L’umanità diventerà una specie interplanetaria? – video

Prima della sua morte nel 2018, Stephen Hawking aveva predetto che, entro 600 anni, la crescente popolazione mondiale consumerà abbastanza energia da rendere il mondo una "palla di fuoco" invivibile per l'umanità

0
1185

Prima della sua morte nel 2018, Stephen Hawking aveva predetto che, entro 600 anni, la crescente popolazione mondiale consumerà abbastanza energia da rendere il mondo una “palla di fuoco” invivibile per l’umanità. Parlando in video nel 2018 al Tencent WE Summit di Pechino, Hawking ha dichiarato che gli esseri umani dovranno “andare coraggiosamente dove nessuno è mai andato prima” se vorranno sopravvivere per un altro milione di anni.

“Terra rossa splendente tra 100 anni”

Per anni Hawking ha avvertito che l’umanità rischia l’estinzione a causa di minacce che vanno dal cambiamento climatico alla distruzione causata dalla guerra nucleare e dai virus geneticamente modificati. Hawking aveva stimato che gli esseri umani hanno ancora 100 anni sulla Terra, se siamo fortunati. Nel video di YouTube qui sotto, Hawking prevede una “Terra rossa brillante tra 100 anni“.

Avi Loeb – “Tutte le nostre uova sono attualmente in un unico paniere”

In una recente conferenza agli ex studenti di Harvard mi è stato chiesto per quanto tempo mi aspetto che la nostra civiltà tecnologica sopravviva“, ha scritto l’astrofisico di Harvard Avi Loeb. “La mia risposta si basava sul fatto che l’umanità dovrebbe trovarsi nella parte centrale del suo ciclo, come originariamente sostenuto da Richard Gott. È probabile che sopravviveremo alcuni secoli ma non molto di più. Dopo aver dichiarato pubblicamente questo verdetto statistico, mi sono reso conto di quale orribile previsione comporta. Ma il nostro destino statistico è inevitabile?”

C’è un aspetto positivo sullo sfondo“, ha continuato Loeb. “Questo comporta la possibilità che l’umanità possieda il libero arbitrio e possa rispondere al deterioramento delle condizioni allungando il nostro futuro di pochi secoli. Una politica pubblica saggia potrebbe mitigare il rischio di catastrofi tecnologiche associate ai cambiamenti climatici, pandemie autoinflitte o guerre. Una volta confrontato con la distribuzione di probabilità per la sopravvivenza, lo spirito umano può scegliere di sfidare tutte le probabilità e comportarsi come un’anomalia statistica“.

Ad esempio, le possibilità di sopravvivenza dell’umanità potrebbero migliorare se alcune persone scegliessero di allontanarsi dalla Terra“, osserva Loeb. “Attualmente, tutte le nostre uova sono nello stesso paniere. Avventurarsi nello spazio offre il vantaggio di preservare la nostra civiltà da un disastro planetario. Sebbene la Terra sia come una casa confortevole al momento, alla fine saremo costretti a trasferirci perché il Sole farà evaporare tutta l’acqua liquida sulla superficie del nostro pianeta entro un miliardo di anni. Stabilire più comunità di umani su altri mondi assomiglierebbe alla duplicazione della Bibbia da parte della macchina da stampa di Gutenberg intorno al 1455, che ha impedito la perdita di contenuti preziosi a causa di una catastrofe in un unico punto”.



Come ha notato Oscar Wilde”, conclude Loeb: “Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano le stelle. Speriamo che aumentino coloro che guardano in alto. L’ispirazione ricavata da questo punto di vista potrebbe portarci ben oltre la previsione statistica che spinge all’alternativa fatalistica“.

Non è possibile” dice lo scopritore del primo esopianeta

Non tutti, però, sono del parere che l’umanità debba, o possa, lasciare il suo pianeta natale. Il premio Nobel Michel Mayor, ad esempio, sostiene che, se stiamo parlando di migrare verso gli esopianeti, “le cose dovrebbero essere chiare: non potremo farlo“, semplicemente perché non possiamo.

Mayor, con il suo collega Didier Queloz, ha scoperto il primo esopianeta, chiamato 51 Pegasi b nel 1995, “Questi pianeti sono molto, troppo lontani. Anche nel caso molto ottimista di scoprire un pianeta vivibile che non sia troppo lontano, diciamo qualche decina di anni luce, che non è molto, il tempo per andarci sarebbe davvero considerevole”, ha aggiunto. “Stiamo parlando di centinaia di milioni di giorni utilizzando i mezzi che abbiamo oggi a disposizione. Dobbiamo prenderci cura del nostro pianeta, è molto bello e comunque assolutamente vivibile”.

2