Un alieno è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco a Pine Barrens nel New Jersey?

Un libro svelerebbe l'assassinio di un essere alieno ucciso a colpi di arma da fuoco da un ufficiale di polizia militare a Fort Dix, nelle prime ore del mattino del 18 gennaio 1978.

3318

“Strange Craft: The True Story of an Air Force Intelligence Officer Life with UFOs” è il titolo di un libro uscito circa due anni fa scritto dall’autore John L. Guerra e pubblicato dalla Bayshore Publishing Co. di Tampa, Florida. Il libro svelerebbe l’assassinio di un essere alieno ucciso a colpi di arma da fuoco da un ufficiale di polizia militare a Fort Dix nelle prime ore del mattino del 18 gennaio 1978. L’ufficiale è il maggiore dell’aeronautica militare in pensione George Filer III, ex ufficiale dei servizi segreti decorato per la 21a Air Force, Military Airlift Command presso la base dell’aeronautica. McGuire avrebbe assistito in prima persona ai fatti.
Filer, che oggi ha 84 anni e vive a Medford con sua moglie Janet, ha raccontato che quella che è stata una leggenda metropolitana raccontata per la prima volta dagli appassionati di UFO dall’inizio degli anni ’80 è vera. Questo perché era lì e ha scritto un promemoria top secret al riguardo. Nella gelida oscurità invernale di quel giorno del gennaio 1978, una creatura bipede, descritta come alta circa 4 piedi e di colore bruno-grigiastro, con una “testa grossa, braccia lunghe e corpo snello”, fu uccisa con cinque colpi di arma da fuoco di una pistola calibro 45.
Nel racconto scritto da John L. Guerra, un militare a bordo di un camioncino della polizia inseguì uno strano oggetto volante che si muoveva a bassa quota mentre attraversava lo spazio aereo della base militare alle due del mattino. Dopo circa un’ora, il soldato si rese conto che l’oggetto volante misterioso era di forma ovale e irradiava nei dintorni un bagliore blu-verde, e si trovava sospeso direttamente sopra il suo veicolo.
Poco dopo una “creatura” emerse dalle ombre a piedi, rivelandosi al soldato, dopo che la creatura venne illuminata dai fari del veicolo. Il militare in preda al panico a quel punto estrasse la sua arma, ordinò all’alieno di congelarsi ed esplose alcuni colpi. Secondo il racconto del militare il presunto alieno cadde sotto i colpi dell’arma da fuoco sul lato dell’Air Force di quella che ora è la base McGuire-Dix-Lakehurst nella contea di Burlington; i suoi resti emanavano un fetore maleodorante, simile all’ammoniaca.
Più tardi quella mattina, partì dalla Wright-Patterson Air Force Base in Ohio, quartier generale del National Air and Space Intelligence Center, una squadra che ripulì la zona, recuperando il corpo, comportandosi come se l’essere fosse ben noto. Filer, che di recente ha lavorato per un’organizzazione chiamata MUFON (la Mutual UFO Network, che cataloga e indaga sugli avvistamenti UFO negli Stati Uniti ), non ha mai visto l’alieno morto. Tuttavia, ha affermato che la storia è vera. Va segnalato che Filer ha affermato di aver visto gli UFO per tutta la sua vita, a partire da quando aveva 5 anni fuori dalla sua casa d’infanzia in Illinois.
Quella mattina di gennaio del 1978, Filer raccontò di essere arrivato alla base prima dell’alba per preparare il suo briefing quotidiano delle 8 del mattino per i suoi ufficiali superiori. Nel libro, spiega che quando arrivò, la sicurezza alla base era stata rafforzata e osservò personalmente la risposta all’emergenza all’indomani dell’incidente. Filer raccontò, inoltre, di aver visto diversi testimoni sulla scena in un rapporto su quanto accaduto che era stato tenuto a presentare. Tuttavia, gli fu negato l’accesso e non venne mai autorizzato a vedere le foto che, secondo lui, erano state scattate sulla scena dell’uccisione.
Il sergente capo senior gestisce tutto, da chi spazza i pavimenti all’organizzazione degli orari del personale e alla verifica che telefoni e fax siano attivi e funzionanti“, si legge nel libro. “Era agitato; il suo viso era pallido e i suoi occhi erano spalancati. Poi ha detto la cosa più strana: “Un alieno è stato ucciso a Fort Dix e l’hanno trovato alla fine del nostro turno di guardia (McGuire AFB)“.
Filer disse di aver domandato:”Era uno straniero di un altro paese?” “No, veniva dallo spazio, un alieno spaziale“, spiegò il sergente.
In seguito, l’Air Force classificò tutta la faccenda come top secret e mise a tacere i testimoni attraverso restrizioni di sicurezza nazionale e intimidazioni vecchio stile. Tutti quelli che vennero coinvolti, tranne Filer, a quanto pare.
Filer parlò pubblicamente dell’incidente del 1978 e l’incidente stesso è stato oggetto di discussioni e speculazioni nella comunità ufologica sin dai primi anni ’80. I dettagli al riguardo sembrano essere stati riportati per la prima volta su The Trentonian il 10 luglio 2007. Il Trentonian aveva riferito 12 anni prima che l’Air Force aveva ripetutamente negato l’accusa, dicendo al giornale che “il caso era stato screditato come una bufala anni fa“.
Gli UFO erano un argomento molto di moda negli anni ’70 e il presunto incidente si inquadra in un’epoca particolare. Cinque anni dopo la fine del programma lunare Apollo, l’immaginazione della maggior parte degli americani è rimasta affascinata dalle possibilità apparentemente infinite dei viaggi nello spazio. Molti credevano che l’universo fosse pieno di esseri intelligenti e civilizzati, forse centinaia o migliaia di anni più avanzati tecnologicamente di noi esseri umani. Questo modo di pensare fu un punto fermo della cultura popolare sin dall’inizio della conquista dello spazio tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.
Probabilmente fu il successo di Steven Spielberg con il suo film “Incontri ravvicinati del terzo tipo“, proprio nel 78, a coinvolgere i tanti appassionati. Il film mostrava oltre ai classici UFO piccoli alieni grigi con teste grosse, braccia lunghe e corpi snelli che visitano la Terra, mentre il governo americano insabbiava il contatto.
Fonte: https://eu.app.com/story/news/history/erik-larsen/2019/09/03/new-book-retired-air-force-major-claims-alien-killed-joint-base-mcguire-dix-lakehurst/2194355001/