Spiegato perché molti carnivori preistorici avevano braccia così piccole

Indice

I ricercatori hanno scoperto un nuovo enorme dinosauro carnivoro, soprannominato Meraxes gigas. Il nuovo dinosauro fornisce indizi affascinanti sull’evoluzione e sulla biologia di dinosauri come il Carcharodontosaurus e il Tyrannosaurus rex, in particolare sul motivo per cui queste creature avevano teschi così grandi e braccia minuscole.

Lo studio è stato co-diretto dal ricercatore di Twin Cities dell’Università del Minnesota Peter Makovicky e dai colleghi argentini Juan Canale e Sebastian Apesteguía ed è stato pubblicato su Current Biology, una rivista di biologia scientifica che effettua revisione paritaria.

Scoperto inizialmente in Patagonia nel 2012, gli scienziati hanno trascorso gli ultimi anni a estrarre, preparare e analizzare il campione di Meraxes. Il dinosauro fa parte della famiglia dei Carcharodontosauridae. Questo gruppo di teropodi carnivori giganti include anche Giganotosaurus, uno dei più grandi dinosauri carnivori conosciuti e una delle stelle rettiliane del film “Jurassic World: Dominion“.

Sebbene non fosse il più grande tra i carcharodontosauridi, Meraxes era ancora un animale imponente che misurava circa 11 metri dal muso alla punta della coda e pesava circa 4.000 kg. I ricercatori hanno recuperato il Meraxes, insieme ad altri dinosauri tra cui diversi esemplari di sauropodi dal collo lungo, da rocce che hanno circa 90-95 milioni di anni.

Meraxes è tra gli scheletri di carcharodontosaurid più completi che i paleontologi abbiano trovato finora nell’emisfero meridionale. Comprende quasi la totalità del cranio, dei fianchi e delle braccia e delle gambe sia sinistra che destra.

La cosa bella è che abbiamo scoperto che il piano del corpo è sorprendentemente simile ai tirannosauri come il T. rex“, ha affermato Peter Makovicky, uno dei principali autori dello studio e professore presso la NH Winchell School of Earth and Environmental Sciences dell’Università del Minnesota. “Ma non sono particolarmente legati al T. rex. Provengono da rami molto diversi dell’albero genealogico dei dinosauri carnivori. Quindi, avere questa nuova scoperta ci ha permesso di sondare la domanda: ‘Perché questi dinosauri carnivori diventano così grandi e hanno queste braccia così piccole?‘”

La scoperta di questo nuovo carcharodontosauride, il più completo fino ad ora, ci offre un’eccezionale opportunità di conoscere la loro sistematica, paleobiologia e dimensioni reali come mai prima d’ora“, ha affermato Sebastian Apesteguía, coautore dello studio e ricercatore all’Università Maimónides in Argentina.

Con i dati statistici forniti da Meraxes, i ricercatori hanno scoperto che i grandi dinosauri mega-predatori in tutte e tre le famiglie di terapodi crescevano in modo simile. Man mano che si evolvevano, i loro crani diventavano più grandi e le loro braccia si accorciavano progressivamente.

I possibili usi dei minuscoli arti anteriori nel T. rex e in altri grandi dinosauri carnivori sono stati oggetto di molte speculazioni e dibattiti. “Quello che stiamo suggerendo è che c’è una visione diversa di questo“, ha detto Makovicky. “Non dovremmo preoccuparci così tanto dell’uso delle braccia, perché le braccia vengono effettivamente ridotte a causa del fatto che i teschi diventano enormi. Per qualunque cosa le braccia possano essere state utilizzate o meno, avevano assunto una funzione secondaria poiché il cranio era ottimizzato per gestire prede più grandi“.

I ricercatori hanno anche scoperto che i carcarodontosauridi, comprese le specie della Patagonia, si sono evoluti molto rapidamente, ma poi sono scomparsi improvvisamente dai reperti fossili molto presto.

Di solito, quando gli animali sono sull’orlo dell’estinzione, è perché i loro ritmi evolutivi sono piuttosto lenti, il che significa che non si adattano molto rapidamente al loro ambiente“, ha spiegato Juan Canale, autore principale dello studio e ricercatore presso l’Università Nazionale di Río Negro. “Qui abbiamo prove che Meraxes e i suoi parenti si stavano evolvendo abbastanza velocemente, eppure nel giro di pochi milioni di anni sono scomparsi e non sappiamo perché. È una di quelle scoperte in cui rispondi ad alcune domande, ma che genera più domande per il futuro“.

Per ulteriori informazioni su questa ricerca, vedere Nuovo dinosauro carnivoro gigante scoperto con piccole braccia come T. rex .

Riferimento: “Il nuovo dinosauro carnivoro gigante rivela tendenze evolutive convergenti nella riduzione del braccio dei teropodi” di John I. Canale, Sebastian Apesteguia, Paul A. Gallina, Jonathan Mitchell, Nathan D. Smith, Thomas M. Cullen, Akiko Shinya, Alexander Haluza, Federico A. Gianechini, Peter J. Makovicky, 7 luglio 2022, Biologia attuale
DOI: 10.1016/j.cub.2022.05.057

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Missioni Apollo: come osservare i siti di allunaggio

Le missioni Apollo hanno avuto un incredibile successo e...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Offerte Amazon di oggi: tablet super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

HIV: il 7°paziente guarisce grazie al trapianto di cellule staminali

Un uomo tedesco di 60 anni è probabilmente la...

Guerra del Golfo: scoperta la causa della malattia nei veterani

Uno studio della Griffith University ha rivelato che la...

Articoli correlati

Popular Categories