Trovato il cranio di un minuscolo dinosauro conservato nell’ambra da 99 milioni di anni

I ricercatori hanno dichiarato che il fossile, chiamato Oculudentavis, rappresenta il più piccolo dinosauro mai trovato.

0
1415

E’ stato scoperto un intero cranio, appartenente a una specie sconosciuta di dinosauro simile a un uccello, intrappolato in un pezzo di ambra di circa 99 milioni di anni.
Questo cranio, più piccolo di un colibrì, ci rivela che la creatura aveva la mascella piena di denti seghettati e gli occhi sporgenti, simili a quelli delle lucertole. Nonostante la sua piccola statura, era probabilmente un predatore. I ricercatori hanno dichiarato che il fossile, chiamato Oculudentavis, rappresenta il più piccolo dinosauro mai trovato.
Non ho mai visto niente del genere“, ha commentato Jingmai O’Connor, professore senior presso l’Istituto di paleontologia dei vertebrati e paleoantropologia dell’Accademia cinese delle scienze di Pechino e ricercatore associato presso il Museo di storia naturale della contea di Los Angeles.
Ci sono oltre 100 denti presenti nelle mascelle. Questi strani occhi sporgono guardando di lato. Non c’è niente di simile vivo oggi“. Mentre si tende a pensare ai dinosauri come a enormi e pesanti creature, questo teschio e altri recenti ritrovamenti nell’ambra, suggeriscono che la vita ai tempi dei dinosauri era probabilmente più diversificata di quanto possiamo immaginare.
Uno dei messaggi chiave di questo studio è che probabilmente ci manca un grosso pezzo dell’ecosistema dei dinosauri“, ha affermato Lars Schmitz, professore di biologia presso lo Scripps College di Claremont, California, che insieme a O’Connor, ha curato un articolo pubblicato sulla rivista Nature.
La fossilizzazione di ossa in sedimenti come argilla, limo e sabbia può schiacciare e distruggere i resti di piccoli animali, ma l’ambra, che si forma dalla resina delle conifere, ne consente la totale conservazione. “Quando si trova un animale conservato nell’ambra, si ha la sensazione che sia morto da poco“, ha dichiarato O’Connor.

Oltre la nostra immaginazione

Il primo scheletro di dinosauro è stato trovato sepolto nell’ambra nel 2016 dal paleontologo cinese Lida Xing; si tratta di una coda di dinosauro, trovata in un mercato di ambra nel nord del Myanmar.
Penso che la diversità dei dinosauri vada oltre la nostra immaginazione. In precedenza avevamo trovato un’impronta di dinosauro di 1 centimetro di lunghezza, che pensavo fosse la lunghezza minima di un esemplare. Fino a quando non abbiamo trovato questo Oculudentavis“, il cui nome significa uccello occhio-dente, ha detto Xing.
David Grimaldi, curatore dell’ambra presso il Museo americano di storia naturale, ha affermato che i ricchi depositi di ambra del Myanmar si sono formati in blocchi più grandi rispetto ad altre parti e sono spesso estratti e messi in commercio. In questo modo, sono diventati una fonte di molte scoperte interessanti di piante antiche, insetti e funghi e, più recentemente, di dinosauri.
Questa sembra una scoperta estremamente interessante, a causa dell’eccellente conservazione del fossile e delle dimensioni minuscole del dinosauro simile ad un uccello“. Ha dichiarato Grimaldi, che non era coinvolto nella ricerca.

Tratti unici

I tratti unici del piccolo dinosauro fanno luce su come gli uccelli, che discendono dai dinosauri, si siano evoluti. “Questo processo, chiamato miniaturizzazione, si verifica comunemente in ambienti isolati. Non sorprende che si pensi che l’ambra birmana di 99 milioni di anni provenga da un’antica isola“, ha dichiarato O’Connor.
La miniaturizzazione è comunemente associata a tratti come la perdita dei denti e gli occhi proporzionalmente grandi. Tuttavia, poiché Oculudentavis ha più denti del solito, mostra che l’evoluzione non segue sempre le stesse regole“.
Dal cranio non è chiaro come l’Oculudentavis sia in relazione con i primi uccelli e dinosauri (simili a uccelli). Schmitz ha dichiarato che c’erano solo alcune specie di rane e lucertole che erano più piccole di questo dinosauro “lillipuziano”. A differenza dei colibrì, che non hanno denti e si nutrono di nettare, i ricercatori pensano che Oculudentavis cacciava piccoli insetti; sono anche convinti che questa creatura fosse dotata di piume, anche se, all’interno dell’ambra, non ne sono state trovare.
I suoi occhi erano particolarmente insoliti; infatti, le ossa dell’orbita dell’occhio erano a forma di cono, come le ossa degli occhi nei gufi, suggerendo che avesse una vista molto acuta. I suoi occhi erano laterali e quindi diversi da quelli di un gufo.
Xu Xing, un paleontologo cinese, ha dichiarato che sebbene l’ambra abbia prodotto alcune scoperte affascinanti, possiede ancora alcune limitazioni.
Normalmente conserva solo piccoli organismi, e se conserva quelli più grandi, sono spesso incompleti e quindi è difficile analizzarli fino in fondo“.
Alcuni scienziati sperano che l’ambra possa essere una fonte di materiale genetico delle creature intrappolate all’interno, come nella trama del film “Jurassic Park“, quando gli scienziati estraggono il DNA di dinosauro dal sangue trovato all’interno degli insetti intrappolati nell’ambra. Ma Xu sostiene che sia ancora improbabile.
Fonte: https://edition.cnn.com/2020/03/11/world/dinosaur-bird-head-skull-amber-scn/index.html

2