Il tempo potrebbe non esistere affatto

Nella battaglia del modello standard contro il modello quantistico della fisica, il tempo è il vero perdente

0
734

Ad alcune persone piacciono gli assoluti (bene e male, giusto e sbagliato), ma altri si rendono conto che la maggior parte delle nostre vite esiste in uno spettro intermedio. Si scopre che in realtà stiamo vivendo una delle più grandi battaglie di questo tipo: il modello standard della fisica contro il modello quantistico della fisica. E a seconda di come guardi al dilemma, il tempo potrebbe non esistere affatto.

La meccanica quantistica è il campo di studio che esamina come le particelle si comportano in modo estremamente ravvicinato, con qualità come la sovrapposizione, in cui una particella può trovarsi in due o addirittura “tutti” i posti possibili contemporaneamente. Il famoso esperimento del gatto di Schrödinger ci fa pensare alla sovrapposizione perché il gatto che non possiamo vedere è allo stesso tempo vivo e morto. La strada per il progresso è solitamente accidentata, ma gli scienziati sono particolarmente impreparati a quanto le cose diventano strane nella meccanica quantistica.

Chiaramente, idee come la sovrapposizione quantistica sono in conflitto con la relatività generale, che è stata integrata con il modello standard della fisica da quando Einstein l’ha articolata per la prima volta all’inizio del 1900. La relatività generale, che descrive come tutto si comporta in risposta alla gravità, come il modo in cui il tempo passa in modo diverso a seconda di dove e come si viaggia nello spazio, è una delle leggi fondamentali dell’universo secondo il modello standard.

In un post su The Conversation, il filosofo Sam Baron, professore associato all’Australian Catholic University, spiega lo stato dei tentativi di unificare questi due modelli fisici contrastanti. I teorici delle stringhe, che credono che l’universo sia composto da infinite corde vibranti, più piccole degli atomi, che hanno effetti in varie dimensioni, hanno cercato di farcela per riuscirci, ma senza successo.

Ci sono anche nuove teorie, una delle quali è chiamata “gravità quantistica ad anello“. Baron spiega che questa teoria coinvolge minuscoli frammenti di materia che formano piccoli anelli. Sembra strano, ma non è la sorpresa più grande che riserva questa teoria. “Uno degli aspetti notevoli della gravità quantistica ad anello è che sembra eliminare completamente il tempo“, scrive Baron. “Supponiamo che una tale teoria si riveli corretta. Ne deriverebbe che il tempo non esiste?

A questo punto, la questione è una questione di matematica oltre che di ontologia, la considerazione filosofica di ciò che esiste o meno e di cosa significhi esistere.



La parte matematica è semplice, almeno. Se teorie come la gravità quantistica ad anello non prendono in considerazione il tempo, allora il tempo, come variabile, semplicemente non compare nel lavoro. Pensa a un insieme tridimensionale di coordinate come (x, y, z) in cui rimuovi la parte “z”. Hai solo una quantità diversa di calcoli da fare ora, con un risultato diverso, e probabilmente “z” non esiste più.

Quindi il tempo potrebbe semplicemente non essere un fattore in queste teorie fisiche di ordine superiore, spiega Baron, proprio come non teniamo conto di sedie o tavoli. Sì, quelle cose esistono, ma non dobbiamo parlarne quando cerchiamo di capire i più grandi misteri del nostro universo. E soprattutto, la fisica è ancora profondamente radicata nell’idea di causalità: tracciare una cosa da un momento all’altro e vedere come le azioni risultano di conseguenza l’una dall’altra.

2