Sigarette elettroniche: promulgati i primi divieti negli Stati Uniti, mentre si prepara un forte giro di vite sulla vendita delle ricariche

Dai primi controlli, sembrerebbe che alla base dei decessi e dei ricoveri vi sia l'uso di una sostanza, l'acetato di vitamina E, utilizzata per diluire l'olio di marijuana ricco di THC, senza alterarne gusto e aroma.

271

Negli Stati Uniti è scattato in diversi stati il divieto per la vendita di liquidi aromatizzati per le sigarette elettroniche, questo dopo che vi sono stati 7 morti e 380 ricoveri per patologie polmonari scatenate dall’abitudine allo svapo.

Bisogna, però, dire che, man mano che indagini sanitarie vanno avanti, sta emergendo che quasi tutti i 380 pazienti con malattia polmonare sottoposti a ricovero, utilizzavano prodotti aromatizzati con un olio di marijuana ricco di THC, un principio attivo ad azione psicotropa.

Il THC è la sostanza chimica alla base della maggior parte degli effetti psicologici della marijuana, che stimola il cervello a creare sensazioni piacevoli.

A quanto pare, sono numerosi gli utilizzatori di sigarette elettroniche che hanno preso l’abitudine di inserire cartucce illegali contenenti THC nei loro vaporizzatori. Oltre al THC, queste cartucce contengono anche quantità significative di vitamina E acetato. Poiché l’olio di cannabis è costoso, i produttori usano l’acetato per diluirlo e addensarlo senza alterarne il sapore o l’odore. Il sospetto delle autorità sanitarie è che la vitamina E sia alla base dei sintomi che i pazienti hanno manifestato, tra cui tosse, dolore toracico e respiro affannoso che porta alla necessità di ricovero in ospedale

Molte vittime risultano soffrire di disturbi respiratori acuti, una condizione pericolosa per la vita in cui il liquido si accumula nei polmoni e impedisce all’ossigeno di essere assorbito dal sangue.

Gli investigatori federali avvertono di non aver ancora raggiunto una conclusione definitiva su ciò che ha causato le malattie e più di una mezza dozzina di vittime. Ma l’acetato di vitamina E è stato trovato in quasi tutti i campioni di cannabis dalle vittime identificate a New York, secondo il dipartimento sanitario dello stato.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Intanto, i produttori di sigarette elettroniche ed i produttori di alternative ai derivati del tabacco, tra cui Juul, Altria, Reynolds American e Philip Morris sono scesi sul piede di guerra.

Advertisement

L’annuncio ha sbalordito l’industria, in particolare la Juul Labs, che aveva fatto quasi tutto il possibile per consolidare il suo status a Washington attraverso importanti, e costose, manovre lobbystiche.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Il picco di malattie polmonari apparentemente attribuibili allo svapo a creato le condizioni opportune per annunciare un ampio giro di vite sulle E-cig. 

L’11 settembre, a Trump è stato presentato una ampio ventaglio di opzioni, dal non fare nulla alla rimozione di quasi tutti i sapori dello svapo dal mercato. Il presidente, di fronte alla tempesta perfetta causata dall’aumento del numero di giovani svapatori e malattie potenzialmente fatali correlate allo svapo, ha scelto l’opzione più difficile e, forse, più impopolare. 

Mentre i produttori di sigarette elettroniche affermano che i loro prodotti sono un’alternativa innocua alle sigarette tradizionali, contengono comunque nicotina che crea dipendenza e possono offrire ai bambini un “accesso” al vizio del fumo. Eppure alcuni critici ritengono che l’azione sia fuori luogo, dal momento che la causa dell’emergenza sanitaria sta probabilmente nei prodotti a base di marijuana e non nella nicotina.

Le migliori informazioni suggeriscono che una recente ondata di decessi dovuti a una malattia polmonare legata allo svapo… Non ha avuto molto o nulla a che fare con le sigarette elettroniche legali“, scrive l’editorialista del washington post Megan McArdle . “Naturalmente, il governo vuole vietare i prodotti per sigarette elettroniche fabbricati legalmente“.

Ironia della sorte, la regolamentazione delle cartucce per vaporizzatori di marijuana non è un’opzione per la FDA. Questo perché sono illegali secondo la legge federale. Se il Congresso dovesse classificare la marijuana ai sensi della Controlled Substances Act, si aprirà improvvisamente un terreno completamente nuovo per regolamentare questi articoli.

Advertisement

Come i federali, anche i governi statali stanno cercando sigarette elettroniche aromatizzate. All’inizio di questo mese, il Michigan è diventato il  primo stato  a vietarli. La contea di Montgomery nel Maryland ha annunciato lunedì la legislazione per vietare i negozi di vaporizzatori e la consegna di sigarette elettroniche nei negozi entro mezzo miglio dalle scuole medie o superiori. 

E ieri lo stato di New York ha emanato il proprio divieto e il Distretto di Columbia ha proposto un divieto sulle sigarette elettroniche aromatizzate e ha richiesto una prescrizione per acquistare altri prodotti elettronici per il fumo. Il distretto sarebbe la prima giurisdizione degli Stati Uniti con restrizioni così severe sulle vendite di sigarette elettroniche.

Stiamo letteralmente guardando una nuova generazione di giovani catturati dalla nicotina attraverso lo svapo“, ha dichiarato Vincent Gray, membro del Consiglio di DC, che presiede il comitato sanitario.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
Advertisement