The Gateway Experience: come superare i confini del tempo e dello spazio secondo la CIA

Negli anni '80, l'agenzia di spionaggio ha studiato la tecnica della "Gateway Experience" per alterare la coscienza e infine sfuggire allo spaziotempo

0
9427

C’è un intrigo che ruota attorno a un rapporto riservato della CIA del 1983 su una tecnica chiamata Gateway Experience, che è un sistema di addestramento progettato per focalizzare l’output delle onde cerebrali per alterare la coscienza e alla fine sfuggire alle restrizioni di tempo e spazio.

La CIA era interessata a tutti i tipi di ricerca psichica all’epoca, inclusa la teoria e le applicazioni della visione remota, ovvero la presunta capacità di qualcuno di vedere eventi reali con il solo potere della sua mente. I documenti sono stati da allora declassificati e sono disponibili per la visualizzazione.

La prima sezione fornisce una cronologia degli sviluppi storici chiave che hanno portato alle indagini della CIA e alle successive sperimentazioni. La seconda sezione è una revisione del rapporto The Gateway Process. Si apre con un muro di contesto teorico, dall’altro lato del quale si trova una comprensione sufficiente per iniziare a cogliere i principi alla base della formazione Gateway Experience. L’ultima sezione delinea la stessa tecnica del Gateway e i passaggi che portano al raggiungimento della trascendenza spaziotemporale.

Vediamo di cosa si tratta.

Il rapporto sull'esperienza del gateway

SCREENSHOT: CIA

LA CRONOLOGIA

• Anni ’50 – Robert Monroe, un esperto di radiodiffusione, inizia a produrre prove che specifici modelli sonori hanno effetti identificabili sulle capacità umane. Questi includono vigilanza, sonnolenza e stati di coscienza espansi.



• 1956 – Monroe forma una divisione di ricerca e sviluppo all’interno della sua società di produzione di programmi radiofonici RAM Enterprises. L’obiettivo è studiare l’effetto del suono sulla coscienza umana. Era ossessionato dall'”apprendimento del sonno” o ipnopedia, che espone i dormienti a registrazioni sonore per aumentare la memoria delle informazioni apprese in precedenza.

• 1958 – Durante la sperimentazione dell’apprendimento del sonno, Monroe scopre un fenomeno insolito. Lo descrive come sensazioni di paralisi e vibrazione accompagnate da una luce brillante. Presumibilmente accade nove volte nelle sei settimane successive e culmina in un’esperienza extracorporea (OBE).

• 1962 – RAM Enterprises si trasferisce in Virginia e si rinomina Monroe Industries. Diventa attiva nella proprietà di stazioni radio, televisione via cavo e successivamente nella produzione e vendita di audiocassette. Queste cassette contengono insegnamenti applicati dal programma di ricerca aziendale, ribattezzato The Monroe Institute.

• 1971 – Monroe pubblica Journeys Out of the Body, un libro a cui viene attribuita la divulgazione del termine “esperienza fuori dal corpo”.

• 1972 – Un rapporto riservato circola nelle comunità militari e di intelligence degli Stati Uniti. Afferma che l’Unione Sovietica sta investendo denaro nella ricerca che coinvolge ESP e psicocinesi a fini di spionaggio.

• 1975 – Monroe registra il primo di numerosi brevetti riguardanti tecniche audio progettate per stimolare le funzioni cerebrali fino a quando gli emisferi sinistro e destro non diventano sincronizzati. Monroe soprannomina lo stato “Hemi-Sync” (sincronizzazione emisferica) e afferma che potrebbe essere utilizzato per promuovere il benessere mentale o per innescare uno stato alterato di coscienza.

• Dal 1978 al 1984 – Il veterano dell’esercito Joseph McMoneagle contribuisce a 450 missioni di osservazione a distanza nell’ambito del Progetto Stargate. È conosciuto come “Vista remota n. 1”.

• 9 giugno 1983 – Viene prodotto il rapporto della CIA “Analysis and Assessment of The Gateway Process“. Fornisce un quadro scientifico per comprendere ed espandere la coscienza umana, gli esperimenti extracorporei e altri stati mentali alterati.

• 1989 – Il telespettatore Angela Dellafiora Ford aiuta a rintracciare un ex doganiere in fuga. Individua la sua posizione come “Lowell, Wyoming“. La dogana degli Stati Uniti lo arresta a 100 miglia a ovest di una città del Wyoming chiamata Lovell.

• 2003 – La CIA approva la declassificazione del report Gateway Process.

• 2017 – La CIA declassifica 12 milioni di pagine di documenti che rivelano dettagli precedentemente sconosciuti sul programma, che sarebbe poi diventato noto come Project Stargate.

IL RAPPORTO

Il rapporto del gateway

SCREENSHOT: CIA

Personale

L’autore del rapporto The Gateway Process è il tenente colonnello Wayne M. McDonnell, di seguito indicato semplicemente come Wayne. Non c’è un’enorme quantità di informazioni disponibili sull’uomo, né fotografie. Nel 1983, Wayne è stato incaricato dal comandante del gruppo operativo dell’esercito degli Stati Uniti di capire come funzionano The Gateway Experience, la proiezione astrale e le esperienze extracorporee. Wayne ha collaborato con un gruppo di persone diverse per produrre il rapporto, in particolare Itzhak Bentov, uno scienziato americano-israeliano molto Googleable che ha contribuito a fare da pioniere nel settore dell’ingegneria biomedica.

Un approccio scientifico

Fin dall’inizio del rapporto, Wayne afferma la sua intenzione di utilizzare un metodo scientifico oggettivo per comprendere il processo del Gateway. Le varie strade scientifiche che intraprende includono:

• Un’indagine biomedica per comprendere gli aspetti fisici del processo.

• Informazioni sulla meccanica quantistica per descrivere la natura e il funzionamento della coscienza umana.

• La fisica teorica per spiegare la dimensione spazio-temporale ed i mezzi attraverso i quali la coscienza umana espansa la trascende.

• La fisica classica per portare l’intero fenomeno degli stati extracorporei nel linguaggio della scienza fisica (e rimuovere lo stigma di una connotazione occulta).

Quadri metodologici di riferimento

Prima di immergersi nella Gateway Experience, Wayne sviluppa un quadro di riferimento dissezionando tre metodologie discrete di alterazione della coscienza. Fondamentalmente sta dicendo che non c’è modo di superare The Gateway senza una solida base nelle tecniche di alterazione del cervello che l’hanno preceduta.

1) Inizia con l’ipnosi. Il linguaggio è estremamente denso, ma l’essenza di base è la seguente: il lato sinistro del cervello scherma gli stimoli in arrivo, categorizzando, valutando e assegnando un significato a tutto attraverso il ragionamento autocognitivo, verbale e lineare. L’emisfero sinistro quindi invia i dati accuratamente preparati all’emisfero destro non critico, olistico e orientato al modello, che accetta tutto senza dubbi. L’ipnosi funziona facendo addormentare il lato sinistro, o almeno distraendolo abbastanza a lungo da consentire ai dati in arrivo l’ingresso diretto e incontrastato nell’emisfero destro. Lì, gli stimoli possono raggiungere il sensore e la corteccia motoria del cervello destro, che corrisponde a punti del corpo. I suggerimenti possono quindi inviare segnali elettrici dal cervello a determinate parti del corpo. Dirigere questi segnali in modo appropriato, secondo il rapporto, può suscitare reazioni che vanno dall’intorpidimento della gamba sinistra a sentimenti di felicità. Lo stesso vale per maggiori poteri di concentrazione.

2) Wayne continua con un’istantanea della meditazione trascendentale. Lo distingue dall’ipnotismo. Attraverso la concentrazione il soggetto preleva energia lungo il midollo spinale, risultando in onde acustiche che attraversano i ventricoli cerebrali, fino all’emisfero destro, dove stimolano la corteccia cerebrale, corrono lungo l’omuncolo e poi verso il corpo. Le onde sono il ritmo alterato dei suoni del cuore, che creano vibrazioni simpatiche nelle pareti delle cavità piene di liquido dei ventricoli del cervello. Ha osservato che i sintomi iniziano nella parte sinistra del corpo, confermando la complicità del cervello destro. Bentov afferma anche che lo stesso effetto potrebbe essere ottenuto con un’esposizione prolungata a vibrazioni acustiche di 4 – 7 Hertz/secondo (David Lynch e altre celebrità oggi sono fedeli aderenti alla meditazione trascendentale).

3) Il Biofeedback, d’altra parte, utilizza l’emisfero sinistro per accedere alle cortecce cerebrali, motorie e sensoriali inferiori del cervello destro. Mentre l’ipnosi sopprime un lato del cervello e la Meditazione Trascendentale bypassa del tutto quel lato, il biofeedback insegna all’emisfero sinistro a visualizzare il risultato desiderato, riconoscere i sentimenti associati all’accesso all’emisfero destro e, infine, ottenere di nuovo il risultato. Con la ripetizione, il cervello sinistro può entrare in modo affidabile nel cervello destro e rafforzare i percorsi in modo che sia possibile accedervi durante una modalità di domanda cosciente. Un termometro digitale viene successivamente posizionato su una parte bersaglio del corpo. Quando la sua temperatura aumenta, l’affermazione oggettiva viene riconosciuta e lo stato si rafforza. Il raggiungimento del biofeedback può bloccare il dolore, migliorare la sensibilità e persino sopprimere i tumori, secondo il rapporto.

i nastri Gateway Experience

IMMAGINE: RECORD E2-E4.

La meccanica del gateway

Detto questo, Wayne infligge una prima pugnalata al processo Gateway. Lo classifica come un “sistema di allenamento progettato per portare maggiore forza, concentrazione e coerenza all’ampiezza e alla frequenza dell’uscita delle onde cerebrali tra gli emisferi sinistro e destro in modo da alterare la coscienza“.

Ciò che distingue il processo Gateway dall’ipnosi, dalla Meditazione Trascendentale e dal biofeedback è che richiede il raggiungimento di uno stato di coscienza in cui gli schemi elettrici cerebrali di entrambi gli emisferi sono uguali in ampiezza e frequenza. Questo si chiama Hemi-Sync. Purtroppo, e forse convenientemente, come esseri umani non possiamo raggiungere questo stato da soli. Le tecniche audio sviluppate da Bob Monroe e dal suo Istituto (che comprendono una serie di nastri), affermano di indurre e sostenere l’Hemi-Sync.

Qui, il documento passa all’uso di virgolette e altri rapporti per descrivere i poteri Hemi-Sync. Wayne utilizza l’analogia di una lampada contro un laser. Lasciata a se stessa, la mente umana consuma energia come una lampada, in modo caotico e incoerente, ottenendo molta diffusione ma relativamente poca profondità. Sotto Hemi-Sync, tuttavia, la mente produce un “flusso disciplinato di luce“. Quindi, una volta che la frequenza e l’ampiezza del cervello sono rese coerenti, può sincronizzarsi con i livelli di energia rarefatta dell’universo. Con questa connessione intatta, il cervello inizia a ricevere simboli e mostrare sorprendenti lampi di intuizione olistica.

Emi-sincronizzazione

IMMAGINE: THOBEY CAMPION

Il sistema Gateway funziona solo quando l’audio, che viene introdotto tramite le cuffie, è accompagnato da una quiete fisica paragonabile ad altre forme di meditazione. Ciò aumenta la risonanza interna del soggetto alle frequenze sonore del corpo, ad esempio il cuore. Questo elimina l’”eco di biforcazione”, in cui il battito cardiaco si muove su e giù per il corpo sette volte al secondo. Mettendo il corpo in uno stato simile al sonno, The Gateway Tapes, come la meditazione, riduce la forza e la frequenza del battito cardiaco che spinge il sangue nell’aorta. Il risultato è un’onda sinusoidale ritmica che a sua volta amplifica tre volte il volume del suono del cuore. Questo quindi amplifica la frequenza di uscita delle onde cerebrali. La guaina che avvolge il cervello – la dura madre – e il fluido tra la guaina e il cranio, alla fine iniziano a muoversi su e giù, di 0,0005 e 0,010 millimetri.

Il corpo, basato sui propri micromovimenti, funziona quindi come un sistema vibrazionale sintonizzato. Il rapporto afferma che l’intero corpo alla fine trasferisce energia tra 6,8 e 7,5 Hertz, che corrisponde all’energia della Terra (7 – 7,5 Hertz). Le lunghezze d’onda risultanti sono lunghe, circa 40.000 chilometri, che è anche il perimetro del pianeta. Secondo Bentov, il segnale può spostarsi nel campo elettrostatico mondiale in 1/7 di secondo.

Per ricapitolare, il processo di gateway funziona così:

• Stato di calma indotto

• La pressione sanguigna si abbassa

• Sistema circolatorio, scheletro e altri apparati iniziano vibrano a 7 – 7,5 cicli al secondo

• Si ottiene una maggiore risonanza

• Le onde sonore risultanti corrispondono al campo elettrostatico della terra

• Il corpo, la terra e altre menti sintonizzate in modo simile diventano un unico continuum energetico.

Un livello psico-quantistico più profondo

Wayne si rivolge quindi alla natura stessa della materia e dell’energia. Più materialmente (o meno se volete), la materia solida nella costruzione rigorosa del termine, spiega, non esiste. La struttura atomica è composta da griglie di energia oscillanti circondate da altre griglie di energia oscillanti a velocità tremende. Queste velocità di oscillazione variano: il nucleo di un atomo vibra a 10 alla potenza di 22, una molecola vibra a 10 alla potenza di 9, una cellula umana vibra a 10 alla potenza di 3. Il punto è che l’intero universo è un complesso sistema di campi energetici. Gli stati della materia in questa concezione sono quindi semplicemente variazioni dello stato dell’energia.

Il risultato di tutte queste energie in movimento, che rimbalzano sull’energia a riposo, proietta una modalità 3D, uno schema, chiamato ologramma, AKA la nostra realtà mentre la sperimentiamo. È meglio pensarla come una fotografia 3D. Basti dire che l’ologramma che è la nostra esperienza è incredibilmente bravo a rappresentare e registrare tutte le varie energie che rimbalzano attorno alla creazione della materia.

La coscienza può quindi essere concepita come un sistema di griglia 3D sovrapposto a tutti i modelli energetici, scrive Wayne. Usando la matematica, ogni piano del sistema a griglia può quindi ridurre i dati a una forma 2D. Le nostre menti binarie (go/no go) possono quindi elaborare i dati e confrontarli con altri dati storici salvati nella nostra memoria. La nostra realtà è poi formata dai confronti. L’emisfero destro del cervello funge da matrice primaria o recettore per questo input olografico. L’emisfero sinistro lo confronta quindi con altri dati, riducendolo alla sua forma 2D.

In linea con l’impegno della nostra specie per l’eccezionalismo, per quanto ne sappiamo gli esseri umani sono in grado di raggiungere questo livello di coscienza in modo unico. Semplicemente, gli umani non solo sanno, ma sappiamo di sapere. Questo ci conferisce la capacità di duplicare aspetti del nostro ologramma, proiettarli fuori, percepire quella proiezione, eseguirlo attraverso un confronto con la nostra memoria dell’ologramma, misurare le differenze usando la geometria 3D, quindi eseguirlo attraverso il nostro sistema binario per produrre la cognizione verbale del sé.

Il processo di accesso

SCREENSHOT: CIA



La fase di click-out

Wayne quindi mostra le sue carte: “Fino a questo punto la nostra discussione sul processo del Gateway è stata relativamente semplice e facile da seguire. Ora inizia il divertimento“. Ciò per cui sta preparando il comandante che legge questo inebriante rapporto è la rivelazione: come possiamo usare il Portale per trascendere la dimensione dello spaziotempo.

Il tempo è una misura dell’energia o della forza in movimento; è una misura del cambiamento. Questo è davvero importante. Affinché l’energia sia classificata come in movimento, deve essere confinata all’interno di uno schema vibratorio che possa contenerne il movimento, mantenendolo fermo. L’energia non contenuta in questo modo è senza confini e si muove senza limiti o dimensioni, verso l’infinito. Questo squalifica l’energia senza confini dalla dimensione del tempo perché non ha tasso di cambiamento. L’energia nell’infinito, chiamata anche “lo stato assoluto“, è completamente a riposo perché nulla la sta accelerando o decelerandola, di nuovo, nessun cambiamento. Pertanto non contribuisce al nostro ologramma, alla nostra esperienza fisica. Non possiamo percepirlo.

Ora torniamo alle frequenze. L’oscillazione dell’onda si verifica perché un’onda rimbalza tra due punti rigidi di riposo. È come un gioco di patate bollenti elettromagnetiche (la patata è l’onda e le mani dei partecipanti sono i confini dell’onda). Senza questi limiti non ci sarebbero oscillazioni. Quando un’onda colpisce uno di quei punti di riposo, solo per un brevissimo istante, “scatta fuori” dallo spaziotempo e si unisce all’infinito. Perché ciò avvenga, la velocità dell’oscillazione deve scendere al di sotto di 10 la potenza di -33 centimetri al secondo. Per un momento, l’onda entra in un nuovo mondo. La patata semplicemente scompare in una dimensione che non possiamo percepire.

In teoria, se il modello d’onda della coscienza umana raggiunge una frequenza sufficientemente alta, i “click-out” possono raggiungere la continuità. In altre parole, se la frequenza della coscienza umana può scendere al di sotto di 10 fino alla potenza di 33 centimetri al secondo ma al di sopra di uno stato di totale riposo, può trascendere lo spaziotempo. L’esperienza Gateway e la tecnica Hemi-Sync associata sono progettate affinché gli esseri umani raggiungano questo stato e stabiliscano un modello coerente di percezione nelle dimensioni appena realizzate.

L'esperienza del gateway

IMMAGINE: SPECTRAL-DESIGN TRAMITE GETTY IMAGES

Passaporto per l’ologramma

In teoria, possiamo ottenere quanto sopra in qualsiasi momento. L’intero processo, però, viene aiutato se riusciamo a separare la coscienza dal nostro corpo. È come una corsa esistenziale in vantaggio in cui il clic di una coscienza già separata dal suo corpo inizia molto più vicino e ha più tempo per dialogare con altre dimensioni.

È qui che le cose diventano un po’ scivolose. Anche l’universo è coinvolto nell’intera faccenda dell’ologramma, scrive Wayne. Questo super ologramma è chiamato “toro” perché prende la forma di un’enorme spirale autosufficiente. Come questo:

Concediti un momento per farti assorbire dal movimento qui sopra…

Questo modello dell’universo rispecchia in modo evidente gli schemi degli elettroni attorno al nucleo di un atomo. Le galassie a nord della nostra si stanno allontanando da noi più velocemente delle galassie a sud; le galassie a est ea ovest di noi sono più distanti. L’energia che ha prodotto la materia che costituisce l’universo di cui godiamo attualmente, alla fine ritornerà su se stessa. La sua traiettoria è ovoidale, conosciuta anche come l’uovo cosmico. Quando si ripiega su se stesso, entra in un buco nero, attraversa un nucleo di energia densamente imballato, quindi viene sputato fuori dall’altro lato di un buco bianco e ricomincia il processo.

Il processo di accesso

SCREENSHOT: CIA

L’intero ologramma dell’universo, il toro, rappresenta tutte le fasi del tempo: passato, presente e futuro. Il risultato è che la coscienza umana portata a uno stato sufficientemente alterato (focalizzato) potrebbe ottenere informazioni sul passato, presente e futuro, poiché vivono tutti simultaneamente nell’ologramma universale. Wayne ragiona sul fatto che la nostra coscienza onnicomprensiva alla fine partecipa a un continuum onnisciente infinito. Molto tempo dopo che abbiamo lasciato la dimensione spazio-temporale e l’ologramma che ognuno di noi percepisce è spento, la nostra coscienza continua. Rassicurante in un certo senso.

E questo è il contesto in cui si colloca la Gateway Experience.

LA TECNICA

Quello che segue è uno schema dei passaggi chiave per raggiungere i livelli di focalizzazione necessari per sfidare la dimensione spaziotemporale. Questo è un processo lungo e complesso che è meglio tentare in impostazioni controllate. Se sei di fretta, a quanto pare puoi ascoltare abbastanza nastri Monroe Institute Gateway in 7 giorni per arrivarci.

La scatola di conversione dell’energia: il processo del gateway inizia insegnando al soggetto a isolare eventuali preoccupazioni estranee utilizzando un processo di visualizzazione chiamato “scatola di conversione dell’energia“.

Ronzio risonante: l’individuo viene introdotto al ronzio risonante. Attraverso l’enunciazione di un unico tono prolungato, insieme a un ritornello sui nastri, la mente e il corpo raggiungono uno stato di risonanza.

The Gateway Affermation: Il partecipante è esposto a qualcosa di simile a un mantra chiamato The Gateway Affermation. Devono ripetere a se stessi variazioni di: “Io sono semplicemente un corpo fisico e desidero profondamente di espandere la mia coscienza“.

Hemi-Sync: l’individuo è finalmente esposto alle frequenze sonore Hemi-Sync e incoraggiato a sviluppare una relazione con i sentimenti che emergono.

Rumore aggiuntivo: le tecniche di rilassamento fisico vengono praticate mentre le frequenze Hemi-Sync vengono espanse per includere il rumore “rosa e bianco”. Questo mette il corpo in uno stato di sonno virtuale, calmando l’emisfero sinistro e aumentando l’attenzione dell’emisfero destro.

Il palloncino energetico: l’individuo è quindi incoraggiato a visualizzare la creazione di un “palloncino energetico” che inizia nella parte superiore della testa, estendendosi in tutte le direzioni fino ai piedi, quindi risalendo di nuovo. Ci sono alcune ragioni per questo, la principale è che questo palloncino fornirà protezione contro entità coscienti che possiedono livelli di energia inferiori che potrebbero incontrare quando si trovano nello stato extracorporeo.

Focus 12: Il praticante può raggiungere costantemente una consapevolezza espansa sufficiente per iniziare a interagire con dimensioni al di là della loro realtà fisica. Per raggiungere questo stato sono necessari sforzi coscienti e più “rumore rosa e bianco” dal flusso sonoro.

Strumenti: Una volta raggiunto il Focus 12, il soggetto può quindi utilizzare una serie di strumenti per ottenere feedback da dimensioni alternative.

Patterning: la coscienza viene utilizzata per raggiungere gli obiettivi desiderati nella sfera fisica, emotiva o intellettuale.

Respirazione del colore: una tecnica curativa che rivitalizza i flussi energetici del corpo immaginando i colori in modo particolarmente vivido.

Strumento della barra dell’energia: questa tecnica consiste nell’immaginare un piccolo punto di luce intensamente pulsante che il partecipante carica. Quindi usa il cilindro di energia scintillante e vibrante (precedentemente noto come il punto) per incanalare le forze dell’universo per guarire e rivitalizzare il corpo.

Visualizzazione remota: una tecnica successiva allo strumento Energy Bar in cui il punto viene trasformato in un vortice vorticoso attraverso il quale l’individuo invia la propria immaginazione alla ricerca di intuizioni illuminanti.

Mappa del corpo vivente: un uso più organizzato della barra dell’energia in cui flussi di diversi colori fluiscono dal punto ai sistemi corporei del colore corrispondente.

Sono passati sette giorni di formazione. Solo circa il 5% dei partecipanti arriva a questo livello successivo, secondo il rapporto.

Focus 15 – Viaggio nel passato: il suono aggiuntivo sui nastri Hemi-Sync include più o meno lo stesso, oltre ad alcuni suggerimenti subliminali per espandere ulteriormente la coscienza. Le istruzioni sono altamente simboliche: il tempo è un’enorme ruota, in cui i diversi raggi danno accesso al passato del partecipante.

Movimento fuori dal corpo: solo un nastro tra i tanti è dedicato al movimento fuori dal corpo. Questo nastro è dedicato a facilitare uno stato fuori dal corpo quando i modelli di onde cerebrali e i livelli di energia del partecipante raggiungono l’armonia con l’ambiente elettromagnetico circostante. Secondo Bob Monroe, il partecipante deve essere esposto a segnali Beta di circa 2877,3 cicli al secondo.



CONCLUSIONI

Wayne esprime preoccupazione per la fedeltà delle informazioni riportate dagli stati extracorporei utilizzando la tecnica Gateway. Le applicazioni pratiche sono di particolare interesse a causa del potenziale di “distorsione delle informazioni“.

Il Monroe Institute si è anche imbattuto in una serie di problemi in cui alcune persone viaggiavano dalla costa occidentale alla costa orientale degli Stati Uniti per leggere una serie di numeri dallo schermo di un computer. Non li hanno mai azzeccati. Wayne attribuisce questo al problema di differenziare tra entità fisiche e dimensioni extra-temporali quando si trova nello stato fuori dal corpo.

Wayne torna alla modalità di supporto, tuttavia, dando credito alle basi fisiche del rapporto. Cita più sistemi di credenze che hanno stabilito risultati identici. Questi includono lo Shoug tibetano, il paradiso indù di Indra, la filosofia mistica ebraica e il concetto cristiano della Trinità. Qui sembra più interessato alle basi teoriche che rendono possibile The Gateway Experience, piuttosto che le possibilità pratiche promesse da The Gateway Tapes.

Forse pensando al suo pubblico della CIA, Wayne fa quindi un cenno di tipo A a The Gateway Experience per fornire un percorso più veloce, più efficiente, meno sottomesso e a risparmio energetico verso una coscienza espansa. Ciò si conclude con una serie di raccomandazioni alla CIA su come sfruttare il potenziale di Gateway per scopi di difesa nazionale.

Il processo di accesso

SCREENSHOT: CIA

Il processo di accesso

SCREENSHOT: CIA

La pagina mancante

Una caratteristica curiosa di The Gateway Report è che sembra mancare la pagina 25. È anche un vero cliffhanger. In fondo a pagina 24 si legge “E, l’eterno pensiero o concetto di sé che risulta da questa autocoscienza serve il“, Il rapporto riprende a pagina 26 e 3 sezioni più tardi come se Wayne non avesse appena rivelato il vero segreto di esistenza.

Il divario non è passato inosservato. C’è una petizione su Change.org che ne richiede il rilascio. Molteplici richieste del Freedom of Information Act hanno richiesto lo stesso. In tutti i casi, la CIA ha affermato di non avere mai avuto la pagina. Ecco una risposta del 2019 di Mark Lilly, il coordinatore delle informazioni e della privacy della CIA, a un certo Bailey Stoner in merito a questi record:

Risposta della CIA FOIA

SCREENGRAB: CIA TRAMITE MUCKROCK

Una teoria sostiene che quel mascalzone Wayne abbia saltato la pagina apposta. La teoria sostiene che fosse una cartina di tornasole: se qualcuno sfida davvero le dimensioni spazio-temporali, sarà sicuramente in grado di individuare pagina 25.

2