Sfere di Dyson: la chiave per trovare una vita aliena

Le sfere di Dyson sono ipotetiche megastrutture costruite attorno alle stelle per sfruttare la loro energia

1385

Le sfere di Dyson sono ipotetiche megastrutture costruite attorno alle stelle per sfruttare la loro energia. In un articolo pubblicato nel 1960, Freeman Dyson ha proposto che la ricerca di programmi di intelligenza extraterrestre (SETI) dovrebbe “ricercare fonti di radiazione infrarossa” poiché potrebbero essere un segno di sfere di Dyson e, per estensione, di vita aliena intelligente.

Proprio il mese scorso, un team di astronomi dell’Università di Leiden ha annunciato che, nella loro ricerca di sfere aliene di Dyson, avevano individuato due galassie lontane le cui firme infrarosse meritavano ulteriori indagini.

Alla ricerca delle sfere di Dyson nella nostra galassia

Matías Suazo, un dottorato di ricerca studente presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Uppsala, sta cercando un segnale molto specifico nel cielo notturno. Suazo fa parte di un numero crescente di scienziati che credono che potremmo essere in grado di osservare tracce rivelatrici di megastrutture spaziali, chiamate sfere di Dyon, costruite da vita aliena intelligente.

In un’intervista a Inverse, Suazo ha affermato che, in teoria, è “complicato, ma non impossibile” trovare una sfera di Dyson nella Via Lattea. Il dottorato studente e un team di astronomi hanno pubblicato un nuovo documento in estate esplorando la possibilità di trovare una delle enormi macchine nella nostra galassia natale. Una tale scoperta fornirebbe finalmente la prova che c’è vita intelligente altrove nell’universo.

Nel loro nuovo studio, Suazo e il suo team hanno utilizzato i dati raccolti da Gaia, un telescopio dell’Agenzia spaziale europea lanciato nello spazio nel 2013, e dal WISE della NASA, un telescopio spaziale a infrarossi ad ampio campo. Credono che le sfere di Dyson potrebbero assumere la forma di pannelli solari tenuti in posizione attorno alle stelle senza essere distrutte dalla loro attrazione gravitazionale. Una tale struttura, in teoria, emetterebbe radiazioni nella lunghezza d’onda del medio infrarosso a temperature comprese tra 100 e 600 Kelvin.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il team di astronomi ha evidenziato cinque stelle all’interno della nostra galassia che potrebbero essere potenzialmente collegate a una sfera di Dyson costruita da alieni a causa delle loro firme a infrarossi.

Sfruttare il potere di una stella

Non solo la scoperta delle sfere di Dyson nella nostra galassia, o oltre, sposterebbe completamente la nostra percezione del nostro posto nell’universo, ma potrebbe anche aiutarci a sviluppare la tecnologia per noi stessi – qualcosa che Suazo dice che potremmo essere in grado di ottenere nel prossimi 100-200 anni. In un recente articolo, il transumanista Alexey Turchin ha suggerito che le sfere di Dyson potrebbero darci il potere di scaricare la nostra coscienza in un supercomputer per vivere di nuovo la vita in una simulazione digitale simile.

Ovviamente, per quanto massicce possano essere queste ipotetiche sfere di Dyson, trovarne una è ancora paragonabile a trovare un ago nel proverbiale pagliaio: la sola Via Lattea ospita da qualche parte tra 100 e 400 miliardi di stelle. Tuttavia, Suazo e il suo team continueranno a utilizzare attrezzature all’avanguardia per cercare nei cieli i segni di queste sovrastrutture aliene finora sfuggenti. Successivamente, analizzeranno le osservazioni di follow-up delle loro cinque galassie individuate prese dal Nordic Optical Telescope situato nelle Isole Canarie.