Balene: le tempeste solari potrebbero confondere il loro senso di orientamento

Potrebbe anche confondere le balene grigie della California, causando i tanti episodi che conosciamo in cui interi branchi di balene si sono arenate sulle spiagge

0
1040

Quando il nostro Sole erutta un flusso di particelle cariche nella direzione generale della Terra, non si limita a rovinare i satelliti e a generare le spettacolari aurore boreali.

Una nuova ricerca suggerisce che le tempeste solari possono interferire temporaneamente con la loro capacità di navigare in questi lunghi viaggi, forse anche portandoli a rimanere bloccati. Indica la possibilità che le balene grigie possano utilizzare i campi magnetici della Terra per navigare.

Le tempeste solari – eventi sul sole in cui vengono espulse grandi quantità di particelle ad alta energia – bombardano la Terra con livelli insolitamente alti di radiazioni elettromagnetiche, che possono interferire con le tecnologie umane come i satelliti e le reti elettriche. 

Si ritiene che la maggior parte degli animali, compresi gli esseri umani, non sia influenzata in modo significativo dalle tempeste solari, principalmente perché il campo magnetico terrestre protegge il pianeta da gran parte di questa radiazione.

Potrebbe anche confondere l’evento delle balene grigie della California (Eschrichtius robustus), causando i tanti episodi che conosciamo in cui interi branchi di balene si sono arenate sulle spiagge in un apparente suicidio collettivo. Lo sostiene uno studente universitario della Duke University.



Molti animali possono percepire il campo magnetico terrestre e lo utilizzano come una sorta GPS per mantenere l’orientamento durante le loro lunghe migrazioni. Tuttavia, le tempeste solari potrebbero disturbare questo segnale.

Ricerche precedenti hanno trovato una correlazione tra attività solare come macchie solari e flares ed episodi che hanno visto capodogli arenarsi sulle spiagge, ma questa analisi ha cercato di capire fino in fondo quale potrebbe essere la relazione.

Gli scienziati hanno esaminato altri fattori come i cicli climatici e la variazione stagionale, fattori che non sembrano avere affatto alcun impatto sugli spiaggiamenti.

Hanno anche esaminato la quantità di campo magnetico terrestre che oscillava, una misura chiamata indice AP, per vedere se era collegato a spiaggiamenti. Ma non è stato, un risultato che all’inizio ha scioccato Granger, perché si aspettava che le variazioni locali del campo magnetico avrebbero potuto portare la balena a confondersi sulla sua posizione e finire a riva.

Le balene grigie sono una specie ideale per testare questa idea

Le balene grigie sono una specie ideale per testare questa idea perché effettuano una migrazione di 10.000 miglia all’anno dalla Baja California all’Alaska e viceversa e rimangono relativamente vicine alla costa, dove piccoli errori di orientamento potrebbero portare a un disastro, ha detto Granger.

Ha consultato un database del NOAA su incidenti legati a formazioni di balene grigie spiaggiate avvenuti negli ultimi 31 anni e ha scartato tutti i casi in cui le balene erano malate, malnutrite, ferite o impigliate, lasciando solo 186 eventi che hanno coinvolto animali sani.

Confrontando questi dati con le registrazioni dell’attività solare e separando statisticamente molti altri possibili fattori come stagioni, tempo, temperature oceaniche e abbondanza di cibo, Granger ha concluso che le balene grigie hanno 4,3 volte più probabilità di spiaggiarsi quando molto rumore a radiofrequenza proveniente da un flares solare che ha colito la Terra.

Grager ha espresso il sospetto che il problema non stia tanto in una tempesta solare che deforma il campo magnetico terrestre, sebbene possa farlo. Più probabile che il rumore sulle radiofrequenze creato dal flare solare ha qualche effetto che danneggia i sensi delle balene, impedendo loro di orientarsi correttamente.

La probabilità che le balene possano in qualche modo utilizzare il campo magnetico terrestre è piuttosto forte ma, sfortunatamente, i ricercatori non sono ancora in grado di provarlo“, ha detto Granger.

Il suo studio fornisce ulteriori prove dell’esistenza di un senso sensibile al magnetismo che le balene potrebbero utilizzare per orientarsi durante le migrazioni

“Una correlazione con il rumore sulle radiofrequenze provocati dai flares solari è davvero interessante, perché sappiamo che può compromettere la capacità di un animale di utilizzare le informazioni magnetiche“, ha detto.

Non stiamo cercando di dire che questa è l’unica causa“, ha detto Granger. “È solo una possibile causa“.

  • Fonte: Current Biology, 24 febbraio 2020. DOI: 10.1016 / j.cub.2020.01.028
2