polline, e da un filamento, il gambo che collega l’antera al fiore.

Faceva parte di un grappolo con molti fiori

Lo studioso ha spiegato che, nonostante il fiore sia così piccolo, c’è comunque ancora un dettaglio rimanente davvero sorprendente: “Il nostro esemplare era probabilmente parte di un grappolo sulla pianta che conteneva molti fiori simili, alcuni forse femminili“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---


La nuova scoperta ha una coppa floreale cava a forma di uovo, la parte del fiore da cui emanano gli stami; uno strato esterno costituito da sei componenti simili a petali noti come tepali; e antere a due camere, con sacche polliniche che si aprono tramite valvole incernierate lateralmente.

Il fiore è stato avvolto nell’ambra nell’antico supercontinente del Gondwana

Poinar e collaboratori dell’OSU e del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno chiamato il nuovo fiore Valviloculus pleristaminis. Valva è il termine latino per la foglia su una porta pieghevole, loculus significa compartimento, plerus si riferisce a molti e staminis invece riflette le dozzine di organi sessuali maschili del fiore.

Advertisement

Il fiore è stato avvolto nell’ambra nell’antico supercontinente del Gondwana e ha fatto rafting su una placca continentale a circa 6.500 chilometri attraverso l’oceano dall’Australia al sud-est asiatico.

I geologi hanno discusso proprio quando questo pezzo di terra, noto come il blocco della Birmania occidentale, si staccò dal Gondwana. Alcuni credono che sia stato 200 milioni di anni fa; altri sostengono che fosse più simile a 500 milioni di anni fa.

Numerosi fiori di angiosperme sono stati scoperti nell’ambra birmana, la maggior parte dei quali sono stati descritti da Poinar e un collega dell’Oregon State, Kenton Chambers, che ha anche collaborato a questa ricerca.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le angiosperme

Le angiosperme sono piante vascolari con fusti, radici e foglie, con uova che vengono fecondate e si sviluppano all’interno del fiore.

Poiché le angiosperme si sono evolute e diversificate solo circa 100 milioni di anni fa, il blocco della Birmania occidentale non avrebbe potuto staccarsi dal Gondwana prima di allora, secondo Poinar, che è molto più tardi delle date suggerite dai geologi.

Fonte: https://phys.org/news/2020-12-million-years-fresh-holiday-beauty.html

Advertisement

Advertisement