I grandi squali bianchi potrebbero aver provocato l’estinzione del megalodon

Il megalodon, lo squalo gigante che visse più di 23 milioni di anni fa, era quasi quattro volte più grande del grande squalo bianco che oggi solca i nostri oceani.

Tuttavia, le due specie di squali, che un tempo coesistevano, probabilmente cacciavano alcune delle stesse prede. Questa competizione potrebbe essere stata una delle ragioni per cui il megalodonte, lungo 20 metri, si è estinto, come suggerisce un nuovo studio.
Per arrivare a questo risultato, i ricercatori coinvolti nello studio hanno utilizzato una nuova tecnica. Hanno analizzato le firme alimentari contenute nei denti di 13 specie di squali estinte e 20 squali moderni per capire dove si inseriscono nella catena alimentare, nota anche come livello trofico.
Nei romanzi e nei film, il Megalodon è in genere raffigurato come uno squalo mostruoso e di grandi dimensioni, ma la realtà è che sappiamo ancora molto poco di questo squalo ormai estinto“, ha affermato l’autore dello studio, Kenshu Shimada, professore di paleobiologia alla DePaul University di Chicago e ricercatore associato allo Sternberg Museum of Natural History in Kansas.
Il nostro nuovo studio mostra che la gamma dietetica del grande squalo bianco del Pliocene inferiore è molto simile a quella del megalodonte, indicando che i nostri dati non contraddicono l’ipotesi della concorrenza“, ha detto.
I ricercatori sono stati in grado di raccogliere queste informazioni osservando la presenza di diversi isotopi, o varianti, dell’elemento chimico zinco conservato nello smalto dei denti degli squali.
Lo zinco è essenziale per gli organismi viventi e svolge un ruolo cruciale nello sviluppo delle ossa. Il rapporto tra isotopi di zinco pesanti e leggeri nei denti conserva una registrazione del tipo di materia animale che gli squali mangiavano.
Gli isotopi di zinco possono essere utilizzati come indicatori ecologici a causa del rapporto tra questi due diversi isotopi che cambia man mano che si sale nella catena alimentare“, ha affermato il coautore Michael Griffiths, geochimico e professore nel dipartimento di scienze ambientali della William Paterson University nel New Jersey.
Ad esempio, se il megalodon avesse mangiato i grandi squali bianchi, la sua posizione più alta nella catena alimentare si rifletterebbe nella registrazione isotopica. Lo studio, però, ha scoperto che le due specie avevano alcune sovrapposizioni, suggerendo che condividessero prede simili. Tuttavia, gli autori hanno avvertito di non poter escludere che il megalodonte predasse i grandi squali bianchi, dato che i suoi valori isotopici, e in particolare un parente stretto del megalodonte chiamato Chubutensis megalodon, avevano valori inferiori a qualsiasi vertebrato marino moderno e fossile misurato.
L’alimentazione allo stesso livello trofico non implica necessariamente una competizione diretta tra megalodon e grandi squali bianchi per la stessa preda, poiché entrambe le specie potrebbero essersi specializzate in prede diverse. Tuttavia, secondo lo studio, ritiene probabile almeno una certa sovrapposizione nei prodotti alimentari tra le due specie.
Come i grandi squali bianchi di oggi, probabilmente si nutrivano di pesci di grandi dimensioni. I grandi squali bianchi, essendo di taglia più piccola, probabilmente non richiedevano tanto cibo quanto il megalodon, quindi avrebbero avuto un vantaggio competitivo se si fossero nutriti di prede simili“, ha detto Griffiths.
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications.
Questo studio è stato il primo che ha dimostrato che gli isotopi di zinco legati alla dieta si conservano nei denti di squalo fossilizzati.
Una tecnica simile, che utilizza gli isotopi di azoto per studiare le firme dietetiche per altri gruppi di animali, è ben consolidata, afferma lo studio. Tuttavia, l’azoto nella dentina dei denti non si conserva abbastanza bene per studiare gli animali che si sono estinti milioni di anni fa. La tecnica che utilizza gli isotopi di zinco potrebbe essere applicata ad altri animali estinti per comprenderne la dieta e l’ecologia.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Cosa sono i prodotti a base di CBD e quali sono i loro benefici

Il cannabidiolo, comunemente noto come CBD, è uno dei...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Archimede, specchi ustori o palle incendiarie?

Poiché Archimede riuscì realmente a incendiare le navi romane perfezionando armi da getto in grado di lanciare sostanze incendiarie, si è sostenuto che alla base della leggenda degli specchi ustori vi sia un'errata traduzione di una voce greca, che si sarebbe riferita a "sostanze incendiarie" e sarebbe stata interpretata erroneamente come "specchi ustori"

Articoli correlati

Popular Categories