La tettonica a placche potrebbe essere uno degli ingredienti segreti dell’evoluzione della vita sulla Terra

La tettonica a placche, gli oceani e i continenti potrebbero essere gli ingredienti segreti della vita complessa sulla Terra. E se queste caratteristiche geologiche sono rare altrove nell’Universo, allora forse questo spiega perché non abbiamo ancora scoperto vita aliena intelligente.

tettonica a placche

La tettonica a placche potrebbe verificarsi solo sullo 0,003% dei pianeti

Una nuova ricerca di un team di scienziati americani e svizzeri ha indicato che questi ingredienti rappresentano variabili mancanti nella famosa equazione di Drake, ideata più di mezzo secolo fa per stimare le possibilità di trovare civiltà avanzate nella nostra galassia. L’inclusione di queste nuove variabili potrebbe riscrivere completamente la probabilità di rilevare la vita intelligente nella Via Lattea.

L’impulso per questa ricerca, con le sue implicazioni che abbracciano l’intera galassia, è nato da un mistero che ci circonda: perché la vita ha impiegato così tanto tempo per evolversi oltre i semplici organismi?

La vita esiste sulla Terra da circa 4 miliardi di anni, ma organismi complessi come gli animali non sono comparsi prima di circa 600 milioni di anni fa, ovvero non molto tempo dopo l’inizio della tettonica a placche“, ha affermato Robert Stern dell’Università del Texas a Dallas: “La tettonica a placche ha dato davvero il via alla macchina dell’evoluzione e pensiamo di aver capito perché“.

Lo studio

Stern e il suo collaboratore, Taras Gerya dell’Istituto federale svizzero di tecnologia, hanno ipotizzato che la tettonica a placche, ovvero il movimento di attrito degli strati superiori del pianeta su lunghe scale temporali geologiche, abbia contribuito ad accelerare la transizione verso una vita complessa.

All’inizio della storia della Terra, organismi semplici si sono formati nell’oceano, ma l’umanità, una civiltà avanzata in grado di comunicare attraverso lo spazio, non avrebbe potuto esistere se la vita antica non si fosse trasferita sulla terraferma.

Continenti vasti e ricchi di risorse erano quindi un prerequisito vitale per quello che Stern e Gerya chiamano Civiltà Comunicative Attive (ACC) come l’umanità per svilupparsi, ma questo da solo non era sufficiente: i continenti dovevano muoversi.

I dati geologici sulla Terra hanno indicato che la tettonica a placche ha accelerato l’evoluzione sulla terraferma attraverso cinque processi distinti: ha aumentato l’apporto di nutrienti; ha accelerato l’ossigenazione sia dell’atmosfera che dell’oceano; ha temperato il clima; ha causato un elevato tasso di ricambio nella formazione e distruzione dell’habitat e ha esercitato una pressione ambientale non catastrofica che ha costretto gli organismi ad adattarsi.

Il risultato finale di tutte queste pressioni ambientali: la nostra civiltà complessa. Se Stern e Gerya hanno ragione, la tettonica a placche è stata un requisito per innovazioni future come la ruota, lo smartphone e il programma Apollo.

E affinché altre civiltà nella galassia sviluppino simili meraviglie tecnologiche, forse anche i loro pianeti ne hanno bisogno, ma per quanto ne sappiamo, è un fenomeno raro.

La Terra è l’unico pianeta del nostro sistema solare ad avere una tettonica a placche. Il vulcanismo esiste su altri mondi, come Venere, Marte e Io, ma questi mondi hanno un guscio solido singolo, piuttosto che più placche in movimento. Allo stesso modo, i mondi oceanici come Encelado ed Europa sono vincolati da uno strato ghiacciato, impedendo a qualsiasi ipotetica vita di passare alla terraferma.

Non sappiamo con certezza se i sistemi solari distanti presentino pianeti con tettonica a placche: gli attuali telescopi spaziali non hanno la risoluzione per fare tali determinazioni. Ma saperlo potrebbe non consentire una versione più accurata dell’equazione di Drake.

L’equazione rivista propone due fattori essenziali: la frazione di esopianeti abitabili con grandi continenti e oceani e la frazione di quelli con una tettonica a placche che dura più di 500 milioni di anni.Questa versione è molto più articolata dell’equazione di Drake originale, che teneva semplicemente conto della frazione di pianeti abitabili su cui si era sviluppata la vita intelligente.

Nella formulazione originale, si pensava che questo fattore fosse quasi 1, o 100%, ovvero che l’evoluzione su tutti i pianeti con vita sarebbe andata avanti e, con abbastanza tempo, si sarebbe trasformata in una civiltà intelligente“, ha spiegato Stern: “La nostra prospettiva è: non è vero”.

I loro calcoli riducono la percentuale di questi pianeti che sviluppano ACC a solo lo 0,003% al minimo e allo 0,2% al massimo, ben lontano dal 100% originale.

Conclusioni

Se si considerano tutti gli altri fattori dell’equazione di Drake (numero di stelle che si formano ogni anno, numero di stelle con pianeti, numero di pianeti abitabili, numero di pianeti abitabili con vita, numero di civiltà su quei pianeti che inviano segnali rilevabili e per quanto tempo inviano i segnali), le possibilità di trovare vita aliena intelligente si riducono notevolmente.

Le implicazioni dell’equazione di Drake originale erano che gli ACC dovrebbero essere comuni e dovremmo vederli ovunque, ma includere la tettonica a placche nell’equazione cambia il risultato e rende chiaro che è perfettamente comprensibile il motivo per cui non vediamo forme di vita intelligente in tutta la galassia.

Quindi la vita aliena intelligente potrebbe essere più rara di quanto chiunque pensasse, e la Terra potrebbe essere più speciale di quanto pensassimo. Tutto grazie alla crosta superiore frammentata, indisciplinata e mutevole del nostro pianeta.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rhodosporidiobolus fluvialis: nuovo fungo patogeno scoperto in Cina

Un team di scienziati cinesi ha scoperto il Rhodosporidiobolus...

Carburante sostenibile: progettato un nuovo metodo per generarlo

Un team di ricercatori ha dimostrato che l'anidride carbonica,...

Parigi 2024: l’AI al servizio dei giochi olimpici

Intel e il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) hanno siglato...

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Articoli correlati

Popular Categories